Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Paradise Papers. Dorfmann: «Sanzioni per chi favorisce l’elusione fiscale»

Pubblicato

-

Luxleaks, Swissleaks, Panama Papers e ora Paradise Papers: in pochi anni è venuto alla luce un circuito planetario di pianificazione fiscale aggressiva, in cui multinazionali, ricchi contribuenti e banche si danno la mano e lavorano insieme per eludere le imposte.

Come? Elaborando strategie complesse, che approfittano della mancanza di armonizzazione tra i regimi fiscali dei vari stati e permettono quindi di spostare i profitti là dove le tasse sono più basse o, addirittura, inesistenti.

Un esempio è il cosiddetto “sandwich irlandese”, strategia che Facebook utilizza per trasferire le risorse prodotte in Italia alla casa madre irlandese (Facebook Ireland Limited), dove l’aliquota è del 12,5 per cento. Con questo stratagemma, la multinazionale di Mark Zuckerberg è riuscita a versare allo stato italiano solo lo 0,11 per cento dei ricavi reali.

Pubblicità
Pubblicità

Una vergogna. Ancora di più se si pensa che tutto questo è legale, dato che l’Italia non si è ancora dotata di una misura appropriata per contrastare questa forma di spostamento dei ricavi.

La pianificazione fiscale aggressiva non è un fenomeno solamente immorale: siamo di fronte a un cancro che divora le nostre economie, danneggiando la concorrenza e le politiche fiscali e, soprattutto, aumentando le diseguaglianze. È totalmente inaccettabile che cittadini e piccole imprese paghino il giusto ammontare, mentre i più ricchi ne approfittano per spostare i loro ricavi là dove le tasse sono più basse.

In Parlamento europeo non abbiamo dubbi: le tasse vanno pagate là dove si realizzano il fatturato e i profitti. Per questo stiamo lavorando per cambiare la normativa a livello europeo, in modo che le pratiche aggressive di ottimizzazione fiscale diventino illegali.

Pubblicità
Pubblicità

Nella legislatura in corso, abbiamo dichiarato guerra a questo tipo di comportamenti. L’elusione fiscale si batte a colpi di trasparenza, perché è della segretezza che si nutrono le pratiche fiscali scorrette.

Abbiamo incominciato eliminando il segreto bancario. Da quest’anno, infatti, le amministrazioni tributarie dei ventotto stati membri si scambiano automaticamente le informazioni sulle attività finanziarie detenute dai cittadini di uno stato presso istituzioni finanziarie degli altri paesi appartenenti all’Ue.

Inoltre, abbiamo legiferato affinché gli stati membri siano ora obbligati a comunicarsi reciprocamente gli accordi fiscali che stringono con le varie multinazionali, per far venir meno la segretezza intorno ai cosiddetti “accordi fiscali preferenziali”, che hanno permesso, ad esempio, ad Apple di pagare lo 0,005 per cento del suo fatturato al fisco irlandese nel 2014. Irlanda che, nel frattempo, è stata sanzionata dalla Commissione perché questo accordo ha avuto conseguenze negative sul gettito fiscale di altri paesi membri.

Sempre a questo proposito, abbiamo votato affinché che le compagnie multinazionali operanti in Europa siano obbligate a “rendicontare paese per paese”, ovvero a trasmettere alle autorità fiscali una rendicontazione specifica, relativa ai profitti e alle imposte versate in ogni paese.

Lo scandalo dei Paradise Papers è un monito a fare ancora di più e, soprattutto, a fare in fretta. Sono almeno tre le misure che abbiamo in serbo per i prossimi mesi, decisive per aumentare la stretta sui “paperoni” che provano a eludere il fisco.

Entro fine anno ci attendiamo l’approvazione da parte dei ministri delle finanze Ue di una lista nera dei paesi con un livello di tassazione molto basso o nullo. È fondamentale che entro quella data si pervenga a una definizione credibile di “paradiso fiscale”. E, soprattutto, che vengano previste delle sanzioni adeguate contro questi paesi.

In secondo luogo, è importante intercettare gli intermediari, come consulenti fiscali, contabili, banche e avvocati, che elaborano e promuovono sistemi di pianificazione fiscale. Una direttiva in proposito è già al vaglio e dovrebbe essere approvata entro sei mesi. L’obiettivo è che gli stati membri si scambino automaticamente le informazioni che hanno su coloro che favoriscono queste pratiche, per consentire un’allerta precoce sui nuovi rischi di elusione. Questo, però, non basta. È fondamentale anche qui introdurre adeguate sanzioni, per fare in modo che chi aiuta a organizzare le frodi venga punito, ad esempio con la sospensione della licenza.

Per ultimo, c’è l’ambizioso progetto, attualmente al vaglio della commissione affari economici del Parlamento europeo, di cui sono membro, di armonizzare le imposte sulle società in Europa, attraverso l’introduzione di una base imponibile fiscale europea sull’imposta sulle società. Ai singoli stati resterebbe la facoltà di determinare l’aliquota da applicare.

L’Unione europea è una superpotenza economica che ha tutti i mezzi per essere leader nella lotta contro i paradisi fiscali. È però necessario che tutti gli stati membri facciano propria questa battaglia, invece di fare loro stessi ricorso alle pratiche che vogliamo eliminare.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Una Borsa Nazionale del Legno per sopperire la mancanza di materie prime
    Quella del legno è una filiera in affanno, alla costante ricerca di materie prime che scarseggiano o costano troppo per fronteggiare una domanda in costante ascesa. Carenza di materie prime La domanda supera l’offerta a... The post Una Borsa Nazionale del Legno per sopperire la mancanza di materie prime appeared first on Benessere Economico.
  • Contratto di rioccupazione e sgravi contributivi: le novità proposte dal Decreto Sostegni Bis
    In attesa della prima scadenza a fine giugno del blocco dei licenziamenti, per dare una spinta all’occupazione e scongiurare un boom di licenziamenti, il Governo sta pensando ad un “contratto rioccupazione”. Contratto di rioccupazione, cos’è... The post Contratto di rioccupazione e sgravi contributivi: le novità proposte dal Decreto Sostegni Bis appeared first on Benessere Economico.
  • Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro
    Le esperienze enogastronomiche sono ormai parte integrante dell’esperienza turistica offerta dal nostro Paese, tanto che il covid non è riuscito a fermare la sua potenza economica e il suo appeal commerciale. Rapporto sul Turismo Enogastronomico... The post Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro appeared first […]
  • Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo
    Sicuramente, uno dei settori più colpiti dalla pandemia è stato quello del turismo. Per questo motivo sono stati stanziati 130 milioni di euro da investire nel settore, valorizzando i servizi di ospitalità collegati alla trasformazione... The post Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli
    Dal 10 maggio l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, nella sezione dedicata del sito internet, la dichiarazione dei redditi precompilata. Solo dal 19 maggio sarà invece possibile modificare, integrare ed inviare la Dichiarazione. In alcuni... The post Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese
    Il tema del cambiamento climatico, obiettivo mondiale per i prossimi anni ha ribaltato l’intera economia compresa di piccoli investitori costretti ad organizzarsi verso il nuovo cambiamento. Questo è il motivo che ha spinto Boston Consulting... The post Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese appeared first on Benessere Economico.
  • Hotel Sonnenhof: un’oasi di wellness in una location strategica
    Hotel Sonnenhof si trova sulla strada del sole della Val Pusteria e spicca per un design alpino-moderno, un’oasi del wellness semplicemente stupenda e un panorama che non ha eguali. Il nome di questo hotel di Brunico è tutto un programma: soleggiata, infatti, non è solo la posizione del Hotel Sonnenhof – wellness hotel in Alto […]
  • Al Hotel Winkler al Plan de Corones il concetto di vacanza trova un altro livello
    L’Hotel Winkler al Plan de Corones non è un hotel qualsiasi, si tratta infatti di un hotel benessere in Alto Adige con 5 stelle, ma anche uno sport hotel nelle leggendarie Dolomiti, un family resort che propone tanto spazio per grandi e piccoli, un design hotel nel cuore della natura. La particolarità di questo hotel […]
  • Purmontes: uno chalet di lusso in Alto Adige
    Naturale. Autentica. Contemporanea. Senza tempo. Pregiata. Questi sono gli aggettivi che definiscono il nuovo modo d’intendere un’esperienza di villeggiatura esclusiva, nello chalet Purmontes, uno chalet di lusso in Alto Adige. Purmontes spicca per un concetto unico che fonde l’uomo e la natura in un Tutto armonioso. La modernità è sapientemente combinata al passato, le tradizioni […]
  • Hotel Lanerhof, in Val Pusteria per rilassarsi con ogni comfort
    “Sempre sorprendente, sempre diverso, sempre unico e assolutamente indimenticabile. Questa è la vera vacanza all’Hotel Lanerhof, alle porte delle Dolomiti!” Situato nel pittoresco paesino di Mantana, un luogo delizioso dove è possibile ritirarsi in totale distensione per godersi al meglio la magia della varietà. In questo hotel in Val Pusteria è possibile fare esperienze esclusive […]

Categorie

di tendenza