Connect with us
Pubblicità

Trento

Mercoledì 15 novembre scatta l’obbligo delle gomme invernali. 10 cose da sapere per non incorrere nelle sanzioni.

Pubblicato

-

Scatta  mercoledì 15 novembre l’obbligo – che durerà fino al 15 aprile 2018 –  per tutti i veicoli a motore di essere muniti di pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio o di avere a bordo catene da neve (altrimenti definite mezzi antisdrucciolevoli); in caso di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio c’è l’obbligo di circolare con gli pneumatici invernali o le catene da neve installati.

L’obbligo di dotare la proprio auto di gomme invernali (o di tenere nel bagagliaio le catene da neve) per evitare di incorrere in sanzioni, è nato soprattutto per ragioni di sicurezza.

SANZIONI – Qualora uno dei dati caratteristici dei pneumatici non corrisponda a quello indicato sulla carta di circolazione si applicano le sanzioni previste dall’articolo 78 del Codice della Strada (modifiche alle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione) in quanto si tratta di dispositivi diversi da quelli indicati nel documento e al di fuori della deroga concessa nel solo periodo 15 ottobre – 15 maggio. In questo caso è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da € 422 a € 1.695 (p.m.r. € 422, pagamento entro 5 giorni ridotto del 30%, € 295,40) e la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della carta di circolazione che viene trasmessa alla Motorizzazione Civile. In questo caso il ritiro del documento di circolazione comporta l’obbligo di sottoporsi a visita e prova, ossia una revisione straordinaria, presso la Motorizzazione (UMC).

Pubblicità
Pubblicità

La circolazione del veicolo senza aver montato (o senza avere a bordo) mezzi antisdrucciolevoli (catene da neve) o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio è punito con la sanzione amministrativa da € 41 a € 169 per la circolazione in centro abitato (p.m.r. € 41, pagamento entro 5 giorni ridotto del 30%, € 28,70) e da € 85 a € 338 (p.m.r. € 85, pagamento entro 5 giorni ridotto del 30%, € 59,50) per la circolazione fuori centro abitato. Al conducente può venire intimato dagli organi di polizia stradale di non proseguire la marcia senza essersi dotato dei predetti mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali o in alternativa di proseguire con l’osservanza di specifiche cautele (art. 192 CdS).

10  cose da sapere per arrivare pronti alla scadenza di mercoledì

2  Dove? L’obbligo di montare le gomme da neve, o tenere le catene a bordo, non scatta in tutta Italia e su tutti i tipi di strada: sul sito Pneumatici sotto controllo di Assogomma sono raccolte tutte le ordinanze Regione per Regione.

Pubblicità
Pubblicità

3 – Invernali in estate. Chi desiderasse montare le gomme invernali in anticipo, per evitare di ritrovarsi a fare interminabili code dal gommista o per necessità, può comunque procedere. Nonostante non sia consigliabile per questioni di tenuta alle alte temperature, è infatti lecito circolare con le gomme invernali anche in estate, a patto che rispettino tutte le misure indicate sul libretto di circolazione dell’auto.

4 – Catene a bordo. Il Codice della Strada (articolo 122, comma 8) parla di “dotazioni invernali”: si possono montare le gomme invernali oppure, in alternativa, tenere in auto dotazioni alternative come per esempio le catene da neve omologate (l’omologazione Uni 11313 e ON V5117 sono considerate equivalenti) o i cosiddetti ragni, utilizzati in caso di gomme non catenabili. Discorso diverso per le calze da neve, le “imbracature” in tessuto usate per dare più aderenza alle gomme, che sono considerati dispositivi supplementari e non equivalenti a gomme invernali o catene.

5  Col freddo sempre meglio le invernali. Il consiglio, soprattutto per chi vive in zone in cui la temperatura scende vertiginosamente nella stagione fredda, è comunque quello di montare quando possibile le gomme invernali, che migliorano l’aderenza e dunque la frenata e la sicurezza in tutte le situazioni, dalla pioggia al ghiaccio passando per la neve. Le catene, invece, sono utili soltanto in caso di abbondanti nevicate.

– “M+S” è la sigla magica. Per essere in regola, gli pneumatici invernali devo avere sul fianco la marcatura M+S, “mud & snow” (o anche MS, M/S, M-S, M&S): i nomi “quattro stagioni”, “all season”, “all weather”, “termiche”, “da neve”, “invernali” sono diciture commerciali o di uso comune, ma non hanno valore in caso di controllo delle forze dell’ordine. Le migliori gomme invernali sono quelle che, oltre alla dicitura M+S, sono marcate con una montagna a tre punti con fiocco di neve, simbolo che indica che il pneumatico ha superato un apposito test su neve.

7 – Misure da libretto (con una eccezione). Le gomme invernali devono avere le misure indicate sul libretto per ogni auto (foto sotto), ma possono avere uncodice di velocità inferiore a quello previsto per il veicolo su cui vengono montate, secondo quanto stabilisce la Direttiva 92/93/CE. In realtà è più comodo scegliere il codice di velocità corretto, perché chi si avvale della possibilità di utilizzare quello inferiore deve apporre l’indicazione del limite in modo chiaro e visibile nell’abitacolo. Inoltre, deve obbligatoriamente cambiarle in estate: il ministero dei Trasporti, dal 2014, ha concesso un mese di tolleranza per concedere il tempo di effettuare il cambio. In parole povere, si può circolare con le gomme invernali con codice di velocità inferiore a quello indicato dal libretto solo dal 15 ottobre al 15 maggio. 

8 – Che cosa si rischia? In caso di violazione dell’obbligo di gomme invernali o catene, la sanzione varia in base al tipo di strada su cui è commessa l’infrazione: in un centro abitato è prevista una multa minima di 41 euro, mentre fuori da centri abitati si parte da 84 euro. In autostrada si va da un minimo di 80 a un massimo di 318 euro, con la decurtazione di 3 punti dalla patente.

9 – Quattro è meglio. Il Codice della Strada non dice esplicitamente che sia necessario montare tutte e 4 le gomme da neve, ma è comunque caldamente consigliato di farlo per questioni di sicurezza: è essenziale che tutte e quattro le coperture lavorino nelle stesse condizioni di aderenza. Se si montassero le gomme invernali solo sulle ruote di trazione, in caso di neve le auto a trazione anteriore perderebbero completamente la stabilità al posteriore, e quelle a trazione posteriore la direzionalità.

10 – E le chiodate? Le gomme chiodate, previste con un’ordinanza del lontano 1966, possono ancora essere utilizzate in particolari situazioni, ma devono rigorosamente essere omologate. Inoltre, le ordinanze sono molto restrittive: si possono usare solo in certi zone (di alta montagna), in certi periodi, e a certe velocità. Sono vietate in autostrada e chi danneggiasse il manto stradale, creasse un pericolo per la circolazione, o addirittura se producesse troppo rumore potrebbe incorrere in sanzioni. Per questo motivo le gomme chiodate sono state gradualmente sostituite da dispositivi più moderni ed efficaci.

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza