Connect with us
Pubblicità

Trento

Tariffa rifiuti e applicazione dell’IVA: che confusione! La Provincia faccia chiarezza.

Pubblicato

-

All’epoca in cui la tariffa rifiuti si chiamava Tia (Tariffa di igiene ambientale), in bolletta veniva addebitata l’Iva ma, come contestato da anni, la Tia era una vera e propria tassa, e quindi l’Iva richiesta era considerabile come una “tassa sulla tassa”.

Il nostro giornale conduce questa battaglia da anni, ma ora si muove anche la politica e nel concreto anche Claudio Cia consigliere provinciale di Agire che ha depositato in mattinata un’interrogazione alla giunta provinciale in difesa delle centinaia di migliaia di cittadini che si sentono presi in giro. (clicca qui per sapere come farti rimborsare)

I contenziosi sono stati limitati, probabilmente per paura delle pratiche burocratiche, tutti però conclusi con il giudice che ha dato ragione ai cittadini e ordinato il rimborso.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo l’interpretazione dell’Agenzia delle entrate, espressa nelle R.M. n. 25/E del 5 febbraio 2003 e R.M. n. 250/E del 17 giugno 2008, la natura della TIA non è di carattere tributario, ma civilistico, in quanto si configura come un corrispettivo per il servizio di raccolta di rifiuti urbani, effettuato entro i confini della normativa di diritto civile. Pertanto, rivestendo la natura di servizio, l’Agenzia delle entrate ha ravvisato anche l’assoggettabilità all’IVA.

Questa interpretazione non è stata però condivisa da parte della dottrina e della giurisprudenza (Sentenza n. 17526/2007 della Corte di cassazione), che ne hanno ravvisato la natura tributaria e la conseguente esclusione dal campo di applicazione dell’IVA. La Corte costituzionale, con la sentenza 238 del 24 luglio 2009, ha ulteriormente riconosciuto la natura tributaria della TIA. Ma la manovra correttiva dell’estate 2010 (D.L. 31 maggio 2010, n. 78) ha tentato di chiudere definitivamente la discussione con un atto di interpretazione: la natura della tariffa prevista dal D.Lgs. n. 152/2006 non è di natura tributaria, e pertanto è assoggettabile a IVA.

Ma con sentenza n. 3756 del 9 marzo 2012, la Corte di cassazione ha nuovamente modificato l’interpretazione sulla natura giuridica della TIA, stabilendo che “Gli importi richiesti a titolo di tariffa d’igiene ambientale non sono suscettibili di essere assoggettati ad IVA”.

Pubblicità
Pubblicità

Ne consegue pertanto un quadro giuridico notevolmente confuso, nel quale ciascun Comune si comporta diversamente in merito all’applicazione dell’IVA, che ha determinato anche appelli ai propri iscritti delle associazioni dei consumatori, al fine di promuovere class action nei confronti delle amministrazioni comunali, per il recupero dell’IVA indebitamente versata.

Dal 2013 in Trentino si è passati alla “tariffa puntuale”, e la tesi di Dolomiti Energia e Dolomiti Ambiente è che trattandosi di una tariffa, cioè il corrispettivo per un servizio, l’Iva non solo sarebbe legittima, ma anche dovuta: la “tariffa puntuale” sarebbe già in grado di determinare l’esatta corrispondenza tra l’effettiva utilizzazione del servizio e l’importo richiesto, e quindi nessuna rivendicazione degli utenti sarebbe legittima.

Ma non basta il nome per definire una “tariffa”, che al momento di “puntuale” ha poco, essendo pagata sulla base di criteri presuntivi. Essa è infatti determinata da parametri astratti quali la superficie dell’immobile e il numero dei componenti del nucleo familiare, mentre le cosiddette “misurazioni” del residuo, tramite il numero distribuito di sacchetti o tramite l’uso di microchip, si basano su un principio meramente forfettario. La tariffa di igiene ambientale (TIA1, TIA2, TARSU, TARES, TARI…), comunque la si voglia chiamare, rimane una tassa, come sancito dalle sentenze sopra riportate.

Ora si è conclusa un’altra causa contro Dolomiti Ambiente e Dolomiti Energia, per l’Iva non dovuta sulla tariffa rifiuti, con il Giudice di pace di Rovereto che ha preso in considerazione anche gli anni successivi al 2013, sancendo ancora una volta che l’Iva non è dovuta, e imponendo il risarcimento di una cifra variabile tra i 100 e i 200 euro a persona, a cui si aggiungono le spese legali.

Il giudice accerta che «Non risulta in atti alcuna documentazione che attesti l’esistenza e l’effettivo utilizzo di sistemi di misurazione e pesatura dei rifiuti prodotti da ciascun utente, la cui attuale inesistenza può ritenersi dimostrata sulla base delle fatture prodotte in giudizio, che presentano importi pressoché identici a partire dal 2005 e sino al 2015». Questi i presupposti in base ai quali il giudice ha condannato Dolomiti energia e Dolomiti Ambiente a restituire le somme versate da cinque trentini a titolo di Iva in questi anni.

Ora, pur nella consapevolezza che la Giunta Provinciale non può intervenire nei rapporti tributari in materia di Iva intercorrenti tra l’Amministrazione Finanziaria dello Stato ed i soggetti che in qualità di sostituti d’imposta riscuotono l’Iva e la riversano all’Agenzia delle Entrate, anche alla luce dei più recenti pronunciamenti.

Claudio Cia nella sua interrogazione ora chiede se la Giunta provinciale non ritenga di sollecitare il Governo nazionale affinché siano finalmente emanate delle direttive ufficiali chiarificatrici da parte del competente Ministero, in merito all’applicazione dell’Iva sulle tariffe rifiuti e agli obblighi degli enti fornitori di tali servizi.

Considerato che il giudice di pace di Rovereto ha constatato come non risulti l’effettivo utilizzo di sistemi di misurazione e pesatura dei rifiuti prodotti da ciascun utente, quali sono gli Enti locali che sul territorio provinciale non sono ancora organizzati per la misurazione delle quantità di rifiuti effettivamente conferiti dalle singole utenze, applicando un sistema presuntivo, e quali sono invece gli Enti locali in grado di attribuire la parte variabile della tariffa sulla base di misurazioni dirette del rifiuto conferito? questa è la seconda domanda che Claudio Cia pone alla giunta Rossi.

Infine il consigliere provinciale chiede anche quante sono le utenze attualmente associate ad Enti fornitori del servizio di raccolta rifiuti, suddivise per Ente e se sono note, ed eventualmente a quanto ammontano, le spese relative alla raccolta di rifiuti abbandonati sul territorio provinciale e quelle relative a sanzioni per smaltimento irregolare dei rifiuti urbani.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce
    Il particolare periodo storico ha spinto molte attività a cercare soluzioni alternative per la vendita dei propri prodotti, una di queste è sicuramente l’apertura delle vetrina digitale con le vendita online. Qualsiasi imprenditore desideri aumentare... The post Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis
    Nei contributi a fondo perduto previsti dal Bonus affitto 2021 sono previsti nuovi beneficiari grazie all’ampliamento della platea dettata dal Decreto Sostegni Bis. Bonus affitto 2021, come funziona Definito dal Decreto Rilancio, il bonus affitto... The post Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis appeared first on Benessere Economico.
  • Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro
    La Commissione Europea sta lavorando ad un pacchetto di norme che limiterebbe la circolazione di contanti nei Paesi membri. Il pacchetto che potrebbe entrare in vigore nel 2024, propone di fissare in tutta Europa un... The post Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Indennità Covid una tantum per lavoratori autonomi e dipendenti: tutti i dettagli
    Fino al 30 settembre 2021 i lavoratori interessati potranno chiedere l’erogazione da parte dell’Inps della nuova indennità omnicomprensiva Covid-19 fin ad un massimo di 1600 euro una tantum prevista dal Decreto Sostegni Bis. Beneficiari dell’indennità... The post Indennità Covid una tantum per lavoratori autonomi e dipendenti: tutti i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Voli low cost e figli minori, attenzione ai sovrapprezzi non dovuti dei biglietti aerei: ENAC avvia le indagini
    Con l’arrivo dell’estate, aumentano i viaggi, ma alcuni voli low cost per compensare le perdite subite in pandemia hanno deciso di applicare una “ tassa sul sedile”. Di cosa si tratta Si tratta semplicemente di... The post Voli low cost e figli minori, attenzione ai sovrapprezzi non dovuti dei biglietti aerei: ENAC avvia le indagini […]
  • Stop al rialzo dei prezzi della benzina, raggiunto accordo tra i Paesi produttori
    Dopo l’ultima impennata del costo del carburante che da mesi va avanti sia in Italia che all’estero, i Paesi produttori di petrolio hanno deciso di trovare un accordo per frenare questa tendenza. L’incremento La tendenza... The post Stop al rialzo dei prezzi della benzina, raggiunto accordo tra i Paesi produttori appeared first on Benessere Economico.
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]
  • The Ordinary – The Balance Set: la skin care di qualità adatta a tutte le tasche
    The Ordinary è un marchio di DECIEM (società ombrello di brand focalizzati su trattamenti avanzati di bellezza) in continua evoluzione di trattamenti per la skin care. The Ordinary offre trattamenti clinici elettivi di cura per la pelle a prezzi onesti. The Ordinary è “Formulazioni cliniche con onestà”. Tutti i prodotti DECIEM,  compresi quelli del brand The Ordinary, […]

Categorie

di tendenza