Connect with us
Pubblicità

Trento

Denis Mukwege: Il dottore che cuce le ferite del corpo e dell’anima delle donne

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ci sono ferite che la medicina cura e sana. Ci sono altre ferite, quelle dell’anima e dello spirito, che spesso cercano invano il loro balsamo risanatore.

E’ possibile dimenticare una violenza così atroce e disumana come lo stupro? E’ possibile togliere dal cuore il peso di un dolore indescrivibile?

Domande a cui solo le donne che hanno visto negli occhi quella brutalità possono rispondere.

Pubblicità
Pubblicità

Chi le aiuta e le supporta è il dottor Denis Mukwege, medico e attivista della Repubblica Democratica del Congo. Specializzato in ginecologia e ostetricia, nel 1998 ha fondato il Panzi Hospital, ospedale in cui è diventato il massimo esperto mondiale nella cura di danni fisici interni causati da stupro.

Il dottore è arrivato nella nostra regione grazie all’invito che nel novembre dello scorso anno gli studenti del Liceo G. Galilei e Da Vinci di Trento gli hanno rivolto in una lettera.

L’ospite d’onore per la cena di solidarietà con 130 persone partecipanti promossa sabato 18 novembre dalle associazioni CAVA, ACCRI, Comitato delle Associazioni per la Pace e i Diritti Umani, Africa Tomorrow, COOPI Trentino, Il Melograno, Mlal, Sishu, Spagnolli Bazzoni, Tam Tam Per Korogocho, Gruppo Autonomo Volontari il tutto in collaborazione con Forum trentino per la pace e i diritti umani, Liceo L. Da Vinci e Liceo G. Galilei e John Mpaliza il Peace Walking Man.

Pubblicità
Pubblicità

A pochi giorni dalla dalla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre indetta dall’Assemblea Generale della Nazioni, una serata per aiutare queste donne (la cena ha consentito di raccogliere fondi per il Panzi Hospital) e per riflettere e conoscere grazie alle parole del dottor Mukwege:

“Mi alzo in piedi per poter guardarvi negli occhi e avere un contatto con tutti voi. Provo una grande emozione per come voi tutti vi mobilitate per aiutarci, voi così lontani ma così vicini. Voi siete la speranza per milioni di donne e dirò loro quanto siete vicino a noi. Il messaggio delle donne della Repubblica Democratica del Congo oggi è ‘Siamo ferite però non siamo sole, non siamo isolate’. E’ incredibile vedere queste persone sofferenti che riescono ancora a ringraziare Dio, che hanno la forza di lavorare, servire. Mi chiedo anche come fanno a cantare, quando fanno fatica a sopravvivere, a mangiare, come fanno. Riescono ancora a cantare, sono felice di questo e che siete qui tutti; per me è una grande gioia essere qui con le vostre associazioni che ci fanno capire che queste donne non meritano queste sofferenze, noi siamo pur nelle diversità tutti uniti.”

Poi il dottore descrive le atrocità subite dalle donne: “E’ così difficile pensare che il mondo chiuda gli occhi su questo.

Le donne vengono ferite con bastoni, oggetti contundenti (cocci di vetro) che creano lesioni interne che portano incontinenza, problemi di relazione. Queste donne poi sono allontanate dai loro familiari stessi perché stuprate. Questa sofferenza atroce è distruzione dell’umanità e porta spesso discriminazioni sociali terribili. Dove lavoro vedo distruzioni fisiche che dal punto di vista sociale impediscono una vita normale.

Mi dico invece di ucciderle le hanno tenute in vita, però rendendo loro la vita anormale: gli aggressori vogliono umiliarle, dimostrare che sono loro i più forti. Le donne mi dicono ‘io non esisto più, non ci sono più da quando mi è successo, non sono più niente. Non so perché devo continuare a vivere.’ E io piango.

Per fortuna quando arrivano da noi c’è una equipe e molto spesso, nel 95% dei casi, riusciamo ad aiutarle, solo il 5% non possiamo curarle fisicamente per i danni subiti. Sono migliaia le donne che vengono da noi alla ricerca di una soluzione.

