Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Stupri Rimini: arrestate tutte le 4 belve. Nella notte preso anche il capo.

Pubblicato

-

La Squadra mobile di Rimini e lo Sco hanno chiuso definitivamente il cerchio intorno alle belve che hanno stuprato una turista polacca e derubato il suo amico sulla spiaggia di Rimini per poi aggredire e violentare una transessuale peruviana.

Sono due fratelli marocchini di 15 e 16 anni, un minorenne nigeriano e un congolese di 20 anni definito il capo banda del gruppo. Tutti e quattro risiedono regolarmente in Italia

Nella notte la squadra mobile ha fermato anche il quarto presunto autore del doppio stupro di Rimini che pare essere il capo banda.

Pubblicità
Pubblicità

Lo annuncia la stessa Polizia sul suo account Twitter. Ha 20 anni (è quindi maggiorenne a differenza degli altri componenti del branco in cella da ieri) ed è congolese. Secondo gli investigatori che gli stavano dando la caccia da giorni, è il presunto capo del branco, era in treno diretto verso Nord.

Si chiama Guerlin Butunged (foto) è anche lui residente nel Pesarese, precisamente a Vallefoglia e risulta essere un rifugiato a cui è stato rilasciato lo status di profugo. Si nascondeva alla stazione di Rimini. È stato preso dagli agenti dello Sco e della Squadra mobile di Rimini e Pesaro. Due dei quattro ricercati per lo stupro di una turista polacca e di un transessuale peruviano sulla spiaggia di Rimini si erano costituiti nel primo pomeriggio di ieri.

Si tratta di due fratelli marocchini entrambi minorenni, secondo quanto anticipato dall’agenzia News Mediaset e si sono consegnati ai carabinieri a Pesaro: avrebbero deciso di costituirsi sentendosi braccati dagli inquirenti. Un terzo componente del branco, un nigeriano minorenne, è stato fermato dalla polizia di Rimini. 

I due giovani sono stati trasferiti alla Procura di Rimini per essere sottoposti all’interrogatorio da parte degli inquirenti che indagano sulla vicenda.

Tutte gli arrestati sono residenti nel comune di Vallefoglia, (un Comune nato dalla fusione di Montecchio, Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola) zona che ha un tessuto sociale sempre più variegato e complicato da gestire e nessuno ha precedenti penali. Ci sono quindicimila residenti, di cui ben il 40 per cento «non autoctono». Il sindaco del paese è cascato dalle nuvole, «non abbiamo mai avuto problemi di integrazione» – ha spiegato all’ansa.

Nelle ultime ore la pressione da parte degli inquirenti sui quattro del branco si era fatta molto più pesante, grazie anche alla diffusione del fotogramma delle telecamere di sicurezza che immortala tre dei componenti del gruppo: l’immagine era stata ripresa sabato mattina, poco dopo lo stupro, durato un’ora, della giovane turista polacca sulla spiaggia del bagno 130 a Miramare di Rimini. Nel momento in cui sono stati filmati, i quattro si stavano dirigendo verso la strada statale, dove poco dopo avrebbero violentato anche un trans peruviano.

Proprio quest’ultimo è stato fondamentale per le indagini: è stato infatti lui il primo a riconoscere senza ombra di dubbio i quattro stupratori nelle fotografie della polizia. Il compagno della ragazza polacca, invece, ne aveva identificati senza incertezze solo due, mentre un’altra donna, una brianzola aggredita con il marito il 12 agosto, aveva riconosciuto uno solo dei quattro sulle foto segnaletiche.

«Abbiamo fermato il quarto uomo mentre stava per scappare in treno. Sono soddisfatto dell’operato del gruppo di lavoro che ha lavorato senza sosta in questi otto giorni molto pesanti». Sono le prime parole del questore di Rimini, Maurizio Improta. «In un’indagine ci sono momenti di alti e bassi, certezze e sconforto. Ma ho sempre avuto fiducia vite le qualità eccezionali degli investigatori che hanno lavorato a questo caso – ha aggiunto -. Le partite non finiscono nei 90 minuti maa dopo i rigori e noi abbiamo vinto ai rigori». 

La pressione mediatica o la (quasi) certezza di non poter proseguire la fuga in eterno? Cosa ha convinto i due fratelli marocchini a costituirsi? Probabilmente una terza motivazione: confidano in un forte sconto della pena. Perché minorenni, perché – appunto – rei confessi, e perché potrebbero aiutare la procura di Rimini a individuare – e assicurare alla giustizia – anche l’ultimo componente del branco. Difficile immaginare un affidamento in prova che sarebbe clamoroso per un caso così eclatante, ma non è escluso che confessando, e dando ulteriori indicazioni utili, i due fratelli marocchini possano puntare a una condanna che preveda un periodo di messa in prova.

L’arrivo in procura del capo banda arrestato nella notte

L’arresto dei 3 minorenni

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Che Pasqua sarebbe senza la torta di carote?
    Conosciuta negli Stati Uniti come “Carrot Cake”, la torta di carote e noci è sicuramente uno di quei piatti che tuti dobbiamo assaggiare almeno una volta nella vita. E quale periodo può essere il più adatto, se non le vacanze di Pasqua? Adorata da grandi e piccini, in realtà, la torta di carote non ha […]
  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]

Categorie

di tendenza