Connect with us
Pubblicità

Trento

Stop degli animalisti all’abbattimento dell’orso KJ2

Pubblicato

-

«Ancora una volta la Regione Trentina conferma che la vita degli Animali non conta nulla, ancora una volta un “testimone” racconta di essere stato aggredito da un Orso, ancora una volta Ugo Rossi vuole la pelle dell’Orso, vivo o morto, poco importa se sono stati i suoi predecessori ad introdurlo nel territorio per un ritorno economico che ha fatto il suo corso»esordisce così in una nota l’associazione 100% animalisti

E ancora: «sappiamo tutti come è morta Daniza, Centopercentoanimalisti da anni tiene viva la memoria di Mamma Orsa, con blitz e altre iniziative per non far dimenticare la vergogna della provincia Trentina. Centopercentoanimalisti con questo breve comunicato dichiara “lotta dura” alla Regione Trentina, da adesso in poi ogni “uscita” dalla Regione della morte, verrà boicottata, ad iniziare dalle varie squadre sportive, alle varie manifestazioni folkloristiche. Non permetteremo un’altra Daniza»!

Parla invece di «Ergastolo o uccisione» la lega antivivisezione (LAV). «Questo il freddo, agghiacciante verdetto non degno di un Paese civile, avanzato dalla Provincia di Trento per l’orso che si sarebbe scontrato con un uomo – fortunatamente senza gravi conseguenze e al quale esprimiamo la nostra solidarietà – in presenza del suo cane”, afferma la LAV.

Pubblicità
Pubblicità

Memore della tragica e tristissima uccisione dell’Orsa Daniza (11 settembre 2014), strappata ai suoi cuccioli, la LAV insorge alla lettura dell’Ordinanza anti-orso firmata oggi dal Presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi. Come preannunciato ieri nel corso di un vertice, l’Ordinanza prevede un intervento di “monitoraggio, identificazione e rimozione” e nello specifico la LAV mette in evidenza che alla lettera j) dell’Ordinanza si prevede la “cattura per captivazione permanente” e alla lettera k) “abbattimento”.

 “Si tratta di una sentenza senza processo, emessa sulla spinta emotiva e irrazionale di un’Amministrazione provinciale che vuole pieno diritto di vita e di morte sugli orsi! Gli orsi non sono tornati in Trentino per loro volontà, ma per decisione della Provincia che ne ha fatto un vanto con tanto di pubblicità, e a spese del contribuente. Ma gli orsi veri non sono peluche né bersagli. Il Ministro dell’Ambiente Galletti continui pure ad alzare le mani, da Daniza a oggi non c’è una gestione veramente attiva e risolutiva in materia di corretta convivenza con questi animali. Un verdetto contro animali e contro l’ambiente: una grave macchia per il Trentino che fa vanto delle sue bellezze naturalistiche, salvo poi emettere provvedimenti di forza e gravemente coercitivi, come questa Ordinanza. Chiediamo che non faccia parte della Squadra del Servizio Foreste e Fauna della Provincia di Trento che sarà chiamato a dare attuazione all’Ordinanza, il Medico Veterinario che ha già condannato Daniza – e per il quale lo stesso veterinario, per non andare a processo,  è stato ammesso all’oblazione dal Tribunale di Trento per il reato di cui all’articolo 727 bis – e chiediamo di sapere da chi sarà composta tale Squadra”. – Conclude il comunicato della LAV

Secondo AIDAA (associazione italiana difesa animali e ambiente) la storia che ha raccontato il povero Metlicovec ha dei lati oscuri, «molto probabilmente questo orso ha cercato dapprima di dissuadere l’uomo dall’avvicinarsi mettendo in atto tutti gli accorgimenti di dissuasione e poi avrebbe dato un avviso con un falso attacco in quanto un vero attacco da parte di un orso avrebbe lasciato conseguenze letali»

Pubblicità
Pubblicità

«Innanzitutto gli orsi non attaccano mai senza motivo – ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA – quindi ci aspettiamo che passata la paura il ferito racconti la verità e comunque se l’orso ha attaccato si era sentito in pericolo siccome non vogliamo che accada un altro caso Daniza visto che gli attori dal presidente della provincia Rossi che ha subito firmato l’ordinanza di cattura al ministro Galletti, quello che voleva abbattere i lupi, sono gli stessi del caso della orsa Daniza mettiamo le mani avanti chiedendo alla Procura Trentina di aprire un inchiesta formale e di acquisire attraverso le testimonianze e anche gli esiti delle visite mediche e dei referti ospedalieri per appurare come sono andate realmente le cose. Qualche dubbio sulla ricostruzione rimane- conclude Croce- anche perchè se voleva davvero fare male l’orso non si sarebbe limitato ad un morso al braccio ma avrebbe fatto davvero male al fortunato passeggiatore».

Pubblicità
Pubblicità

Click to comment

0 Comments

  1. alessandra cesari

    25 Luglio 2017 at 10:54

    Ma quante cose sa questa AIDAA: che l’orso prima ha messo in atto tutti gli accorgimenti di dissuasione, poi evidentemente il povero malcapitato ha osato fare un gesto di difesa che gli è costato il braccio, allora ha pensato:” Aspetta che lo afferro un po’ per le gambe e lo trascino, così forse capisce qualcosa in più”, ma dato che lui insisteva a voler vivere e frequentare i boschi del Trentino, dove lavora e paga le tasse, ha adoperato la tecnica del falso attacco che si limita a staccarti un muscolo, ferirti fino all’osso per poi andarsene di sua volontà scocciato anche dal cane che faceva il cane. Oltre al resto, queste rispettose persone aderenti al AIDAA accusano anche la persona portata via con l’elicottero e trovata in un lago di sangue di aver dichiarato il falso. Ai lettori uno spunto per pensare.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]

Categorie

di tendenza