Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Via Travai a Trento, la dignità umana calpestata ogni giorno – di Gian Piero Robbi

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Egregio Direttore,

nel tempo in cui si progettano aerei che viaggiano ad energia solare e si vendono smartphone che riconoscono la faccia del proprietario, è inammissibile che si possano incrociare per strada giacigli di fortuna dove dormono persone che non hanno un tetto sopra la testa.

Pare, insomma, che il progresso tecnologico sia inversamente proporzionale al regresso sociale e al menefreghismo di chi ha nei confronti di chi non ha.

Pubblicità
Pubblicità

Per vedere con i propri occhi la povertà, infatti, non basta guardare in TV i vari documentari sul degrado nel Mondo ma una passeggiata per le vie di Trento, Via Travai nello specifico.

E’ facile, infatti, incrociare parecchi clochard (ben cinque il 21/11/2017 e tre oggi) che dormono in strada e che, con le temperature già proibitive, potrebbero rischiare perfino di non svegliarsi più l’indomani.

No, non si può non fare nulla nei confronti di questa gente, i Miserabili, per dirla alla Victor Hugo. Il Comune, il Sindaco e soprattutto l’Assessore alle Politiche Sociali (se esiste ancora), hanno il dovere di adoperarsi per trovare a questa una sistemazione idonea, soprattutto di notte, non lasciando l’incombenza alle associazioni caritatevoli che non possono affrontare da sole il problema.

Pubblicità
Pubblicità

Basterebbe togliere risorse ad eventi folcloristici e privi di utilità pubblica – come il Dolomity Pride, annunciato ieri – e destinarli a politiche concrete per provare a salvare letteralmente la vita dei clochard.

Ci vogliono, in poche parole, personale, strutture e materiali (letti, cibi e bevande calde…) che si attivino per aiutare i senzatetto (mi riferisco anche a tutte quelle persone che, ahimè, dormono in macchina), soprattutto – ribadisco – nella stagione invernale. Oppure, bisogna economicamente sostenere ancora di più le associazioni che già operano sul territorio.

Invece di mettere all’asta l’ex Ostello, il Comune potrebbe destinarlo alle varie associazioni che si occupano di queste problematiche, come già successo anni fa con i profughi Kosovari.

Gian Piero Robbi – Agire per il Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Trento2 giorni fa

Trovate dai cani antidroga centinaia di dosi nascoste nelle piazze di Trento: 30 denunce nello scorso week end

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento17 ore fa

«Via da Trento per la paura»: la storia di Patrizio e Ivana emigrati felici in Slovenia

Trento5 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Trento1 settimana fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Trento1 settimana fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi1 settimana fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento4 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Fiemme, Fassa e Cembra5 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Trento1 settimana fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina1 settimana fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion7 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza