Connect with us
Pubblicità

Lo sport in provincia

Basket, Buscaglia su Venezia-Trento: «C’è rammarico, ci dispiace molto per la sconfitta»

Pubblicato

-

Pazzesca vittoria di Venezia con il canestro di Orelik a 15 secondi dal termine, sfortunata Trento con i due punti annullati a Forray sulla sirena. La seconda giornata del campionato di basket 2017/18 è stata emozionante come la prima per i bianconeri, ma stavolta è andata diversamente.

La Reyer si dimostra una bestia nera e anche il palasport del Taliercio che è costato lo scudetto a Sutton e compagni. Qualche contropiede sbagliato e qualche libero hanno tenuto il match in bilico con i lagunari più bravi nei momenti decisivi, forse un pizzico di sfortuna che ci può stare.

Foto Daniele Montigiani / Aquila Basket Trentino

Pubblicità
Pubblicità

Come sempre coach Maurizio Buscaglia pensa agli aspetti positivi e guarda avanti anche se deve accettare una sconfitta dolorosa ancora una volta.

Stavolta l’allenatore non nasconde il rammarico: “Complimenti alla Reyer per la bella partita: dal nostro punto di vista posso dire che abbiamo fatto un passo avanti rispetto alla scorsa settimana. Abbiamo sofferto un po’ l’attacco di Venezia nei due quarti centrali, ma complessivamente abbiamo giocato una buona partita. C’è un po’ di rammarico, in parte per il finale ma anche per i momenti prima degli ultimissimi possessi, abbiamo lasciato alcune buone occasioni per strada. Ma ora continuiamo a lavorare e crescere, andando a migliorare i nostri punti di forza e allo stesso tempo rendere meno vulnerabili quelli di debolezza. Ci dispiace molto per la sconfitta, da qui ripartiamo per proseguire il processo che abbiamo iniziato in queste settimane di lavoro”.

Mercoledì 11 ottobre alle 20:30 sarà già Eurocup per l’Aquila che esordisce nella competizione contro l’Asvel Villeurbanne, squadra francese di grande tradizione, il cui presidente è il campione Nba Tony Parker. 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Lo sport in provincia

Buon compleanno Jannik Sinner

Pubblicato

-

Oggi Jannik Sinner compie 18 anni, ma festeggia con un palmares di successi sportivi praticamente unico tra i suoi coetanei.

Battezzato” sportivamente con lo sci, Sinner si trova però decisamente più a suo agio col tennis dove inizia un percorso di crescita tecnica decisamente particolare: nessun torneo Junior, ma un lavoro di costruzione tecnica e fisica.

Sinner quando arriva alla ribalta delle cronache, lo fa praticamente da sconosciuto; ma è già numero 135 del ranking mondiale.

Pubblicità
Pubblicità

Il suo compleanno, Sinner lo festeggia negli Stati Uniti in attesa di giocare le qualificazioni per gli Us Open.

Ma Jannik Sinner non l’unico “ Millenial” che sta contribuendo al ricambio generazione dello sport non solo italiano.

Con lui anche Benedetta Pilato quattordici anni, ma già medaglia d’argento nei mondiali nei 50 rana per lei un’ipotesi accattivante.

Se la sua attività agonistica di livello durasse come quella della Pellegrini nuovamente iridata a 31 anni, potrebbe partecipare al minimo a 5 Olimpiadi: dal 2020 al 2036! Davvero non male.

Pubblicità
Pubblicità

Nel ciclismo abbiamo un diciannovenne, Remco Evenpoel; un classe 2000 che una volta che ha deciso di pedalare a livello agonistico, è entrato nel gruppo degli imprendibili.

In Spagna ha vinto la “ Clasica di San Sebastian” con lo stesso stile perentorio che ricorda un altro ciclista belga: Eddy Merckx.

Certo tutti talenti da confermare, ma l’inizio dell’avventura è davvero promettente.

L’essere campioni in età giovanile è già successo a molti: Pelè lo fu a 16 anni, poi Nadia Comaneci e Jennifer Capriati, senza tralasciare Rivera, Mazzola e Mancini per citare solo alcuni di una lunga lista.

Quando si emerge a questi livelli, arriva anche la fase più difficile: quella della conferma.

Non è facile restare umili e concentrati, sotto i riflettori, ma Jannik Sinner sta dimostrando notevole maturità indipendentemente dall’essere molto giovane.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Lo sport in provincia

Maronato trionfa su Manica nella Coppa “Città della Pace”

Pubblicato

-

Alessandro Maronato trionfando in finale su Marco Manica conquista l’edizione 2019 della Coppa “Città della Pace” andata in scena martedì sera sui campi da tennis della Baldresca a Rovereto.

Il tradizionale appuntamento estivo organizzato dal Tennis Club C10, ha visto darsi battaglia gli atleti protagonisti del positivo campionato di serie D1 disputato dal club.

I due gironi preliminari hanno promosso alla fase finale ad eliminazione diretta Alessandro Maronato, Gianluca Caputo, Franco Rizzi e Marco Manica.

Pubblicità
Pubblicità

Nella prima semifinale Maronato prevaleva abbastanza agevolmente su Caputo per 4-1 4-0, mentre nella parte bassa del tabellone Manica e Rizzi davano vita ad un incontro spettacolare in cui Manica si imponeva solamente al tie-break della terza frazione di gioco.

Dopo aver vinto il primo set per 4-3 e perso il secondo per 4-0, Manica riusciva a contenere Rizzi nel finale aggiudicandosi il tie-break per 8-6. La finale, dopo un avvio equilibrato, evidenziava tutto il valore di Maronato, che nonostante le buone soluzioni di gioco di Manica, si imponeva col punteggio di 4-1 4-0, bissando il successo dello scorso.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Lo sport in provincia

Su channel Valsugana on line la sesta puntata di «Atletica Magazine»

Pubblicato

-

Non solo Atletica in questa sesta puntata di «Atletica Magazine» su Channel Valsugana

La nostra redazione è andata infatti a trovare la nazionale di Rugby che si sta preparando nella struttura di Pergine Valsugana per i mondiali che si disputeranno in Giappone.

Ma i ritiri delle squadre blasonate hanno poi delle vere ricadute sul territorio?

Pubblicità
Pubblicità

A questa domanda risponderà l’amministratore delegato dell’APT Valsugana Stefano Ravelli che è stato ospite in studio.

In questa puntata vedremo anche il servizio dedicato alla finale oro a squadre disputata a Firenze il 15 e 16 giugno che ha visto protagonista anche l’unica squadra trentina; il G.S. Valsugana.

A seguire i risultati della Caldonazzo Lake Running, l’affascinante gara giunta alla sua seconda edizione e una breve telefonata con Aldo Andrei che sta preparando i campionati europei juniores in sardegna

Non mancherà il momento nostalgia che riguarda una clamorosa tripletta che tre grandissimi atleti italiani hanno portato a termine in un’Europeo che per l’Italia ha dato grandi soddisfazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Qui puoi vedere la playlist con tutte le puntate

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza