Connect with us
Pubblicità

Trento

Muore carbonizzata nella sua autovettura.

Pubblicato

-

Maria Josè Esposito, la donna di 44 anni deceduta lunedì sera a seguito di un terribile incidente era nata e cresciuta a Rovereto. Poi la donna si era trasferita con i genitori in Toscana e all’università di Bologna aveva iniziato una importante carriera da ricercatrice nel dipartimento di psicologia.

La Fiat Panda che stava guidando si è schiantata contro un albero sul ciglio della strada, a Fabbrica, e subito dopo la vettura ha preso fuoco trasformandosi in una trappola mortale. La donna è stata trovata dai soccorsi carbonizzata all’interno di quel che rimaneva della sua autovettura.

Maria Josè–residente a Borgo Tossignano era docente universitaria e insegnava a Rimini al Dipartimento di Psicologia ed aveva conseguito la laurea in Psicologia nel 1999 all’Università di Bologna 

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il dottorato in psicologia generale e clinica, nel 2005 la donna è stata titolare di una borsa di studio Marie Curie all’interno del Research Network Training Marie Curie, incarico svolto presso l’Université Libre di Bruxelles. Poi, nel marzo 2007, Maria Josè Esposito ha preso servizio come ricercatrice nella facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna. Nel frattempo, non sono mancati i corsi e le esperienze di ricerca in Italia e all’estero, come in Canada, Belgio, Cambridge e Zurigo. Insomma, un curriculum di alto profilo, grazie al quale ottenne un posto come ricercatrice all’Università di Bologna.

«Per lei questo era un grande momento, è una cosa pazzesca» – ha dichiarato amareggiato un collega al Resto del Carlino -. In questo periodo era molto contenta perché, dopo diverso tempo, avrebbe riaperto il laboratorio di ricerca, sua vera passione, rimasto chiuso per lavori di ristrutturazione». Anche per questo, la docente aveva molti progetti futuri legati alla professione. In particolare, uno era rappresentato da una nuova avventura che la donna avrebbe intrapreso a breve, come afferma il direttore di Dipartimento: «Stava per cominciare un anno (accademico, ndr) molto positivo con un’attività didattica all’interno del Collegio superiore», istituzione di eccellenza dell’Università che offre un percorso interdisciplinare a studenti particolarmente meritevoli iscritti a un corso di laurea dell’Unibo, integrando così i percorsi tradizionali con programmi avanzati. La 44enne sarebbe quindi entrata a far parte dei tutor del Collegio, docenti di alto profilo dell’Alma Mater. Ma il destino l’ha strappata alla vita prima del tempo.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza