Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

È morto a Parigi il pittore trentino Paolo Vallorz

Pubblicato

-

È morto ieri a Parigi il grande pittore Paolo Vallorz, originario di Caldes in valle di Sole 

Aveva 86 anni e la sua arte aveva raggiunto una dimensione internazionale nella post-modernità, reinterpretando i volti dell’uomo e il corpo della donna dopo le stagioni dell’astrattismo, recuperandone la profonda, spesso tragica, disperata verità. Parigi era lo scenario su cui, a partire dagli anni Cinquanta, aveva «innovato» non solo uno stile d’arte, ma una «funzione  per l’arte», con mostre che erano spaziate da New York alla «Tate» di Londra, da Milano a Zurigo, fino alle Albere e al Mart, che ne conserva una donazione preziosa.

Vallorz Incontrò la pittura già in giovane età, frequentando per un anno, nel 1948, l’Accademia di Belle Arti a Venezia, sotto la guida del Maestro Guido Cadorin. L’anno successivo si trasferì a Parigi, dove frequentò l’Accademia Libera della Grande Chaumière du Montparnasse. Per evitare il servizio militare visse in clandestinità.

Pubblicità
Pubblicità

In questi anni frequentò Alberto Burri, César, Yves Klein, Giacometti e Pierre Restany nel quartiere latino. La sua produzione di quegli anni fu di carattere astratto, inizialmente opere geometriche, quindi informali. Negli anni della maturità, riacquistò personalmente le opere di questo periodo per distruggerle, in quanto non si riconosceva più in quanto realizzato.

Eseguì numerosi oggetti in ferro battuto e l’altare della chiesa di Vermandovilliers nella Francia settentrionale. Nel 1956 fu conquistato dalla passione per le macchine da corsa: con Jean Tinguely progettò, realizzò e guidò una vettura nella 24 ore di Le Mans del 1958.

Riprese poi a dipingere, privilegiando i paesaggi, soprattutto della sua valle natia, la Val di Sole. Nella prima metà degli anni sessanta espose a New York, due volte, partecipò a svariate collettive a Parigi ed a Tolosa, ottenne anche il primo premio di pittura alla Tate Gallery di Londra. Nel 1967 espose alla Gallerie Claude Bernard a Parigi, nel 1970 a Castel Caldes presentò una personale, poi due esposizioni a Milano ed una a Torino. Sempre in questi anni partecipò ad importanti mostre collettive a Darmstadt e Pittsbourgh.

Si occupò anche di rivalutare e riqualificare l’opera di un gruppo di artigiani – artisti della Val di Sole, fra cui spiccano gli artisti: Mauro Pancheri, Albino Rossi e Luciano Zanoni; l’artigiano Bruno Baggia. Nel 1978, a Milano, ci fu l’esposizione della serie ‘Albe e tramonti’. Le sue partecipazioni a collettive italiane e francesi sono numerosissime.

Nel 1993 Vallorz donò un cospicuo numero di opere al MART inerenti tre nuclei tematici corrispondenti ai suoi soggetti preferiti degli ultimi vent’anni del XX secolo: il paesaggio, la natura morta e il ritratto. Il MART gli ha dedicato due personali: “Paolo Vallorz. La Natura come Storia dell’uomo”, nel 2005, e “La donazione Paolo Vallorz” nel 2011.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 1995, Jean Clair direttore del Museo Picasso a Parigi e suo grande estimatore lo invitò ad esporre nell’importantissima rassegna Identità e alterità che celebrava il centenario della Biennale di Venezia. Negli anni seguenti continuò a dipingere, prevalentemente paesaggi; nel 1998, Jean Clair volle varie sue opere raffiguranti cieli e montagne per una Mostra che stava organizzando. Negli ultimi anni si è dedicato a raffigurare dettagli dei paesaggi che tanto ama, in particolare un soggetto: tre piante che partono da un unico gruppo di radici, ubicate sul monte Peller, nei pressi di Caldes.

Negli ultimi anni Vallorz ha passato il suo tempo fra Parigi e Caldes, dipingendo i paesaggi che tanto amava. A corollario ecco una frase dell’artista, che riassume tutte le sue opere« Sono nato tra gli alberi multicolori della Val di Sole, valle del sole baciata da acque limpide e fresche. Ho fatto la mia esperienza informale concettuale ma me ne sono ritratto avvilito e scontento. Sono ritornato alla vita, alla natura, ai fiori, ai frutti nella loro naturalità vera. Li vedo intensamente anche quando sono chiuso in una stanza buia a pensare »

«La notizia della scomparsa di Paolo Vallorz colpisce il Trentino tutto con la forza del vento freddo del nord che rende tutto più duro e doloroso, perché egli è stato uno dei più grandi protagonisti dell’arte trentina nel Novecento»scrive in una nota il presidente del consiglio della provincia Bruno Dorigatti che aggiunge «con lui si perde, non solo un maestro di rilevanza internazionale, ma anche un testimone attento di questa terra, la quale, oggi colpita da questo lutto, si inchina deferente nell’apprezzamento e nel ricordo».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza