Connect with us
Pubblicità

Trento

Cinformi propone i profughi alle ditte Trentine. Gli imprenditori insorgono: «una vergogna e uno spreco di soldi pubblici»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Le segnalazioni arrivano dalla Valsugana dove alcuni imprenditori sono stati contattati dal personale di Cinformi, la cooperativa che gestisce l’accoglienza dei migranti per conto della provincia autonoma di Trento.

Altre segnalazioni arrivano anche dalla Vallagarina, una di queste è oggetto anche di un’interrogazione del consigliere Claudio Civettini che chiede alla giunta provinciale di centro sinistra se è a conoscenza che Cinformi si stia adoperando per la piena formazione e occupazione diretta dei presunti profughi, contattando direttamente artigiani di ogni settore, chiedendo loro la disponibilità di assumere queste persone (al posto degli italiani!) in uno stage gratuito per il primo mese e con un costo di 400/600 euro mensili per i successivi. Soldi questi che paga la provincia di Trento agli immigrati.

Lo stesso Civettini a questo punto ipotizza se magari vi siano sistemi contributivi facilitati per quanto riguarda l’assunzione a qualsiasi titolo, nel caso in cui l’assunto sia un presunto profugo. Domande a cui la Giunta Rossi dovrà rispondere.

Ma torniamo alla Valsugana. L’operatore del Cinformi, in questo caso una donna, telefona all’imprenditore di turno fissando un appuntamento per una proposta di tirocinio non ben definita al momento del primo contatto. Poi durante il primo colloquio arriva la proposta: Cinformi manda dei giovani richiedenti asilo da formare come tirocinanti attraverso uno stage che per il primo mese è gratuito ma che poi diventerà a pagamento per il migrante che verrà retribuito con circa 400 euro al mese su un minimo di 40 ore settimanali. Poi dopo sei mesi oppure un anno bisogna però proporre un contratto di lavoro indeterminato all’immigrato.

L’imprenditore della Valsugana durante il colloquio chiede: «ma come mai non proponete per gli italiani la stessa cosa? le sembra giusto aiutare chi poi se ne andrà dal nostro territorio dopo essere stato mantenuto?» A queste risposte la signora non risponde». 

«Peraltro – continua l’imprenditore – i miei operai non vogliono assolutamente aver a che fare con gli immigrati, quindi accettando la proposta del Cinformi potrei aver dei seri problemi con i miei dipendenti»

Pubblicità
Pubblicità

Durante il colloquio la signora informa l’imprenditore che il carico della burocrazia è tutto per Cinformi, e ci mancherebbe, questo è naturale.   «Voglio denunciare questa cosa che secondo me è uno spreco di risorse pubbliche dei cittadini trentini – dichiara l’imprenditore valsuganotto – ma è possibile che con denari pubblici si formino immigrati presunti profughi che ne andranno poi ( o dovrebbero almeno) dall’Italia mentre gli italiani e i trentini vengono lasciati da soli a risolvere i loro problemi. Mi vien da pensare che questo carrozzone sia stato montato solo per stipendiare qualcuno per raccogliere solo consensi politici»

Per la cronaca, alla fine, dopo le continue domande dell’imprenditore e il manifestarsi della sua insofferenza verso questo progetto, la signora del Cinformi ha preferito abbandonare la presa: «mi ha detto che mi contatterà per sapere la mia risposta, ma poi non l’ho più nemmeno sentita» – conclude l’imprenditore che alla fine si sfoga, «qui nei nostri capannoni continuano a girare dei Rom che vogliono il ferro, a volte ce li troviamo dentro gli uffici e i capannoni senza averli fatti entrare, spesso ci minacciano. Insomma una vergogna. E se non sono i Rom, è qualche immigrato disperato che chiede la carità oppure minaccia i miei dipendenti.». Insomma adesso lavorare diventa davvero difficile e rischioso

Quindi ricapitolando, la provincia offre attraverso Cinformi mano d’opera gratis degli immigrati agli imprenditori che potrebbero anche approfittarne, anche se pare che nessuno fino ad ora abbia accettato questo tipo di proposta, ma però i lavoratori vengono pagati dalla Provincia. Un vero affare per tutti insomma, eccetto che per i contribuenti che devono mantenere gli imprenditori, il carrozzone del Cinformi, gli immigrati che magari non ricevono nemmeno lo status  di profugo e diventano clandestini e i politici che prendono queste decisioni.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra1 minuto fa

Marmolada: slavine e valanghe ci sono da sempre, ma serve prudenza

Io la penso così…6 minuti fa

Attenzione alle persone «tossiche» e ai vampiri energetici

Politica18 minuti fa

Manovra di Bilancio: le minoranze depositano circa 5.500 emendamenti

Trento1 ora fa

Sergio Mattarella apre all’autonomia, Fugatti: “Ora risolvere i conflitti sull’interpretazione delle norme”

Trento1 ora fa

Slot machine: il consiglio di Stato sospende l’ordine di rimozione

Trento1 ora fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Ambiente Abitare1 ora fa

COP27, la Conferenza ONU sui cambiamenti climatici: Tonina a confronto con la delegazione dei giovani trentini

Valsugana e Primiero2 ore fa

Frontale tra due vetture, una abbatte un palo telefonico: feriti i due conducenti

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

La Fondazione Ivo de Carneri raccoglie fondi per due nuovi progetti con regali solidali

Riflessioni fra Cronaca e Storia2 ore fa

Un appello al papa, per una tregua di Natale, come fece De Gasperi

Trento3 ore fa

Firmato il protocollo di intesa con il comparto Sanità – area della categorie

Trento13 ore fa

100 anni di Itea: concluso il concorso “Scuole in copertina”

Trento13 ore fa

A22, finanza di progetto: via libera del Ministero per 7,5 miliardi di euro di investimenti

Trento14 ore fa

Gruppo italiano interparlamentare, Ambrosi: «Mia elezione a vicepresidente grande onore e responsabilità»

Ambiente Abitare15 ore fa

Gli studenti, grazie a un fumetto, insegnano agli adulti come difendersi dalle alluvioni

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…5 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento7 giorni fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza