Connect with us
Pubblicità

Voce - Bolzano

Scoperta tomba dell’età del rame a Laghetti di Egna.

Pubblicato

-

Una tomba dell’Età del rame è stata scoperta in una cava di ghiaia nell’abitato di Laghetti di Egna, poco a sud di Bolzano. La sepoltura contiene un pugnale di selce del terzo millennio.

Il ritrovamento archeologico di eccezionale importanza è stato effettuato  grazie all’estrazione di ghiaia da parte della “San Floriano srl” circa dieci metri al di sotto dell’attuale piano di campagna è stata scoperta una tomba dell’età del Rame, e cioè dell’età di Ötzi.

La sepoltura a inumazione conteneva come corredo un pugnale di selce del III millennio a.C.. La selce impiegata per la sua fabbricazione proviene dai Monte Lessini. Si tratta di una sepoltura coperta da un tumulo risalente all’età del Rame, di un tipo che finora non era ancora mai stato documentato in Alto Adige. Da un’indagine sui resti umani rinvenuti si evince che vi era stato seppellito un individuo morto in età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Durante il controllo delle attività estrattive è stato possibile pervenire a un’altra sensazionale scoperta. Si è individuata una necropoli romana con circa 70 inumazioni. I reperti finora raccolti indicano una datazione all’epoca romana – tardoantica (IV – V sec. d. C.). Non è ancora stato possibile determinare l’estensione complessiva della necropoli. «Altre sepolture si trovano infatti nel terreno confinante a monte, ma il loro numero non è noto, dal momento che la ghiaia in questo punto non è stata ancora rimossa fino al livello delle stratificazioni archeologiche», spiega Catrin Marzoli, direttrice dell’Ufficio beni archeologici della Provincia di Bolzano. Si tratta, con quella di San Lorenzo in Val Pusteria, della più vasta necropoli di età romana mai trovata in Alto Adige.

La necropoli si trovava originariamente a monte della strada imperiale romana, la Via Claudia Augusta, che attraverso la valle dell’Adige metteva in collegamento l’Italia settentrionale con il capoluogo della provincia Raetia, Augusta Vindelicum (Augsburg). A non molta distanza parecchi anni fa era stato posto in luce un grande insediamento di età romana a Laghetti di Egna. Probabilmente nell’ambito dell’attuale cava di ghiaia sono stati sepolti proprio gli abitanti di quell’insediamento.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Voce - Bolzano

In via Druso nuova corsia preferenziale per il trasporto pubblico e ciclabile

Pubblicato

-

A conclusione dei lavori di allargamento stradale per la realizzazione della corsia preferenziale per il trasporto pubblico nell’ambito del progetto “Metrobus Bolzano-Oltradige” e di una ciclabile bidirezionale in via Druso nel tratto compreso tra via Mendola e via Resia, stamane l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune Luis Walcher ha presentato nel corso di una conferenza stampa/sopralluogo sul posto, l’esito dell’intervento.

E’ stato un lavoro molto impegnativo – ha detto l’Assessore Luis Walcher – sia in termini economici ,che logistici posto che via Druso è da sempre la strada più importante anche per i vari mezzi di soccorso  (vigili del fuoco, sanitari, ambulanze ecc.). Abbiamo dovuto giustamente sempre garantire due corsie aperte al traffico per i mezzi di emergenza, ma siamo riusciti senza particolari problemi o incidenti a realizzare tale intervento in sei mesi. Di questo sono particolarmente lieto, con il cantiere che si è chiuso nei tempi prefissati”.

Parlando dei prossimi lavori su via Druso per completare la corsia preferenziale per il trasporto pubblico, Walcher ha detto che: “I lavori continueranno con il prossimo tratto da maggio in poi da piazza Adriano a ponte Druso e con questo ulteriore collegamento, da settembre in poi, avremo una corsia preferenziale continua da piazza Adriano a piazza Stazione.  Il prossimo anno, da aprile in poi realizzeremo prima il tratto piazza Adriano-via Palermo e successivamente quello tra via Palermo e via Sorrento. Avremo perciò una volta terminati i lavori, una corsia preferenziale per il trasporto pubblico diretta verso la stazione proveniente dall’Oltradige. Potremo quindi garantire anche la puntualità dei nostri mezzi pubblici perché questa corsia è davvero in tal senso, fondamentale”.

Pubblicità
Pubblicità

I lavori su un tratto di via Druso di circa 700 metri, sono stati eseguiti garantendo sempre la circolazione a doppio senso di marcia.

In accordo tra Comune e SEAB i lavori stradali sono stati preceduti dalla posa delle nuove tubazioni del teleriscaldamento. E’ stato realizzato un nuovo collettore per le acque meteoriche, posato un nuovo acquedotto, oltre alla pista ciclabile ed un marciapiede. Sono state posate nuove alberature e realizzato il nuovo impianto della pubblica illuminazione.

Come ha spiegato il direttore dell’Ufficio Infrastrutture ed Arredo Urbano Mario Begher, è’ stata rifatta completamente la sovrastruttura stradale realizzando una pavimentazione in conglomerato bituminoso in triplo strato.

Pubblicità
Pubblicità

Tecnicamente per il tappeto d’usura, in linea con quanto fatto nel tratto compreso tra via Mendola e via Sorrento, è stato impiegato il conglomerato bituminoso “asphalt rubber” confezionato con polverino di gomma, caratterizzato da buone performance sia in termini di durata nel tempo che di abbattimento del rumore.

Un intervento per un importo complessivo di € 2.906.597,92, di cui € 2.380.000 a carico del Comune ed € 526.597,92 a carico di SEAB. Tale importo comprende i lavori stradali e le cosiddette somme a disposizione (espropri, sistemazione del verde, illuminazione pubblica ec,.). Con apposita delibera di Giunta è stato ratificato l’accordo con la Provincia Autonoma di Bolzano per l’erogazione di un finanziamento pari al 50% della quota parte del progetto di competenza del Comune di Bolzano.

I lavori, assegnati all’impresa S.F. Oberosler di Bolzano, per un importo di € 1.399.054,10 (IVA esclusa), sono stati consegnati in data 4/4/2017 ed ultimati in data 19/9/2017. Lo stato finale dei lavori, a seguito delle perizie di variante approvate, ammonta ad € 1.671.654,67 (iva esclusa).

Per realizzare l’opera è stato necessario procedere all’esproprio di terreni privati, per una cifra complessiva di circa € 1.250.000. La cifra è approssimativa in quanto non c’è ancora il frazionamento e quindi l’ importo definitivo per gli espropri potrà essere determinato solamente dopo il completamento di tale elaborato.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Voce - Bolzano

Salorno, pianificata una rotatoria tra la statale e via Trento

Pubblicato

-

La Giunta provinciale ha approvato oggi (30 gennaio) le caratteristiche tecniche del progetto di sistemazione dell’incrocio tra la statale del Brennero e via TrentoSalorno.

Per risolvere i problemi legati all’intersezione delle due arterie, la Ripartizione infrastrutture ha previsto la realizzazione di una rotatoria del diametro di 42 metri.Visto che il traffico sulla statale del Brennero è sostenuto – afferma il capo della ripartizione Valentino Pagani – abbiamo proposto una soluzione per regolare al meglio i flussi di traffico e per la sicurezza dei pedoni”.

Saranno realizzati due attraversamenti pedonali, l’illuminazione, marciapiedi e  un parcheggio tra via Trento e la statale. L’investimento complessivo sarà pari a circa 1,5 milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Voce - Bolzano

Confermata la candidatura di Maria Elena Boschi a Bolzano. Il video che la incastra e l’ironia sul web

Pubblicato

-

L’ex Ministro del PD Maria Elena Boschi massacrata sul web e sui social.

Dopo che la settimana scorsa era stato paventata una sua possibile candidatura nel collegio di Bolzano la rete si è scatena. Volano insulti, critiche e anche peggio.

In concreto è stato sottolineata la mancanza di coerenza da parte della bella del giglio magico ma anche molti richiami verso chi ha confermato l’ospitalità nelle urne del capoluogo Alto Atesino ad una candidata che ha poco a che vedere con l’autonomia visto che solo alcuni anni fa voleva sospenderla

Pubblicità
Pubblicità

Su Twitter gira un fotomontaggio dell’account satirico BufalaNews (@Labbufala) in cui si vede la sottosegretaria alla presidenza con la treccia e il vestito tradizionale tirolese dall’indipendentista Eva Klotz.

Dietro la foto un cartello con su scritto in tedesco: “Il sud Tirolo non è Italia”. E in tanti stanno rilanciando la foto, commentando, “ecco Maria Elena Klotz”

L’ex segretario della Svp Siegfried Brugger intervistato dall‘Ansa ha dichiarato che è “assolutamente incomprensibile” e “un errore capitale” il sostegno del suo partito a una candidatura di Elena Maria Boschi a Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

Il segretario dem Matteo Renzi dopo una notte molto agitata spiega che «la Boschi oltre a Bolzano sarà candidata anche a Taormina dove ha lavorato all’organizzazione del G7» e per quanto riguarda la candidatura in Trentino, con l’alleanza della Svp, Renzi ha sottolineato che «il sottosegretario alla presidenza del Consiglio del Governo Gentiloni e Gianclaudio Bressa sono coloro che hanno lavorato di più sul tema dell’autonomia».

Sembra che domani o martedì la Boschi salirà fino a Bolzano per la presentazione ufficiale. In rete gira anche un video che visionato oggi grida vendetta. Il passaggio del Tg riporta le dichiarazione della  allora ministra Boschi contro le autonomie speciali e soprattutto la rabbiosa reazione dei rappresentanti politici del Trentino Alto Adige, con in testa il governatore del Trentino Ugo Rossi.

Ora pare finito tutto a tarallucci e vino e dimenticato in nome di un unico obiettivo. La poltrona che garantisce soldi e potere probabilmente alla faccia della cattiva memoria degli elettori di Bolzano.

Il video delle dichiarazioni di Maria Elena Boschi e le reazioni di Ugo Rossi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza