Connect with us
Pubblicità

Trento

Rilancio del Monte Bondone, affollato l’incontro a palazzo Geremia

Pubblicato

-

Affollato ben oltre le aspettative l’incontro che oggi, nella sala di Rappresentanza di palazzo Geremia, ha avuto come protagonisti da una parte il team di consulenti incaricati di studiare le strategie di sviluppo per il Monte Bondone e, dall’altra, i portatori d’interesse che vivono e operano sulla montagna di Trento.

Sul tavolo dei relatori, Alessandro Oliveri, coordinatore del gruppo di lavoro, affiancato da Angela Airoldi, economista (con loro, ma in platea, anche Davide Bassi, che seguirà gli aspetti ecologici, e Moris Lorenzi, esperto di paesaggio). A introdurre la serata i brevi interventi del sindaco Alessandro Andreatta, dell’assessore al Turismo Roberto Stanchina e del consigliere delegato al Monte Bondone Dario Maestranzi, che hanno esplicitato le ragioni di questo studio. “Vogliamo rimettere la montagna di Trento al centro delle nostre politiche”, ha spiegato il sindaco. “Il turismo ha una valenza importante perché crea occupazione e contribuisce alla crescita del pil”, ha sottolineato Stanchina.

Infine, Maestranzi ha sottolineato l’importanza della partecipazione: “Lo studio che uscirà da questo percorso deve essere riconosciuto come proprio dal territorio. Per questo ascolteremo tutto e tutti, ma poi vogliamo arrivare a una decisione”.

PubblicitàPubblicità

E’ toccato quindi a Oliveri illustrare la fase d’avvio di un percorso partecipativo che porterà, a fine aprile, alla definizione della strategia di rilancio della montagna di Trento. “Costruire condivisione” è il primo obiettivo, che sarà perseguito innanzitutto con un questionario, “strumento d’ascolto e nello stesso tempo spazio dove esprimere aspettative e progettualità”.

Questa serie di domande, che sarà inviata a tutti i portatori d’interesse – dunque operatori economici ma anche Asuc, scuole di sci, Comuni dei vari versanti della montagna, Apt… – servirà a fotografare pregi e difetti del Monte Bondone, a far emergere i progetti in corso e quelli auspicati, a definire le vocazioni della montagna. Una delle domande invita infatti a indicare “lo scenario di sviluppo e qualificazione che sarebbe più opportuno perseguire per il Monte Bondone”: “Giardino fuori porta della città”, da collegare a Trento con le necessarie infrastrutture, “monte dello sport” o ancora “del benessere” (non solo wellness ma anche servizi di cura), “riserva di naturalità”, “distretto urbano in quota” o un “Bondone plurale”, dunque mix di vocazioni senza una specializzazione prevalente.

Le risposte del questionario, ha spiegato Oliveri, saranno una base di partenza attorno a cui saranno organizzati forum tematici specifici per arrivare infine alla scelta di una strategia che dovrà essere quella migliore. “Non si tratterà dell’ennesima occasione persa – ha insistito Oliveri – L’Amministrazione ha investito su questo percorso, che dovrà arrivare a destinazione”.

Pubblicità
Pubblicità

In sala molti i commenti positivi e i suggerimenti, anche se non sono mancate le perplessità. Fulvio Rigotti (Funivie) ha invitato a pensare per il Bondone “a un mix di vocazioni”, Dodi Nicolussi ha invitato a tenere presente la necessità di misurarsi con un contesto “non solo trentino né italiano, ma internazionale”, Ivan Broll (Asuc Sopramonte) ha esortato a essere attenti “alla storia della montagna e ai suoi tanti sobborghi”.

La presidente del consiglio comunale Lucia Coppola ha caldeggiato il coinvolgimento dell’assemblea di Palazzo Thun mentre Maria Ceschini, sindaco di Cavedine, ha raccomandato l’attenzione a tutti i versanti della montagna, anche a quelli meno conosciuti e più lontani da Trento. Oliveri ha rassicurato Sergio Costa, presidente della pro loco, sul fatto che l’orizzonte 2035 del piano è “un invito a guardare lontano” che però deve tradursi in azioni e decisioni concrete fin da subito.

Lo sci club Agonistica Trentina ha raccomandato l’attenzione agli sport invernali e infine l’albergatore storico Alberto Barbieri ha incalzato così il team e l’Amministrazione comunale: “Olivieri si è preso una bella gatta da pelare perché ci sono molte aspettative sul suo piano. Molti stanno rinviando tante scelte in attesa di vedere dove si andrà a parare. Consultare e condividere è doveroso, ma alla fine bisogna scegliere. Non lasciateci in questo limbo, perché se siamo qui è perché il Bondone è in sofferenza”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza