Connect with us
Pubblicità

Trento

Cinformi propone i profughi alle ditte Trentine. Gli imprenditori insorgono: «una vergogna e uno spreco di soldi pubblici»

Pubblicato

-

Le segnalazioni arrivano dalla Valsugana dove alcuni imprenditori sono stati contattati dal personale di Cinformi, la cooperativa che gestisce l’accoglienza dei migranti per conto della provincia autonoma di Trento.

Altre segnalazioni arrivano anche dalla Vallagarina, una di queste è oggetto anche di un’interrogazione del consigliere Claudio Civettini che chiede alla giunta provinciale di centro sinistra se è a conoscenza che Cinformi si stia adoperando per la piena formazione e occupazione diretta dei presunti profughi, contattando direttamente artigiani di ogni settore, chiedendo loro la disponibilità di assumere queste persone (al posto degli italiani!) in uno stage gratuito per il primo mese e con un costo di 400/600 euro mensili per i successivi. Soldi questi che paga la provincia di Trento agli immigrati.

Lo stesso Civettini a questo punto ipotizza se magari vi siano sistemi contributivi facilitati per quanto riguarda l’assunzione a qualsiasi titolo, nel caso in cui l’assunto sia un presunto profugo. Domande a cui la Giunta Rossi dovrà rispondere.

Pubblicità
Pubblicità

Ma torniamo alla Valsugana. L’operatore del Cinformi, in questo caso una donna, telefona all’imprenditore di turno fissando un appuntamento per una proposta di tirocinio non ben definita al momento del primo contatto. Poi durante il primo colloquio arriva la proposta: Cinformi manda dei giovani richiedenti asilo da formare come tirocinanti attraverso uno stage che per il primo mese è gratuito ma che poi diventerà a pagamento per il migrante che verrà retribuito con circa 400 euro al mese su un minimo di 40 ore settimanali. Poi dopo sei mesi oppure un anno bisogna però proporre un contratto di lavoro indeterminato all’immigrato.

L’imprenditore della Valsugana durante il colloquio chiede: «ma come mai non proponete per gli italiani la stessa cosa? le sembra giusto aiutare chi poi se ne andrà dal nostro territorio dopo essere stato mantenuto?» A queste risposte la signora non risponde». 

«Peraltro – continua l’imprenditore – i miei operai non vogliono assolutamente aver a che fare con gli immigrati, quindi accettando la proposta del Cinformi potrei aver dei seri problemi con i miei dipendenti»

Pubblicità
Pubblicità

Durante il colloquio la signora informa l’imprenditore che il carico della burocrazia è tutto per Cinformi, e ci mancherebbe, questo è naturale.   «Voglio denunciare questa cosa che secondo me è uno spreco di risorse pubbliche dei cittadini trentini – dichiara l’imprenditore valsuganotto – ma è possibile che con denari pubblici si formino immigrati presunti profughi che ne andranno poi ( o dovrebbero almeno) dall’Italia mentre gli italiani e i trentini vengono lasciati da soli a risolvere i loro problemi. Mi vien da pensare che questo carrozzone sia stato montato solo per stipendiare qualcuno per raccogliere solo consensi politici»

Per la cronaca, alla fine, dopo le continue domande dell’imprenditore e il manifestarsi della sua insofferenza verso questo progetto, la signora del Cinformi ha preferito abbandonare la presa: «mi ha detto che mi contatterà per sapere la mia risposta, ma poi non l’ho più nemmeno sentita» – conclude l’imprenditore che alla fine si sfoga, «qui nei nostri capannoni continuano a girare dei Rom che vogliono il ferro, a volte ce li troviamo dentro gli uffici e i capannoni senza averli fatti entrare, spesso ci minacciano. Insomma una vergogna. E se non sono i Rom, è qualche immigrato disperato che chiede la carità oppure minaccia i miei dipendenti.». Insomma adesso lavorare diventa davvero difficile e rischioso

Quindi ricapitolando, la provincia offre attraverso Cinformi mano d’opera gratis degli immigrati agli imprenditori che potrebbero anche approfittarne, anche se pare che nessuno fino ad ora abbia accettato questo tipo di proposta, ma però i lavoratori vengono pagati dalla Provincia. Un vero affare per tutti insomma, eccetto che per i contribuenti che devono mantenere gli imprenditori, il carrozzone del Cinformi, gli immigrati che magari non ricevono nemmeno lo status  di profugo e diventano clandestini e i politici che prendono queste decisioni.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza