Connect with us
Pubblicità

Trento

Al termine il percorso «Voglio far parte della storia?» 2016-2017

Pubblicato

-

Il 27 e il 28 settembre si sono svolte le due giornate conclusive del percorso formativo sui diritti umani organizzato dall’Associazione Grande Quercia 

Conosciamo davvero i diritti umani?

Ciò che li contraddistingue è senz’altro il loro carattere intrinseco di universalità.

Pubblicità
Pubblicità

La dignità e il rispetto della dignità della persona, per esempio, sono valori che valgono per tutti, sono un’intrinseca necessità di ogni individuo e di ogni popolo, qualcosa a cui tutti gli uomini anelano e che non possono essere sottoposti a nessuna divisione di razza, colore o gerarchia sociale.

Nella natura umana esistono leggi scritte interiormente, qualcosa che l’uomo sente di dover fare necessariamente per l’autoconservazione della specie (per esempio mangiare) e lo stesso vale per i diritti umani: questi diritti ci accomunano tutti e tutti aneliamo al loro rispetto e al loro riconoscimento.

Se è insito nella natura umana, quale fatto universale, la necessità del riconoscimento dei diritti umani per cui ogni individuo desidera, necessita, lotta per tale riconoscimento, non è però altrettanto centrale nella natura dell’uomo il riconoscere tali diritti all’altro.

Da qui secoli e secoli di soprusi e violazioni di questi diritti, con conseguenti lotte per la conquista degli stessi.

Nei secoli, nei paesi occidentali si è formata ed è cresciuta una coscienza collettiva che rende gli uomini più responsabili nel confronto dei simili.

Pubblicità
Pubblicità

Infatti, ci sono persone che dedicano la loro vita a far sì che questi diritti vengano riconosciuti, cercando di arrivare a toccare le coscienze collettive che ancora sono dormienti.

Malala, ad esempio, attivista pakistana e la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la Pace, scuote queste coscienze e cerca di risvegliare negli occidentali la consapevolezza che esistono Paesi in cui le donne non hanno diritto all’istruzione.

Gli human rights defenders, come una sorta di missione, denunciano le violazioni dei diritti umani al mondo intero, soprattutto a quei Paesi che tali diritti li hanno conquistati.

Certo, la strada da fare è ancora molta, ma tanti passi vengono compiuti quotidianamente da tanti uomini.

L’Associazione Grande Quercia è partita proprio da questa universalità dei diritti umani.

Così ha organizzato il percorso formativo in modo trasversale, facendo partecipare anche altri enti che si occupano di diritti umani, primo tra tutti il Robert F. Kennedy Human Rights che ha collaborato alla creazione di questo percorso, e poi anche Emergency, l’Associazione sulle Regole, Etichal Banking e il pedagogista Alessandro Laghi, che hanno partecipato come formatori, insieme anche ad un docente, in rappresentanza di Amnesty International Rovereto ed Alto Garda.

COME SI È SVOLTO IL PERCORSO? Il primo incontro risale al gennaio 2016 (ecco l’articolo): il magistrato Marco Bruno Balestra, formatore dell’Associazione sulle Regole, ha spiegato la differenza tra società orizzontale e società verticale in cui pochi comandano su tutti e lo fanno nel proprio interesse (le decisioni vengono prese da poche persone e imposte a tutti e normalmente vengono prese nell’interesse di chi decide). Questo tipo di società non garantisce tutela dei diritti.

Nella società orizzontale, invece, ognuno sa riconoscere che ciò che vede non è la verità assoluta ma il suo punto di vista e solo la collaborazione di tutti permette di vedere la globalità della realtà. Questa consapevolezza permette di poter collaborare assieme per il raggiungimento di un obiettivo comune per il bene di tutti. Il rispetto delle regole è la strada comune verso il riconoscimento della dignità umana e questo principio è la base dell’Associazione sulle Regole.

Nella seconda giornata della prima tappa del percorso il pedagogista Alessandro Laghi ha toccato il mondo dei giovani d’oggi, privo di valori perché “il loro cuore è nella tecnologia e questo li porta ad avere e seguire idoli”. Quello che sono chiamati a fare tutti gli educatori è scaldare i giovani dal punto di vista dei valori, dare loro dei miti che si sostituiscano agli idoli, bisognerebbe raccontare loro la biografia di quelle persone che hanno dedicato la loro vita alla tutela diritti umani, arrivando in alcuni casi a donare la propria vita, come Martin Luther King e Gandhi.

Il secondo ciclo si è sviluppato in tre giornate alla fine di agosto 2016.

9 ore di formazione sono state condotte dalla Robert Kennedy Human Rights grazie alla presenza di Mariella Abruzzo.

Emergency, invece, ha portato un’altra prospettiva importante proprio in un ottica di universalità dei diritti. Emergency infatti nasce per garantire a tutti il diritto alla salute, si prende cura dei feriti indipendentemente dalla loro religione, dal loro partito politico, ecc… Opera soprattutto nei luoghi di guerra ma non solo, attualmente infatti opera anche in Italia per garantire cure mediche a tutti, compresi i meno abbienti.

Questo secondo ciclo si è concluso con una giornata di formazione con Helmut Bachmayer, Presidente dell’Associazione di Promozione Ethical Banking, che ha parlato del mercato equo e solidale che si pone l’obiettivo del giusto riconoscimento del diritto al lavoro.

Bachmayer ha parlato anche della Etichal Banking di Bolzano e della tracciabilità dei flussi finanziari: sappiamo che le banche sono invischiate in traffici non molto chiari e nel mercato delle armi. Si può pulire il denaro? La finanza non è trasparente e il profitto della finanza è negazione dei diritti fondamentali.

Proprio la tracciabilità dei flussi finanziari è stata la richiesta fatta dall’Associazione Grande Quercia, parte di una delegazione di Associazioni che ha accompagnato John Mpaliza a Bruxelles a terminare della sua marcia per la Pace iniziata a ottobre in Italia. In quella occasione John portava all’attenzione del Parlamento Europeo le violenze nella Repubblica Democratica del Congo. L’intervento dell’Associazione Grande Quercia si è concluso così: “come la Commissione Europea ha regolamentato la tracciabilità dei flussi finanziari, allo stesso modo si chiede la tracciabilità dell’estrazione delle miniere di cobalto” .

Alcune insegnanti con il titolo di ambasciatrici della Fondazione Kennedy

Le parole di Bachmayer hanno permesso di riflettere sul potere del consumatore, sulla sua possibilità di scelta e di forti ripercussioni sul mercato. É sufficiente che anche pochi consumatori decidano di boicottare un prodotto, dichiarandone il motivo alla società produttrice, per incidere sulle scelte della società stessa.

Oggi, a distanza di un anno, l’ultima tappa del percorso ha mostrato come gli impulsi sono fluiti all’interno dei progetti che le insegnanti hanno portato nelle loro classi, scuole o nei teatri in questo ultimo anno scolastico. Nelle due giornate conclusive le insegnanti, infatti, hanno presentato i progetti svolti e hanno ricevuto il titolo di ‘ambasciatrici del progetto educativo “Speak Truth to Power – Coraggio senza confini” della Robert F. Kennedy Human Rights Italia.

Un percorso di due anni che la Presidente dell’Associazione Grande Quercia, Elisabetta Murdaca, ha definito un trampolino: “Sono ammirata del lavoro svolto e ringrazio i partecipanti per quello che hanno creato, sono semi di speranza in questo mondo sempre più scuro. Da questo trampolino mi auguro possiate seminare nel mondo, nel vostro contesto lavorativo in particolare, sempre più semi per le future generazioni”.

Ecco l’elenco dei progetti sui diritti umani:

– “I have a dream”, spettacolo realizzato dall’Associazione Grande Quercia per sensibilizzare i ragazzi sul tema dei diritti umani;

– “Seeds of Hope”, recital in inglese realizzato dall’insegnante Debora Comper con gli alunni della scuola primaria; (link youtube)

– Mostra sui diritti umani realizzata dall’insegnante Lara Piantoni con i suoi alunni della scuola primaria.

– “Le stelle dei cuori alla ricerca dei cavalieri della Speranza”, recital dedicato alla Siria realizzato dall’insegnante Michela Comai con i suoi alunni della scuola primaria;

– “Scoprire i diritti umani alle scuole primarie con laboratori interattivi, giochi e storie” dell’insegnante Yvonne Mettevi, referente EDU Amnesty International Rovereto e Alto Garda;

– “Ognuno ha diritto ad una casetta”, realizzato con i bambini dell’asilo familiare con le maestre Cristina Tonelli e Graziella Grigoletti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza