Connect with us
Pubblicità

Trento

«La Forza dell’incontro»: la prima serata

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

“L’Associazione Progetto Famiglie in rete nasce nel 2016 per portare qui in Trentino un progetto molto interessante del Veneto, “Progetto Famiglie in Rete”, nato in veneto nel 2007, che ad oggi conta 100 reti attive ciascuna composta da più famiglie che si incontrano mensilmente e che insieme portano aiuto.

Cosa ci ha colpito cosi tanto?

La forza delle famiglie che unite riescono a generare benessere, soluzioni a piccoli e grandi questioni della vita quotidiana della comunità di cui fanno parte.

Pubblicità
Pubblicità

Quello che ci convince del progetto è la sua semplicità intrinseca: avete presente le storie delle nostre nonne in cui era il vicinato a prendersi cura della famiglia al momento più debole? O le storie dei vecchi in paese in cui si faceva colletta per chi aveva perso il raccolto sotto la grandine?

Con queste parole la Presidente Elisabetta Kalb ha aperto la prima serata del ciclo di incontri promosso dall’Associazione Progetto Famiglie in rete, che si svolgono ogni venerdì alle 20.30 al secondo piano del Centro Civico Brione Via Silvio Pellico 16 a Rovereto.

“Il progetto prende forma dalla capacità delle famiglie di fare rete tra loro, di portare aiuto e di restituire il sostegno avuto. Il progetto è semplice nel senso che vuole far emergere e stimolare una capacità innata in qualsiasi gruppo: quella di fare ecologia, di incidere sul bene di ciascuno. Stimola, mette in risalto ed amplia una forza che già c’è!”

Pubblicità
Pubblicità

Di questi tempi di narcisismo e individualismo, ci sono certi nicchie e ambienti in cui si fa rete, ma quello che il progetto si propone è di proporne di nuovi, di trovare uno spazio di incontro in cui conoscersi e conoscere nella convinzione che già il fatto di entrare in relazione sia apportare benessere a se stessi e agli altri.

L’Associazione offre il sostegno per creare reti, luoghi di incontro in cui ciascuno possa riprendersi una fetta di responsabilità sul futuro e sul presente del suo territorio, per ritornare ad esserne protagonisti.

Ci auguriamo da queste serate possano nascere reti che pongano nuovamente le famiglie al centro della comunità, reti che saremo disposte a sostenere offrendo il nostro sostegno e supporto affinché si possano stabilire relazioni tra le famiglie e affinché poi queste possano darsi degli obiettivi comuni.

Quali?

Quello saranno le reti a deciderlo perché ciascuna rete sarà responsabile del suo percorso ed avrà la libertà di creare quello che più le è adatto”.

La parola è passata poi al direttore scientifico, il  dottor Pasquale Borsellino, direttore dell’Unità Operativa Complessa Infanzia Adolescenza Famiglie, del Servizio Consultoriale ed Età Evolutiva presso A.U.L.S.S. 2 Marca Trevigiana.

Sono convinto che la comunità locale sia un organismo che ha una pancia, un cuore, tutta una serie degli organi, ivi compresi un sistema immunitario e una capacità grandissima di autocura.

Le persone vengono curate dalla comunità stessa in maniera invisibile, quotidiana e permanente; la comunità nel 75% dei casi da una risposta prossimale a un bisogno o ad un’esigenza che nasce. Il problema è che è invisibile, per vederla bisogna cambiare l’ottica e il punto di vista con cui si guarda la realtà.

Più di una volta durante i miei incontri di formazione vengo interrotto da una mamma che mi dice: “Bravo! Lei ha scoperto l’acqua calda: io è da mesi che ospito a casa il compagno cinese di mio figlio, fa merenda con noi, perché il papà lo lasciava due ore fuori da scuola”.

Vi sono un’immensità di microprogettualità ove esiste molto forte il concetto di mutualità.

È importante divenire catalizzatori, capire i meccanismi e fare in modo che nelle comunità locali crescano queste mutualità.

L’autogeneratività esiste, il problema è come innescare i processi affinché diventino moltiplicabili.

Il concetto di generatività e solidarietà è archetipico, è nato con la vita. In alcuni momenti critici gli esseri umani tirano fuori delle capacità incredibili.

Il progetto delle reti vuole essere un progetto che attiva solidarietà senza l’evento critico come ad esempio il terremoto, un momento eccezionale di emergenza.

Il dottor Borsellino ha poi continuato dicendo: “Gli etologi dicono che i gruppi familiari esistono perché mettersi insieme, accudire la prole, sviluppare legami fa sopravvivere meglio e di più, l’evoluzione non fa discorsi morali sceglie ciò che è più adatto al contesto. Da che mondo è mondo vivere in piccoli gruppi di reciprocità e solidarietà fa vivere di più e meglio.

Famiglie in rete, nasce da un libro di Capra Fritjof, “La rete della vita” ove si dice che se non andiamo a fondo della materia non troviamo mai l’elemento unico, ma dentro ogni elemento c’è sempre una rete. La vita è rete, tutti i processi non solo sono in rete ma sono orizzontali. La rete sta alla base della natura e della vita”.

Al termine dell’incontro, nonostante l’orario, le persone erano molto soddisfatte: “Anche questa è la forza dell’incontro”, ha affermato una signora, “sono uscita di casa molto stanca, con grande fatica, poi stando insieme, ascoltando le parole di Pasquale Borsellino e lo scambio con i presenti tutto è volato via e ora mi sento ‘piena’ e più ricca di prima, grazie a tutti!”.

Il prossimo incontro è fissato per venerdì 20 ottobre alle 20.30 al secondo piano del Centro Civico Brione Via Silvio Pellico 16 a Rovereto.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento6 ore fa

Basta catene ai cani, multe fino a 800 euro. Claudio Cia: «Disegno di legge di civiltà»

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Messa in sicurezza della SS421, la soddisfazione di Denis Paoli: «Appalto del secondo lotto previsto a inizio 2023»

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Vigili del Fuoco Val di Sole: quest’anno 1.500 interventi per 380 pompieri effettivi

Fiemme, Fassa e Cembra8 ore fa

Ospedale Cavalese: la Giunta dichiara l’interesse pubblico

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Bentornato sci: a Pontedilegno-Tonale aprono gli impianti, via a una nuova stagione invernale

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Melinda vince il premio «Vivere a spreco zero 2022» nella categoria ortofrutta

Sport9 ore fa

Morto il ciclista Davide Rebellin: è stato travolto da un camion

Piana Rotaliana10 ore fa

Living LAB alla FEM «Vite e clima: quali scenari futuri?»

Trento11 ore fa

Trento terza nella classifica italiana delle città più digitalizzate ICity Rank ‘22

Bolzano11 ore fa

Rubano i vestiti ad un anziano in ospedale: l’azienda sanitaria chiede lo scontrino per risarcire

economia e finanza11 ore fa

L’indice di fiducia dei consumatori trentini rimane negativo. Cala anche il potere d’acquisto dei consumatori

Ambiente Abitare11 ore fa

Lupi, Enpa: «un’altra conferma che l’allarme-lupo è strumentale»

Trento11 ore fa

APT: Pinè e Cembra cambiano casa e si uniscono con Trento

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Caso Iob: David Dallago rimane in carcere

Trento12 ore fa

Manifesti contro il gender all’Università di Trento, Coordinamento DAria: «Propaganda gender business sulla pelle delle persone»

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento1 settimana fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza