Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Paradise Papers. Dorfmann: «Sanzioni per chi favorisce l’elusione fiscale»

Pubblicato

-

Luxleaks, Swissleaks, Panama Papers e ora Paradise Papers: in pochi anni è venuto alla luce un circuito planetario di pianificazione fiscale aggressiva, in cui multinazionali, ricchi contribuenti e banche si danno la mano e lavorano insieme per eludere le imposte.

Come? Elaborando strategie complesse, che approfittano della mancanza di armonizzazione tra i regimi fiscali dei vari stati e permettono quindi di spostare i profitti là dove le tasse sono più basse o, addirittura, inesistenti.

Un esempio è il cosiddetto “sandwich irlandese”, strategia che Facebook utilizza per trasferire le risorse prodotte in Italia alla casa madre irlandese (Facebook Ireland Limited), dove l’aliquota è del 12,5 per cento. Con questo stratagemma, la multinazionale di Mark Zuckerberg è riuscita a versare allo stato italiano solo lo 0,11 per cento dei ricavi reali.

Pubblicità
Pubblicità

Una vergogna. Ancora di più se si pensa che tutto questo è legale, dato che l’Italia non si è ancora dotata di una misura appropriata per contrastare questa forma di spostamento dei ricavi.

La pianificazione fiscale aggressiva non è un fenomeno solamente immorale: siamo di fronte a un cancro che divora le nostre economie, danneggiando la concorrenza e le politiche fiscali e, soprattutto, aumentando le diseguaglianze. È totalmente inaccettabile che cittadini e piccole imprese paghino il giusto ammontare, mentre i più ricchi ne approfittano per spostare i loro ricavi là dove le tasse sono più basse.

In Parlamento europeo non abbiamo dubbi: le tasse vanno pagate là dove si realizzano il fatturato e i profitti. Per questo stiamo lavorando per cambiare la normativa a livello europeo, in modo che le pratiche aggressive di ottimizzazione fiscale diventino illegali.

Pubblicità
Pubblicità

Nella legislatura in corso, abbiamo dichiarato guerra a questo tipo di comportamenti. L’elusione fiscale si batte a colpi di trasparenza, perché è della segretezza che si nutrono le pratiche fiscali scorrette.

Abbiamo incominciato eliminando il segreto bancario. Da quest’anno, infatti, le amministrazioni tributarie dei ventotto stati membri si scambiano automaticamente le informazioni sulle attività finanziarie detenute dai cittadini di uno stato presso istituzioni finanziarie degli altri paesi appartenenti all’Ue.

Inoltre, abbiamo legiferato affinché gli stati membri siano ora obbligati a comunicarsi reciprocamente gli accordi fiscali che stringono con le varie multinazionali, per far venir meno la segretezza intorno ai cosiddetti “accordi fiscali preferenziali”, che hanno permesso, ad esempio, ad Apple di pagare lo 0,005 per cento del suo fatturato al fisco irlandese nel 2014. Irlanda che, nel frattempo, è stata sanzionata dalla Commissione perché questo accordo ha avuto conseguenze negative sul gettito fiscale di altri paesi membri.

Sempre a questo proposito, abbiamo votato affinché che le compagnie multinazionali operanti in Europa siano obbligate a “rendicontare paese per paese”, ovvero a trasmettere alle autorità fiscali una rendicontazione specifica, relativa ai profitti e alle imposte versate in ogni paese.

Lo scandalo dei Paradise Papers è un monito a fare ancora di più e, soprattutto, a fare in fretta. Sono almeno tre le misure che abbiamo in serbo per i prossimi mesi, decisive per aumentare la stretta sui “paperoni” che provano a eludere il fisco.

Entro fine anno ci attendiamo l’approvazione da parte dei ministri delle finanze Ue di una lista nera dei paesi con un livello di tassazione molto basso o nullo. È fondamentale che entro quella data si pervenga a una definizione credibile di “paradiso fiscale”. E, soprattutto, che vengano previste delle sanzioni adeguate contro questi paesi.

In secondo luogo, è importante intercettare gli intermediari, come consulenti fiscali, contabili, banche e avvocati, che elaborano e promuovono sistemi di pianificazione fiscale. Una direttiva in proposito è già al vaglio e dovrebbe essere approvata entro sei mesi. L’obiettivo è che gli stati membri si scambino automaticamente le informazioni che hanno su coloro che favoriscono queste pratiche, per consentire un’allerta precoce sui nuovi rischi di elusione. Questo, però, non basta. È fondamentale anche qui introdurre adeguate sanzioni, per fare in modo che chi aiuta a organizzare le frodi venga punito, ad esempio con la sospensione della licenza.

Per ultimo, c’è l’ambizioso progetto, attualmente al vaglio della commissione affari economici del Parlamento europeo, di cui sono membro, di armonizzare le imposte sulle società in Europa, attraverso l’introduzione di una base imponibile fiscale europea sull’imposta sulle società. Ai singoli stati resterebbe la facoltà di determinare l’aliquota da applicare.

L’Unione europea è una superpotenza economica che ha tutti i mezzi per essere leader nella lotta contro i paradisi fiscali. È però necessario che tutti gli stati membri facciano propria questa battaglia, invece di fare loro stessi ricorso alle pratiche che vogliamo eliminare.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]

Categorie

di tendenza