Se riusciamo a curarle fisicamente rimane il problema enorme della loro umiliazione subita: queste donna vengono violentate davanti al marito, ai figli, ai vicini. Gli psicologi della nostra equipe cercano di dare loro coraggio per dare spirito e anima a questo loro corpo, privo ora di emozioni; vi è infatti una dissociazione tra il loro corpo che continua a vivere e il loro non esistere più. L’intervento che diamo loro è anche economico, 50 dollari, un coniglio, una capra, perché tornino nel loro villaggio e continuino a vivere.

Le accompagniamo anche su piano giuridico, dando loro strumenti di giustizia. Quando una donna comincia a riprendere il proprio corpo, a stare meglio fisicamente, si chiede perché è successo a me e vuole dirlo agli altri. Quindi diamo loro avvocati perché sentano che viene riconosciuta la loro posizione di vita, perché parlino delle loro ferite.

Questi aggressori vogliono ferire, distruggere la comunità. Noi non potremo fare questo lavoro senza persone come voi, che ci aiutano e ci accompagnano. Noi non abbiamo sostegni statali ma voi ci date la forza di continuare.”

Poi il dottore continua raccontando la storia di una donna terribilmente violentata, maltrattata: “Dopo essersi ripresa fisicamente le abbiamo dato 80 dollari, è riuscita ad avviare una attività commerciale a comperarsi un pezzo di terra; l’abbiamo aiutata a costruirsi una casetta. Ci ha detto ‘mi sento una donna, sono fiera di essere donna. Vivo in una casa che è mia, ho la mia attività e se viene un uomo gli dico se mi ami puoi restare altrimenti vattene perché questa è casa mia.’ Grazie a voi queste persone hanno ritrovato la dignità.”

Qui le voci e i volti delle vittime: https://www.youtube.com/watch?v=Hu0jUn4Ek8I

Qui il video dell’intervista al dottor Mukwege: http://www.dailymotion.com/video/x2b3gv9

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 minuti fa

Filiera del legno, il Servizio foreste mette 345 aziende sotto la lente: «Scommettere su formazione e innovazione»

Rovereto e Vallagarina19 minuti fa

Si arrampica su una piattaforma in plexiglas e cade da circa 2m: 13 enne trasportato al Santa Chiara

Trento24 minuti fa

In Trentino arriva l’influenza «Australiana»

Le Vignette di Fabuffa47 minuti fa

Aborto, legge 194: i pro e i contro e la Boldrini contestata dalle femministe

Italia ed estero14 ore fa

Bambina di 8 mesi picchiata dal compagno della madre: è gravissima

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

A fuoco una cucina a Moena, il rapido intervento dei vigili del fuoco limita i danni

Trento15 ore fa

Coronavirus, 512 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Trentino

Le ultime dal Web19 ore fa

Morto Bruno Bolchi il primo calciatore a comparire sulle figurine Panini

Trento19 ore fa

Alta Formazione Professionale: al CFP ENAIP di Villazzano, la cerimonia di consegna dei diplomi

Italia ed estero19 ore fa

Scontri tra tifosi per una partita di calcio: 185 morti in Indonesia – IL VIDEO

Italia ed estero23 ore fa

Anche in Italia le zanzare mutano geneticamente adattandosi ai pesticidi

Trento24 ore fa

Attività motoria e sport nelle scuole, 420 mila euro per il 2022/2023

Trento24 ore fa

Sistemazioni idrauliche e forestali, in campo risorse per 116 milioni di euro in 5 anni

Bolzano24 ore fa

Erano morte dopo un volo di 100 metri: ieri il complicato recupero del mezzo

Italia ed estero1 giorno fa

15 chilometri di follia: rapinatore in fuga ruba 3 auto e uccide un ciclista

Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento2 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento2 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Trento2 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Trento6 giorni fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica7 giorni fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…4 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

Le ultime dal Web6 giorni fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza