Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Bruxelles: aggredisce due militari con un machete gridando «Allahu Akbar»: freddato con un colpo di pistola.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Torna la paura in Europa, due attacchi ieri sera, uno a Bruxelles e l’altro a Londra.

Un uomo armato di machete ha aggredito due militari a Bruxelles. I soldati hanno risposto aprendo il fuoco sull’aggressore che è morto dopo essere stato ricoverato in gravi condizioni.

E’ successo poco dopo le 20 nella zona di Boulevard Emile-Jacqmain, in pieno centro. La polizia ha confermato che si tratta di un atto di terrorismo. Sul posto sono intervenute le squadre speciali che hanno isolato la zona. I militari sono feriti leggermente.

Pubblicità
Pubblicità

L’attacco è avvenuto non molto lontano dalla turistica Grand Place. Una portavoce della procura ha spiegato che l’uomo non era stato segnalato per legami con il terrorismo. Si tratta di un somalo di circa trent’anni, che avrebbe gridato “Allahu Akbar“.

I due soldati in servizio antiterrorismo feriti nell’attacco sono stati colpiti uno al volto e l’altro a una mano, riportando ferite lievi. Il premier belga, Charles Michel, ha twittato: “Tutta la nostra solidarietà ai nostri soldati. I nostri servizi di sicurezza rimangono in allerta. Stiamo seguendo la situazione da vicino”.

Nelle stesse ore dell’attacco, sempre a Bruxelles, una molotov è stata lanciata contro il commissariato di polizia del quartiere Marolles. Lo ha reso noto un portavoce della polizia. Pochi i danni. L’autore del gesto si è dato alla fuga e non è stato preso.

Pubblicità
Pubblicità

A Londra intorno a Buckingham Palace, nel centro di Londra un’uomo di 26 anni ha guidato deliberatamente in direzione di un van della polizia e si è fermato proprio davanti al veicolo in una zona vicina al palazzo reale. A quel punto l’assalitore, che era da solo, ha preso una spada di oltre un metro dal pavimento dell’auto sul lato passeggero: “Gli agenti hanno agito rapidamente per fermarlo. Durante una colluttazione gli agenti hanno riportato ferite” e contro l’uomo è stato usato lo spray al peperoncino, ha riferito ancora la polizia.

La polizia britannica conferma che il 26enne arrestato prima dell’aggressione ha gridato ripetutamente “Allah Akbar“. Due i poliziotti feriti nello scontro.

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza