Connect with us
Pubblicità

Trento

Massacro suora in Primiero, arrestati due magrebini.

Pubblicato

-

All’alba del 7 settembre 2017 i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia CC di Cavalese e della Stazione CC di Primiero San Martino di Castrozza, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Trento Francesco Forlenza, hanno dato esecuzione a due misure di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti dei cittadini Marocchini EL HAMZAOUI Noureddine e di ET TAHIRI Mohammed residenti nel Trevigiano. (qui il video dell’arresto)

Le complesse attività investigative sono iniziate a seguito della commissione di una violentissima rapina avvenuta il 9 maggio 2017 nel Comune di Primiero San Martino di Castrozza (TN), ai danni di un’anziana suora ottantenne, avvenuta con particolare efferatezza e brutalità.

Nell’occasione i due malviventi, suonato il campanello dell’abitazione, facevano irruzione all’interno della stessa scaraventando la donna a terra, colpendola con pugni al capo per poi legarle le mani con delle fascette in plastica ed imbavagliarla con del nastro adesivo, quasi a soffocarla al fine di estorcerle informazioni sulla presenza di denaro e preziosi in casa . L’aggressione è stata eseguita con efferatezza e inumanità difficilmente riscontrabili in casi del genere. 

PubblicitàPubblicità

La ricerca di ori e contanti del commando all’interno dell’abitazione, non andava a buon fine per cause non dipendenti dalla loro volontà, in quanto la donna non deteneva alcunché.

Sotto la direzione del Sost. Proc. Alessandra Liverani, La Stazione CC di Primiero S.M.C., in stretta sinergia con il Nucleo Operativo della Compagnia di Cavalese, dava immediato inizio ad una penetrante indagine a 360 gradi, che sin da subito si indirizzava su due magrebini notati nella zona, in orario compatibile all’evento delittuoso.

In tal senso i carabinieri avviavano prolungate attività sia tecniche e sia di pedinamento idonee al monitoraggio dei due marocchini che, incrociate ai risultati di una laboriosa analisi dei dati dal traffico telefonico intercorso sui ponti ripetitori, incrociando le diverse celle della stessa rete telefonica, consentiva di tracciare nel dettaglio la partenza dal Trevigiano del duo criminale alla volta del Primiero, la permanenza sui luoghi del reato in piena coerenza temporale con la rapina, nonché il precipitoso rientro in Veneto dei malviventi.

La minuziosa opera degli inquirenti, ha inoltre consentito di certificare come in passato uno degli indagati si era più volte presentato dall’anziana per vendere delle scope a porta a porta”, circostanze che hanno permesso ai criminali di verificare la bontà del bersaglio prescelto, ovvero un anziana ottantenne che viveva da sola perciò facilmente aggredibile.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sviluppo delle investigazioni, ha fatto emergere una tanto inumana quanto subdola malvagità degli arrestati che, in un primo momento hanno catturato la fiducia dell’anziana millantando allucinanti disgrazie famigliari e gravi malattie suscitando un sentimento di compassione e, una volta entrati in confidenza, facevano irruzione all’interno della sua abitazione rapinandola con efferata brutalità e violenza.

Gli incontrovertibili elementi di carattere probatorio raccolti dagli inquirenti, mettevano nelle condizioni il Sost. Proc. della Repubblica dr. Alessandra Liverani di delineare un dettagliato quadro probatorio, avvallato dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trento dr. Francesco Forlenza, che emetteva le due ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei citati Magrebini, e del terzo soggetto ancora non identificato.

Le operazioni di cattura dei rapinatori, si sono svolte nella Provincia di Treviso dove gli investigatori Fiemmesi e del Primiero attraverso un’articolata attività di localizzazione, hanno individuato e tratto in arresto pericolosi malviventi.

La suora aggredita

I due malviventi ripresi da una telecamera di sorveglianza

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Premiati i migliori formatori della Pubblica amministrazione

Pubblicato

-

Premiati venerdì al Castello del Buonconsiglio, a chiusura del XVI Convegno Pubblica Amministrazione, dedicato alle buone politiche e nuove dimensioni dell’apprendimento, i vincitori del XVIII Premio “Filippo Basile” dell’Associazione Italiana Formatori (AIF).

Tra i premiati anche l’Azienda provinciale per i servizi sanitari della Provincia autonoma di Trento, la Comunità Valle di Cembra e l’Istituto Comprensivo Trento 6. Alla cerimonia è intervenuto anche l’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli.

Il Premio nasce nel 2001 per ricordare Filippo Basile, dirigente dell’Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana e figura di spicco per lo sviluppo della formazione italiana, assassinato il 5 luglio 1999.

PubblicitàPubblicità

Il Premio, che si ripete ogni anno, si propone di valorizzare le esperienze formative d’eccellenza realizzate dalle Pubbliche amministrazioni che contribuiscono ad un concreto miglioramento dei servizi offerti, al miglioramento dei processi interni e allo sviluppo delle risorse umane.

“La formazione – ha affermato nel suo indirizzo di saluto l’assessore Spinelli – è l’unico mezzo per stare al passo con i tempi. Ormai i progressi si misurano nell’arco di pochi mesi ed è prevedibile che entro pochi anni anche all’interno della Pubblica amministrazione le nuove tecnologie indurranno cambiamenti profondi riducendo di molto i tempi dei processi. Non sarà un taglio drastico del lavoro in sé, ma si affermerà piuttosto un approccio basato sulla qualità e le competenze digitali, ma non solo. La Provincia autonoma di Trento si è già incamminata su questa strada attraverso la riorganizzazione della macchina amministrativa: non siamo messi male e possiamo vantare una buona efficienza, tuttavia la sfida posta dall’utilizzo delle nuove tecnologie porterà anche la nostra macchina burocratica a modificare il proprio modo di operare. Il lavoratore del futuro sarà la persona mentalmente aperta, che considera l’utente come un cliente”. 

Il Premio, articolato in varie sezioni, ha messo in evidenza anche alcune iniziative formative promosse da enti ed istituzioni del Trentino.

L’Azienda sanitaria provinciale si è vista riconoscere il 1° premio nella sezione “Sistemi formativi” per il progetto “Simulazioni di emergenza sanitaria in reparto”, nonché il Premio Speciale Formazione Sanità; Premio Speciale del Comitato Scientifico alla Comunità Valle di Cembra, che ha ottenuto anche una Segnalazione di Eccellenza, nella sezione “Progetti Formativi”, per il progetto “Giovani educatori per la riduzione del divario digitale”; una Segnalazione di Eccellenza, infine, anche per l’Istituto Comprensivo Trento 6, per la sezione “Progetti Formativi”, per il progetto denominato “Into the Wild 2“.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

«Le buone nuove dai Barbetta»: un progetto sociale e un ponte fra politica e cittadini

Pubblicato

-

Sono diventati ormai le «Barbette» più famose del Trentino.

Si chiamano Federico Zanotti e Lorenzo Lorandi,  43 e 46 anni, soprannominati appunto i «barbetta». 

Lorenzo ha lavorato nel campo immobiliare per anni e insieme alla sua fidanzata ha aperto 5 anni fa il negozio di gadget personalizzati in via Travai «Al Regalin», mentre Federico lavora come impiegato all’hotel Buonconsiglio di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Da alcuni mesi hanno realizzato una pagina facebook dove raccolgono i disagi, i malesseri, e le segnalazioni della gente che non ha voce, e che spesso non viene ascoltata da nessuno.  «Siamo stufi di sentire solo le buone notizie o i discorsi ipocriti di chi non vive la realtà, per questo ci pareva giusto riportare l’altra facciata di una città che negli ultimi anni è cambiata profondamente, e non certo per in meglio».

La pagina si chiama «Le buone nuove dai Barbetta» e serve anche per «far sapere quello che di buono sta facendo il governo trentino»

Loro si conoscono fin da piccoli quando giravano in bicicletta e combinavano parecchi marachelle, e sono originari entrambi di Aldeno.

Segni particolari: sono leghisti della prima ora dalla testa fino alla punta dei piedi. «Siamo in buona compagnia – sorridono sornioni i due – visto che quasi il 40% degli italiani votano il carroccio»

Pubblicità
Pubblicità

La fondazione della pagina di facebook la chiamano «esperimento sociale»: «Volevamo capire che succede quando si pubblicano storie reali che magari nessuno conosce e che sono spesso tristi e disperate. Sappiamo che uno studente universitario sta monitorando quanto succede sulla nostra pagina per alcuni passaggi della sua tesi»

I «Barbetta» sono partiti in maniera scanzonata e continueranno a farlo.

Il loro obiettivo è denunciare quello che non va in maniera moderata e magari anche ironica come testimoniano i numerosi video presenti sulla pagina. «Fin da subito hanno cominciato a seguirci in molti e questo ci ha stimolato a continuare, certo ci sono state anche le critiche, peccato che queste non siano state legate ai contenuti che pubblichiamo ma verso la nostra persona»

Gli avversari politici li hanno dipinti come la «coppia Gender», ma loro puntualizzano: «Siamo rigorosamente eterosessuali e felicemente sposati e rispettiamo i gusti sessuali di tutti, alcune critiche sono strumentali e fatte da chi a prescindere e sempre contro tutto e tutti».

I contatti e le segnalazioni sono in aumento per questo i due hanno deciso di costruire una vera e propria associazione.

Si chiama «Nova Tridentum», raccoglie persone di tutti i ceti ed ideologia politica, ed ha come obiettivo la soluzione dei problemi dei cittadini dal più piccolo al più grande. «Vogliamo essere un trait d’union fra i cittadini e la politica» 

Con la loro associazione hanno creato il progetto  «La foresta nel cuore» dove hanno raccolto e donato, attraverso la vendita di magliette, al corpo dei vigili del fuoco di Aldeno 2.500 euro che a sua volta saranno utilizzati per i danni causati dalla «tempesta Vaia».

«Il nostro obiettivo è quello di organizzare eventi per raccogliere dei fondi da devolvere in beneficenza, lo facciamo per passione, la nostra mission è quella di aiutare chi ne ha veramente bisogno» – sottolineano Lorenzo e Federico

Fra gli ultimi casi che i nostri amici «barbette» hanno fatto emergere ci sono anche il caso del Vigile Marocchino che bestemmia, gli odori di Trento Sud e le buche di via Aosta.

Ma pare che la loro esperienza non si fermi solo alla denuncia di casi sociali. I due infatti sono pronti a scendere in campo alle elezioni comunali del 2020.

Cosa chiedereste al Sindaco Alessandro Andreatta? 

«Se è soddisfatto del lavoro fatto e credo che non lo sia, e una nuova pianificazione della polizia Locale; meno turni la domenica mattina in piazza Fiera ma più controlli la sera e la notte e meno agenti negli uffici e di più sulla strada per dare una maggiore percezione di sicurezza ai cittadini e una minore libertà di azione ai delinquenti»

Perché la Barbetta?

«Perché sono pigro e non ho voglia di tagliarla, con una barba sfatta di tre giorni hai l’aria trascurata mentre di 3 anni fai tendenza» risponde Lorenzo ridendo. «Fino a 4 anni fa avevo il pizzetto  – replica Federico – poi piano piano è cresciuta, infine quando ho incontrato Lorenzo ho capito che era meglio farla crescere»

Oggi la Giunta Fugatti compie un anno di vita, un bilancio volete farlo?

«Faremo un video per riassumere quello che la Giunta Fugatti ha fatto in questi 12 mesi. Le promesse della campagna elettorale sono state tutte mantenute e non è poco di questi tempi»

Accoglienza e immigrazione, come la pensate? 

«Come dice Matteo Salvini, e viene qui per integrarsi e per lavorare diventa un nostro fratello, se invece viene qui per essere mantenuto e diventa un criminale deve essere espulso»

Giusto far cadere il governo secondo voi?

«Si giusto, e quello che è successo dopo lo ha ampiamente dimostrato. L’alleanza dei cinque stelle con il Pd ha dimostrato che Salvini aveva ragione. Ora la lega diventerà ancora più forte visto il voltagabbana di Conte e i cinque stelle. Il M5s diceva no a tutto escludendo di fatto la lega da ogni decisione».

Case Itea, cosa ne pensate del giro di vite di Fugatti?

«Per quanto riguarda i punti della nuova delibera era necessario per tutelare gli onesti. Per i 10 anni di residenza pienamente d’accordo».

E sull’ideologia Gender?

«Ognuno può fare quello che vuole, ma non deve andare nelle scuole ad insegnare delle cose che sono contro natura»

Sull’Europa?

«Meno Europa più Italia»

E sull’Euro? 

«Non possiamo più uscire, lo slogan “basta euro” vecchio cavallo di battaglia delle lega ora non è più attuale». 

Porti chiusi o porti aperti?

«Porti chiusi, inutile farli arrivare per poi rimpatriarli, si gettano montagne di soldi dei contribuenti facendo così. Aiutiamoli a casa loro»

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Tempesta Vaia: il grazie del presidente Fugatti agli artigiani e ai vigili del fuoco per il loro impegno

Pubblicato

-

“Siamo qui per dirvi doppiamente grazie, prima di tutto come vigili del fuoco ma al tempo stesso anche in quanto artigiani che spesso fanno parte dei Corpi volontari e che comunque tanta parte attiva rivestono in quel complesso e drammatico fenomeno chiamato Tempesta Vaia”.

Con queste parole il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha preso parte ieri mattina alla cerimonia che l’Associazione artigiani e piccole imprese ha voluto dedicare ai Vigili del fuoco volontari nell’ambito delle iniziative della manifestazione “A come… legno”.

Fugatti, che ha preso la parola dopo il presidente degli artigiani, Marco Segatta, la testimonianza portata dal vigile-artigiano Giovanni Dellagiacoma, ed il saluto del presidente della federazione Corpi vigili del fuoco volontari, Tullio Ioppi, ha ricordato a sua volta i momenti drammatici di quei giorni, i lutti e la devastazione che si è abbattuta sui boschi, su alcuni paesi, sulle coltivazioni di alcune zone del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

“Aver voluto organizzare questo momento ha dettoè un forte esempio di unità fra attori che giocano ruoli diversi all’interno del sistema trentino, cosa per nulla scontata, che va riconosciuta. Nella testimonianza ascoltata poco fa abbiamo sentito definire “eterni” quei momenti in cui la tempesta si era scatenata. Credo sia la definizione giusta, come credo sia giusto non dimenticare il rischio che il Trentino ha corso, i pericoli che questi uomini hanno saputo affrontare ed i tanti sacrifici fatti per permettere al nostro territorio di reggere l’urto. Nei giorni immediatamente successivi alla tempesta, durante i tanti sopralluoghi fatti per rendersi conto della reale situazione, ho sempre trovato accanto al sindaco e ai Carabinieri anche i vigili del fuoco volontari: attraverso gli occhi di qualche giovane si capiva quanta paura quei momenti avessero portato”.

“Tanti artigiani sono anche vigili del fuoco volontari – ha quindi ricordato il presidente della Provincia – ed anche dopo le fasi concitate dell’emergenza hanno dimostrato, nelle attività di ricostruzione, di essere sul pezzo. Grazie da parte della Giunta provinciale che assieme a voi non farà venir meno l’intensità degli sforzi che il nostro Trentino richiede per tornare ad essere come prima”.

La cerimonia si è conclusa con il dono degli artigiani al mondo del volontariato pompieristico: una raffigurazione in legno e metallo del bosco attraversato dalle raffiche di vento, ideata e disegnata da Tullia Stocchetti e realizzata da Werner Chemelli, che ha ricevuto la benedizione di don Marco Saiani.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza