Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Pasta: ecco le marche contaminate dal glifosato

Pubblicato

-

La trasmissione Report dello scorso 30 ottobre (ecco la puntata: Che spiga!) è andata a vedere da dove viene il grano con cui è fatto il piatto di pasta che quotidianamente è presente sulle nostre tavole.

Il Canada è il primo produttore mondiale di grano duro e il paese da cui l’Italia importa ogni anno un milione di tonnellate. Lì le spighe sono coltivate con largo uso di glifosato, il diserbante più diffuso al mondo, prodotto dalla Monsanto, che secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc – International Agency for Research on Cancer), è un probabile cancerogeno.

Nel nostro paese è vietato l’uso di questa sostanza nella fase di pre raccolta, mentre in Canada nulla ne vieta l’utilizzo.

Pubblicità
Pubblicità

Il glifosato, secondo lo studio condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna, in collaborazione con l’Università di Bologna (Facoltà di Agraria, Veterinaria e Biostatistica), l’Istituto Tumori di Genova, l’Istituto Superiore di Sanità, la Mount Sinai School of Medicine di New York con Grant NIH/USA, la George Washington University di Washington, anche a basse dosi, ha effetto genotossico (rompe il DNA e provoca microgranuli nelle cellule), ha effetto androgeno (interferisce con il sistema endocrino e provoca ritardo nello sviluppo sessuale) e ha effetto antibiotico (distrugge la flora intestinale).

Conseguenze sulla salute evidenti e gravi, “che potrebbero manifestarsi anche con patologie oncologiche a lungo termine, con un impatto notevole in termini di salute pubblica in quanto colpiscono la fascia di età infantile e adolescenziale”, ha scritto la dottoressa Fiorella Belpoggi, direttrice del Centro di ricerca sul cancro Cesare Maltoni dell’Istituto Ramazzini di Bologna, nella lettera indirizzata al ministro Maurizio Martina.

In quali marche di pasta sono stati trovati i residui di glifosato?

Pubblicità
Pubblicità

GranoSalus, l’Associazione dei Produttori in difesa dei consumatori, a febbraio scorso ha analizzato 8 campioni dell’annata 2015 (vedi foto sotto): in tutte il glifosate è presente in dosi differenti.

Anche Report ha analizzato diversi marchi di pasta (i lotti sono dell’annata 2016,) su sei marche: i valori di glisofato sono risultati addirittura maggiori di quelli dell’anno precedente (vedi foto sotto).

I dati di Report confermano, quindi, che il livello di contaminazione è aumentato, “eppure in trasmissione abbiamo appreso che le industrie “negano” l’uso di grano canadese!” afferma GranoSalus.

Gli stessi dati raccolti da GranoSalus rivelano l’aumento della contaminazione da febbraio ad ottobre. In queste ultime analisi su 20 campioni di semola solo 6 marche sono risultate prive di glisofato, le altre 14 sono tutte contaminate (vedi foto sotto).

Abbiamo posto alcune domande a Saverio De Bonis, presidente della Associazione GranoSalus.

Presidente De Bonis ci aiuta a comprendere  il perchè del  diverso valore di glifosato tra le prime analisi da voi effettuate sulla pasta e quelle successive  effettuate sulla semola?

“La pasta da noi analizzata era realizzata con grano dell’annata agraria  2015, mentre i campioni di semola analizzati sono da attribuire al raccolto del  2016.”

Quindi? Annate diverse con qualità tossicologiche diverse?

“L’annata agraria 2016 in Canada è stata particolarmente negativa dal punto di vista climatico. La concentrazione di micotossina DON è risultata particolarmente elevata ed ha investito i due terzi della produzione.  Questi dati sono stati confermati dagli operatori commerciali canadesi in un incontro presso la Camera di Commercio di Foggia.”

Presidente,  è vero che l’Italia è il Paese che importa più grano al mondo? 

“Si, è vero l’Italia importa grano duro per 2,8 milioni di tonnellate nel 2014 prevalentemente dal Canada. Il nostro livello di auto approvvigionamento di grano duro però nel tempo tende ad abbassarsi: se nel 2005 l’Italia soddisfava il 74% del suo fabbisogno, nel 2014 tale valore è calato di dieci punti percentuali, evidenziando così la progressiva riduzione delle nostre superfici.”

E’vero che l’Italia per il proprio consumo interno di pasta non avrebbe bisogno delle importazioni?

“Si, è vero. Il raccolto di un anno basterebbe per soddisfare il fabbisogno nazionale. E ci sarebbero margini anche per coprire la quota di fabbisogno di pasta estera se il grano nazionale fosse adeguatamente remunerato. Occorre considerare che ci sono circa 600 mila ettari di terreni che possono ritornare a produrre e che oggi non lo sono. Le importazioni non avvengono per soddisfare un fabbisogno alimentare interno bensì per soddisfare un fabbisogno  industriale: la produzione di pasta da esportare in tutto il mondo. E’ bene considerare che nei paesi esteri dove viene venduta la pasta industriale il consumo pro capite è di gran lunga inferiore al nostro consumo pro capite. La pasta  italiana destinata al mercato interno è costituito da consumatori che mangiano in alcune aree del sud anche 30 kg in un anno (a fronte di una media nazionale in calo dal  26,1 kg nel 2008 a 24,9 kg nel 2014) è doveroso che venga prodotta con grano italiano di massima qualità e salubrità: il miglior grano del mondo, il grano del sud.”       

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Sociale, dal primo di luglio via allo sconto automatico in bolletta: a chi si rivolge e come accedere
    Dopo le ultime correzioni dell’Authority Arera, il primo luglio è pronto a partire il bonus sociale che prevede uno sconto automatico in bolletta di luce, acqua e gas. Cos’è il bonus sociale Il bonus sociale... The post Bonus Sociale, dal primo di luglio via allo sconto automatico in bolletta: a chi si rivolge e come […]
  • Bonus Tv, fino a 100 euro senza limiti di Isee: come funziona
    Dal Ministero dello Sviluppo economico e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze debutterà un nuovo decreto che prevede 100 euro, senza limiti di Isee per la rottamazione della vecchia “tv” Il cambio del digitale terrestre... The post Bonus Tv, fino a 100 euro senza limiti di Isee: come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Money, contributi a fondo perduto per Startup innovative
    Con una dotazione totale di 9,5 milioni di euro, a partire dal 24 giugno potranno essere presentate le domande di agevolazione per Startup innovative dal Programma Smart Money. Smart Money, Cos’è Smart Money è una... The post Smart Money, contributi a fondo perduto per Startup innovative appeared first on Benessere Economico.
  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Orange Wine: l’affascinante vino arancione torna di tendenza
    Il mondo dell’enologia non si divide solo in vini rossi, bianchi o rosati. Sempre più spesso infatti, grazie alla continua evoluzione nel settore arrivano sul mercato nuove tendenze particolarmente apprezzate. Questo è il caso dell’Orange Wine, il vino arancione, un vino che secondo molti sommelier regala gusti ed odori del tutto inaspettati. Infatti, nonostante l’Orange […]
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]

Categorie

di tendenza