Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Stupri Rimini: arrestate tutte le 4 belve. Nella notte preso anche il capo.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La Squadra mobile di Rimini e lo Sco hanno chiuso definitivamente il cerchio intorno alle belve che hanno stuprato una turista polacca e derubato il suo amico sulla spiaggia di Rimini per poi aggredire e violentare una transessuale peruviana.

Sono due fratelli marocchini di 15 e 16 anni, un minorenne nigeriano e un congolese di 20 anni definito il capo banda del gruppo. Tutti e quattro risiedono regolarmente in Italia

Nella notte la squadra mobile ha fermato anche il quarto presunto autore del doppio stupro di Rimini che pare essere il capo banda.

Pubblicità
Pubblicità

Lo annuncia la stessa Polizia sul suo account Twitter. Ha 20 anni (è quindi maggiorenne a differenza degli altri componenti del branco in cella da ieri) ed è congolese. Secondo gli investigatori che gli stavano dando la caccia da giorni, è il presunto capo del branco, era in treno diretto verso Nord.

Si chiama Guerlin Butunged (foto) è anche lui residente nel Pesarese, precisamente a Vallefoglia e risulta essere un rifugiato a cui è stato rilasciato lo status di profugo. Si nascondeva alla stazione di Rimini. È stato preso dagli agenti dello Sco e della Squadra mobile di Rimini e Pesaro. Due dei quattro ricercati per lo stupro di una turista polacca e di un transessuale peruviano sulla spiaggia di Rimini si erano costituiti nel primo pomeriggio di ieri.

Si tratta di due fratelli marocchini entrambi minorenni, secondo quanto anticipato dall’agenzia News Mediaset e si sono consegnati ai carabinieri a Pesaro: avrebbero deciso di costituirsi sentendosi braccati dagli inquirenti. Un terzo componente del branco, un nigeriano minorenne, è stato fermato dalla polizia di Rimini. 

I due giovani sono stati trasferiti alla Procura di Rimini per essere sottoposti all’interrogatorio da parte degli inquirenti che indagano sulla vicenda.

Pubblicità
Pubblicità

Tutte gli arrestati sono residenti nel comune di Vallefoglia, (un Comune nato dalla fusione di Montecchio, Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola) zona che ha un tessuto sociale sempre più variegato e complicato da gestire e nessuno ha precedenti penali. Ci sono quindicimila residenti, di cui ben il 40 per cento «non autoctono». Il sindaco del paese è cascato dalle nuvole, «non abbiamo mai avuto problemi di integrazione» – ha spiegato all’ansa.

Nelle ultime ore la pressione da parte degli inquirenti sui quattro del branco si era fatta molto più pesante, grazie anche alla diffusione del fotogramma delle telecamere di sicurezza che immortala tre dei componenti del gruppo: l’immagine era stata ripresa sabato mattina, poco dopo lo stupro, durato un’ora, della giovane turista polacca sulla spiaggia del bagno 130 a Miramare di Rimini. Nel momento in cui sono stati filmati, i quattro si stavano dirigendo verso la strada statale, dove poco dopo avrebbero violentato anche un trans peruviano.

Proprio quest’ultimo è stato fondamentale per le indagini: è stato infatti lui il primo a riconoscere senza ombra di dubbio i quattro stupratori nelle fotografie della polizia. Il compagno della ragazza polacca, invece, ne aveva identificati senza incertezze solo due, mentre un’altra donna, una brianzola aggredita con il marito il 12 agosto, aveva riconosciuto uno solo dei quattro sulle foto segnaletiche.

«Abbiamo fermato il quarto uomo mentre stava per scappare in treno. Sono soddisfatto dell’operato del gruppo di lavoro che ha lavorato senza sosta in questi otto giorni molto pesanti». Sono le prime parole del questore di Rimini, Maurizio Improta. «In un’indagine ci sono momenti di alti e bassi, certezze e sconforto. Ma ho sempre avuto fiducia vite le qualità eccezionali degli investigatori che hanno lavorato a questo caso – ha aggiunto -. Le partite non finiscono nei 90 minuti maa dopo i rigori e noi abbiamo vinto ai rigori». 

La pressione mediatica o la (quasi) certezza di non poter proseguire la fuga in eterno? Cosa ha convinto i due fratelli marocchini a costituirsi? Probabilmente una terza motivazione: confidano in un forte sconto della pena. Perché minorenni, perché – appunto – rei confessi, e perché potrebbero aiutare la procura di Rimini a individuare – e assicurare alla giustizia – anche l’ultimo componente del branco. Difficile immaginare un affidamento in prova che sarebbe clamoroso per un caso così eclatante, ma non è escluso che confessando, e dando ulteriori indicazioni utili, i due fratelli marocchini possano puntare a una condanna che preveda un periodo di messa in prova.

L’arrivo in procura del capo banda arrestato nella notte

L’arresto dei 3 minorenni

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella34 minuti fa

Cles, pronti i nuovi campi da pallavolo e beach volley

Trento43 minuti fa

“Non ci sono le condizioni per effettuare un Tso, la questione è di ordine pubblico” le parole della Pat

Fiemme, Fassa e Cembra51 minuti fa

Marmolada, operativi i 3 radar per il monitoraggio del ghiacciaio. Non si registrano per ora movimenti

Alessandra de Camilli
Fiemme, Fassa e Cembra1 ora fa

Strage Marmolada: il dolore di chi si è salvato, “Ti amo Tommaso. Sempre e per sempre” scrive Alessandra De Camilli

Rovereto e Vallagarina1 ora fa

Ala: venerdì inizia Città di Velluto

Alto Garda e Ledro1 ora fa

Arco: tampona autoscala dei Vigili del Fuoco e scappa, si cerca un camper bianco

Italia ed estero2 ore fa

Molestie all’adunata degli Alpini: chiesta l’archiviazione dell’indagine

Giudicarie e Rendena2 ore fa

Porte Rendena: ecco la conta dei danni della Tempesta del 28 giugno

Bolzano2 ore fa

Alto Adige, precipita per 400 metri: alpinista muore sull’Ortles

Michele vaia
Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

È recentemente mancato il 28 enne Michele Vaia: lascia moglie e figlia piccola

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Sonia Bonizzi: l’ex giocatrice di hockey salvata dalla paura, “una volta ai piedi del ghiacciaio, ho scelto di non andare su”

economia e finanza4 ore fa

Cresce l’inflazione e frenano i consumi: gli italiani preferiscono il risparmio

Arte e Cultura4 ore fa

“Una dama, una farfalla… Storie di sogni e d’amore”: le artiste Fidapa espongono ad ‘Ala città di velluto’

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Strage Marmolada: la rabbia dei parenti delle vittime

Italia ed estero5 ore fa

Diplomazia energetica, Draghi rilancia la cooperazione con Ankara: “Italia e Turchia sono partner, amici e alleati”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza