Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Stupri Rimini: arrestate tutte le 4 belve. Nella notte preso anche il capo.

Pubblicato

-

La Squadra mobile di Rimini e lo Sco hanno chiuso definitivamente il cerchio intorno alle belve che hanno stuprato una turista polacca e derubato il suo amico sulla spiaggia di Rimini per poi aggredire e violentare una transessuale peruviana.

Sono due fratelli marocchini di 15 e 16 anni, un minorenne nigeriano e un congolese di 20 anni definito il capo banda del gruppo. Tutti e quattro risiedono regolarmente in Italia

Nella notte la squadra mobile ha fermato anche il quarto presunto autore del doppio stupro di Rimini che pare essere il capo banda.

Pubblicità
Pubblicità

Lo annuncia la stessa Polizia sul suo account Twitter. Ha 20 anni (è quindi maggiorenne a differenza degli altri componenti del branco in cella da ieri) ed è congolese. Secondo gli investigatori che gli stavano dando la caccia da giorni, è il presunto capo del branco, era in treno diretto verso Nord.

Si chiama Guerlin Butunged (foto) è anche lui residente nel Pesarese, precisamente a Vallefoglia e risulta essere un rifugiato a cui è stato rilasciato lo status di profugo. Si nascondeva alla stazione di Rimini. È stato preso dagli agenti dello Sco e della Squadra mobile di Rimini e Pesaro. Due dei quattro ricercati per lo stupro di una turista polacca e di un transessuale peruviano sulla spiaggia di Rimini si erano costituiti nel primo pomeriggio di ieri.

Si tratta di due fratelli marocchini entrambi minorenni, secondo quanto anticipato dall’agenzia News Mediaset e si sono consegnati ai carabinieri a Pesaro: avrebbero deciso di costituirsi sentendosi braccati dagli inquirenti. Un terzo componente del branco, un nigeriano minorenne, è stato fermato dalla polizia di Rimini. 

I due giovani sono stati trasferiti alla Procura di Rimini per essere sottoposti all’interrogatorio da parte degli inquirenti che indagano sulla vicenda.

Pubblicità
Pubblicità

Tutte gli arrestati sono residenti nel comune di Vallefoglia, (un Comune nato dalla fusione di Montecchio, Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola) zona che ha un tessuto sociale sempre più variegato e complicato da gestire e nessuno ha precedenti penali. Ci sono quindicimila residenti, di cui ben il 40 per cento «non autoctono». Il sindaco del paese è cascato dalle nuvole, «non abbiamo mai avuto problemi di integrazione» – ha spiegato all’ansa.

Nelle ultime ore la pressione da parte degli inquirenti sui quattro del branco si era fatta molto più pesante, grazie anche alla diffusione del fotogramma delle telecamere di sicurezza che immortala tre dei componenti del gruppo: l’immagine era stata ripresa sabato mattina, poco dopo lo stupro, durato un’ora, della giovane turista polacca sulla spiaggia del bagno 130 a Miramare di Rimini. Nel momento in cui sono stati filmati, i quattro si stavano dirigendo verso la strada statale, dove poco dopo avrebbero violentato anche un trans peruviano.

Proprio quest’ultimo è stato fondamentale per le indagini: è stato infatti lui il primo a riconoscere senza ombra di dubbio i quattro stupratori nelle fotografie della polizia. Il compagno della ragazza polacca, invece, ne aveva identificati senza incertezze solo due, mentre un’altra donna, una brianzola aggredita con il marito il 12 agosto, aveva riconosciuto uno solo dei quattro sulle foto segnaletiche.

«Abbiamo fermato il quarto uomo mentre stava per scappare in treno. Sono soddisfatto dell’operato del gruppo di lavoro che ha lavorato senza sosta in questi otto giorni molto pesanti». Sono le prime parole del questore di Rimini, Maurizio Improta. «In un’indagine ci sono momenti di alti e bassi, certezze e sconforto. Ma ho sempre avuto fiducia vite le qualità eccezionali degli investigatori che hanno lavorato a questo caso – ha aggiunto -. Le partite non finiscono nei 90 minuti maa dopo i rigori e noi abbiamo vinto ai rigori». 

La pressione mediatica o la (quasi) certezza di non poter proseguire la fuga in eterno? Cosa ha convinto i due fratelli marocchini a costituirsi? Probabilmente una terza motivazione: confidano in un forte sconto della pena. Perché minorenni, perché – appunto – rei confessi, e perché potrebbero aiutare la procura di Rimini a individuare – e assicurare alla giustizia – anche l’ultimo componente del branco. Difficile immaginare un affidamento in prova che sarebbe clamoroso per un caso così eclatante, ma non è escluso che confessando, e dando ulteriori indicazioni utili, i due fratelli marocchini possano puntare a una condanna che preveda un periodo di messa in prova.

L’arrivo in procura del capo banda arrestato nella notte

L’arresto dei 3 minorenni

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella26 minuti fa

Si schianta nella notte alle porte di Denno

Arte e Cultura1 ora fa

Al via i “Laboratori del Gusto” per coniugare cibo e paesaggio

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Un’auto imbocca una strada ghiacciata e si incastra tra la rampa e il guardrail: recuperata dai Vigili del Fuoco di Denno

Rovereto e Vallagarina2 ore fa

Scomparsi mentre andavano a casa dei famigliari: ritrovati nella notte 11enne e 12enne di Rovereto

economia e finanza2 ore fa

Pubblicità intelligente e a basso costo con le shopper personalizzate

Trento3 ore fa

Niente più soldi da papà: 32enne dovrà mantenersi da sola. La sentenza del Tribunale di Trento

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Ernesto Seppi è il nuovo Presidente del Consorzio Melinda

Viaggi Estero4 ore fa

Le 5 migliori gare di trail running negli USA

Italia ed estero4 ore fa

Avversione e paura verso i migranti: l’Italia è al quarto posto nel mondo

Valsugana e Primiero5 ore fa

Carzano: a fuoco una legnaia nelle vicinanze delle abitazione. Rapido intervento dei vigili del fuoco

Giudicarie e Rendena5 ore fa

Perde il controllo della vettura e sbatte contro la parete della galleria, ferito un anziano

Valsugana e Primiero6 ore fa

Morto sabato sera don Giuseppe Beber originario di Pergine Valsugana

Food & Wine6 ore fa

Cucina, ricette: gennaio tutto vegetale per una ripartenza leggera

Fiemme, Fassa e Cembra17 ore fa

Vola con la macchina in un dirupo per 200 metri, gravissimo 88 enne di Predazzo

Fiemme, Fassa e Cembra18 ore fa

La storia di Michela: «La mia vita come un arcobaleno e un sogno da raggiungere»

Trento2 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento1 settimana fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le popolazioni dell’Altopiano…

Necrologi

Categorie

di tendenza