Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

L’ Europa dopo le elezioni in Germania

Pubblicato

-

Un terremoto potrebbe stravolgere domani il panorama politico tedesco.

Alla vigilia del voto per il rinnovo del Bundestag, la camera bassa tedesca, la situazione è a dir poco incerta.

I cristiano democratici di Angela Merkel arriveranno primi sì, ma rischiano di perdere ben cinque punti percentuali rispetto alle scorse elezioni, e restare così appaiati intorno al 35 per cento. Un risultato lungi da assicurare a Merkel la riconferma alla guida del paese. Il cancelliere deve essere infatti eletto dalla maggioranza assoluta del Bundestag.

Pubblicità
Pubblicità

Se la passa, però, decisamente peggio il principale avversario della cancelliera, quel Martin Schulz che fu presidente del Parlamento europeo e che ora guida la Spd, l’altro “partito di massa” sulla scena politica tedesca, fermo al 21 per cento nelle intenzioni di voto. Un risultato che, se dovesse essere confermato, sarebbe per la Spd il peggiore dal dopoguerra.

E mentre Cdu e Spd piangono, l’Afd, partito nato come euroscettico e che ora ha fatto della lotta all’accoglienza indiscriminata dei migranti il suo cavallo di battaglia, ride a squarciagola, conscio che i sondaggi lo danno al terzo posto, con il 13 per cento nelle intenzioni di voto.

Una cifra, che se dovesse essere confermata dopo lo spoglio, farebbe dell’Afd il terzo partito di Germania e, nel caso non remoto in cui la Spd decidesse di governare con la Cdu, anche il principale partito dell’opposizione tedesca.

Pubblicità
Pubblicità

Nelle retrovie, però, la corsa è serrata. Altri tre partiti si contendono il terzo posto: sono i liberali (Fdp), la sinistra radicale (Die Linke) e i verdi. Il risultato di queste formazioni minori sarà decisivo per il colore che prenderà il nuovo governo.

Sondaggio Insa, 22 settembre

Sondaggi alla mano, alla vigilia del voto sono infatti due le coalizioni che il verdetto delle urne renderà possibili.

LA COALIZIONE GIAMAICA – La prima è quella che in Germania viene definita “Giamaica”, tra Cdu, liberali e verdi, dai colori dei tre partiti. Questo tipo di coalizione non ha mai visto la luce a livello federale, ma esiste già a livello locale.

Le conseguenze per l’Europa dipenderebbero molto dal ruolo che i differenti partiti sarebbero in grado di costruirsi all’interno della coalizione.

La Cdu vuole portare avanti il processo di integrazione europea, ma a piccoli passi e secondo le regole che hanno caratterizzato le varie amministrazioni Merkel. Quindi “no” alla condivisione del debito, sì una messa in comune delle capacità militari e “forse” alla realizzazione di un fondo monetario per stimolare gli investimenti, chiesto a gran voce dall’alleato francese Macron.

I potenziali alleati della Fdp, però sono di tutt’altro avviso e sostengono delle posizioni che sanno di “euroscetticismo di governo”. Vogliono fare uscire la Grecia dall’eurozona, cancellare il fondo salva stati e introdurre delle sanzioni obbligatorie per gli stati che non rispettano le regole di bilancio. Solo sulla creazione di un esercito europeo si trovano d’accordo con la Cdu.

Su questo punto però, il terzo tassello della potenziale coalizione Giamaica è in pieno disaccordo. I verdi, infatti, sono da tempo impegnati su posizioni pacifiste, per la riduzione degli armamenti e l’investimento in strumenti diplomatici di risoluzione dei conflitti.

E le divisioni non si fermano qui. I verdi si oppongono anche alla politica dei rimpatri di Cdu e liberali, manifestando un atteggiamento più morbido sul tema dell’accoglienza dei migranti.

In altre parole, se la coalizione Giamaica vedrà mai la luce, sarà frutto di estenuanti negoziazioni e poterà con ogni probabilità le sue parti a uno scontro frontale.

DI NUOVO GRANDE COALIZIONE – L’altra opzione di governo è la riedizione di una grande coalizione tra Cdu e Spd. Per l’Europa si tratta probabilmente del miglior risultato possibile, almeno nel breve termine.

Sia Cdu che Spd condividono la volontà di portare avanti il processo di integrazione, sebbene con ricette diverse.

La Spd, per esempio, propone un governo economico dell’eurozona e insiste molto più della Cdu sulla necessità di rilanciare la crescita in Europa attraverso gli investimenti.

Tuttavia, una tale alleanza avrebbe un impatto distruttivo per la Spd, in piena crisi di identità e incapace di presentarsi come “alternativa” dopo anni di governo in coabitazione con la Cdu.

E la crisi della Spd è quindi anche una minaccia per l’Europa, perché priva la Germania di un progetto alternativo a quello dei cristiano democratici e prepara il terreno a un exploit ancora maggiore dei nazionalisti.

I tedeschi hanno tempo fino a domani alle 18, quando chiuderanno le urne, per ribaltare le previsioni dei sondaggi. Dopodiché si procederà allo spoglio, con i risultati che dovrebbero arrivare a notte tarda.

Ma non c’è da aspettarsi una coalizione di governo a breve. Ci vorranno probabilmente dei mesi prima che i partner del nuovo governo trovino un accordo.

La grande maratona deve ancora cominciare.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza