Connect with us
Pubblicità

Trento

Caos Nuovo ospedale di Trento: Chi sono i responsabili?

Pubblicato

-

Se lo chiede il consigliere provinciale Filippo Degasperi in una nota, dove però vengono individuate le responsabilità in capo alla Giunta Rossi. Lo stesso Governatore Ugo Rossi va ricordato è stato assessore alla sanità nella precedente legislatura.

Ad oggi la provincia autonoma ha speso 150 milioni di euro dei 338 previsti per la realizzazione del Nuovo ospedale Trentino. Ma purtroppo per ora all’orizzonte si vede solo il nulla.

Nella nota Degasperi ricorda le parole dette da Ugo Rossi nel lontano 2013: “L’assessore alla salute Ugo Rossi affiancato dai dirigenti De Col e Ferrario e dal direttore dell’azienda sanitaria Flor ha ripercorso le tappe che hanno portato all’appalto del Not: la scelta di realizzare un nuovo ospedale, il modello di finanziamento del project financing per accelerare i tempi, il nuovo modello organizzativo”. Questo riportavano le cronache del 3 luglio 2013. “Chissà cosa avranno da raccontare oggi gli stessi personaggi di quella che da farsa sta drammaticamente assumendo i connotati della tragedia per i malcapitati cittadini!”dichiara ancora Filippo Degasperi.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo l’esponente dei cinque stelle la vicenda del Nuovo ospedale trentino, da realizzare per sostituire il “malato terminale” di largo Medaglie d’Oro (definizione del luglio 2013), ovunque nel mondo “avrebbe portato alla cacciata di chi ne ha avuto la regia. Per anni si è insistito sul Santa Chiara al capolinea (“obsoleto, inadeguato, inaccessibile”) per convincere i trentini della necessità di una struttura nuova di zecca”.

“Poi – ricorda il consigliere – si è passati alla spiegazione delle proprietà taumaturgiche del metodo di finanziamento tramite project financing (1,7 miliardi), ovvero lo strumento perfetto per lasciare gli oneri al pubblico e garantire i profitti al privato. Il project financing è stato presentato come la soluzione geniale “per accelerare i tempi e responsabilizzare i vincitori”, naturalmente grazie alla immancabile consulenza di Cassa del Trentino. Le certezze della Provincia, dei suoi dirigenti e dei suoi consulenti si infrangono di fronte alla magistratura, anche se la sentenza del 2013 viene accolta da Ugo Rossi e da Donata Borgonovo Re “come una mezza vittoria”. I due cercano di “ridimensionare gli effetti negativi della dichiarata illegittimità della commissione” facendoci credere che non sia successo praticamente nulla”.

Degasperi ricorda anche le affermazioni e le prese di posizione della maggioranza allora: “la scelta più diseconomica ora è rifare il bando” (Borgonovo Re, 19 dicembre 2013). “La procedura resta in piedi permettendo ora di aggiudicare l’appalto “con un ritardo di alcuni mesi”, prevedeva sempre il lungimirante assessore (17 dicembre 2013). Infatti la Provincia nel 2016 revoca il bando 2011 e riparte con una nuova procedura.

Pubblicità
Pubblicità

E ancora: “Con poche mosse in realtà ci si rimangia tutto. Mai dietrofront fu più repentino: via il progetto, via il project financing e via anche la collocazione al Desert. Infatti l’idea di nuovo ospedale, tanto decantata nel 2013, solo due anni dopo “ha bisogno di essere aggiornata e adeguata ai progressi tecnologici”. Non solo, per il neo assessore Zeni non ci sono dubbi: il Not va fatto a Mattarello, “tutti pro e un solo contro al trasloco”. Il 19 febbraio 2015 è Ugo Rossi a rassicurare: per il nuovo bando “ci vorrà ancora un mese”, naturalmente dopo una nuova consulenza da parte di Cassa del Trentino che, immaginiamo, avrà integralmente smentito quella di 4 anni prima. Oggi tutto riparte da zero, anzi dai quasi 2 miliardi che i trentini rischiano di dover sborsare per un progetto dichiarato già vecchio dai suoi stessi estensori. Si parla sempre di Autonomia come di assunzione di responsabilità. Chi si assume la responsabilità di tutto ciò?”

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza