Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Charlie Gard: quando l’impossibile diventa possibile ricordando Jerome Lejeune

Pubblicato

-

Il destino di Charlie Gard, il bambino inglese di 11 mesi affetto da una rara malattia genetica, sembrava segnato: i medici del Great Ormond Street hospital di Londra e i giudici avevano decretato l’obbligo di staccare la ventilazione artificiale, certi che non ci fossero più speranze.

L’opposizione dei genitori, decississimi a provare ogni cura possibile ed immaginabile, e soprattutto l’opinione pubblica di molti paesi, Italia in primis, hanno scongiurato, per ora, il decesso del bambino.

Permettendo così lo svilupparsi di domande molto interessanti: quando inizia l’accanimento terapeutico e come può essere definito? Il diritto a decidere delle cure di un bambino spetta ai medici e allo Stato, o ai genitori?

Pubblicità
Pubblicità

Mentre infuriava il dibattito, Stefano Lorenzetto e Mario Giordano, giornalisti del quotidiano nazionale La verità, hanno lanciato una provocazione: perchè il Bambin Gesù di Roma, l’ospedale pediatrico romano del papa, non si offre di accogliere Charlie e i suoi genitori, dando loro l’ultima speranza?

Detto, fatto: Mariella Enoc, dirigente del Bambin Gesù di Roma, e don Carmine Arice, responsabile per la pastorale sanitaria della Cei, hanno preso sul serio la richiesta de La verità, e si sono offerti: “Charlie venga da noi, faremo il possibile”.

Non si è trattato soltanto di un gesto formale, quasi di cortesia. No, l’ospedale romano, una eccellenza in Italia e nel mondo, ha dimostrato che esistono protocolli per cure sperimentali che l’ospedale londinese aveva ignorato.

Pubblicità
Pubblicità

Di qui il comunicato dell’ospedale stesso che ha ammesso che “due centri di cura internazionali (il Bambin Gesù citato e il New York Presbyterian Hospital americano, ndr) e i loro ricercatori, nelle ultime 24 ore, hanno dato prove chiare a proposito dei loro trattamenti sperimentali, e quindi si è deciso, d’accordo con i genitopri del bambino, di esplorare queste possibilità“.

L’ospedale però, continuava il comunicato, “è vincolato dalla sentenza dell’Alta Corte britannica che impedisce di trasferire il bambino negli Stati Uniti” – cioè nella prima destinazione scelta dai genitori, prima che si offrisse il Bambin Gesù di Roma- o altrove.

Accade dunque che un caso ritenuto impossibile, diventa possibile. Che una condanna già emessa, viene di fatto rimangiata. Non si dice certo che Charlie guarirà sicuramente, ma si ammette che non erano state percorse tutte le vie mediche possibili, e che si erano di fatto esautorati i genitori ingiustamente.

Certamente la terapia proposta dai due ospedali è sperimentale, innovativa, non offre certezze, ma ci chiediamo: quante altre volte questo è già successo?

Quante volte è accaduto che una cura sperimentale, innovativa, dimostrasse di funzionare? E ancora: quando sperimentare farmaci nuovi, se non in presenza di casi come quello di Charlie?

Chi scrive ha visto con i suoi occhi la prima bambina con spina bifida operata in utero: quella bimba oggi sta piuttosto bene, e i medici che la hanno operata hanno dimostrato che mentre in Olanda i bambini con spina bifida vengono spesso soppressi con l’eutanasia, altrove questi stessi bambini, presi in tempo, possono stare molto meglio, oggi, e forse bene del tutto, domani. In ogni cura, in ogni sperimentazione, c’è una prima volta!

Tra una cosa e l’altra la nostra storia arriva così al lunedì 10 luglio, giorno in cui il giudice dell’Alta Corte, Francis, che aveva già deciso in favore della tesi dell’ospedale londinese (“non c’è più nulla da fare, occorre far morire Charlie”), ha accolto le prove in favore e quelle contro alla possibilità di cura.

Cosa deciderà Francis?

Bisogna considerare che la faccenda si è fatta complicata: l‘Inghilterra rischia una figuraccia internazionale, perchè i suoi medici hanno condannato a morte un bambino, contro il parere dei suoi genitori, dimostrando di non conoscere le possibili alternative; un ospedale italiano ed uno americano, intervenendo, hanno dimostratro che il verdetto inglese era quantomeno affrettato.

Il giudice inglese avrà il coraggio di riconoscerlo? Di ammettere l’errore dell’ospedale cui aveva dato ragione in prima istanza; di riconoscere il proprio errore (e del resto, quali le sue competenze, in campo medico, e quale il suo diritto, rispetto a quello dei genitori di Charlie?).

Non è assolutamente detto. I genitori di Charlie hanno lanciato l’allarme. Come riporta Filippo Savarese, direttore di CitizenGo, il 10 luglio “i legali dei Gard hanno chiesto di far slittare il processo a fine luglio per discutere la ricusazione del giudice. Mozione bocciata. Francis ha detto inoltre che attende evidenze sullo stato di salute cerebrale di Charlie. Se è irrimediabilmente compromesso come sostiene l’Ospedale o no, come dice la famiglia. In particolare ha chiesto i dati sulla circonferenza del cranio negli ultimi mesi, perché la madre del bambino contesta quanto affermano i medici, ovvero che la testa abbia smesso di crescere.

Questa china non mi piace per niente, perché il punto non è quanto sia compromessa la salute di Charlie, ma perché mai i genitori non dovrebbero avere il sacrosanto diritto di affidare il figlio a un ospedale coi controcoglioni come il Bambin Gesù e debba invece averlo un giudice che si è sempre occupato praticamente solo di certificare divorzi. Inoltre i legali dell’Ospedale hanno dichiarato di tenere il bimbo sotto effetto di morfina, novità di cui non si era avuta notizia. Una mossa che potrebbe voler avvalorare la “tesi dell’agonia”…”.

Vedrermo come evolveranno le cose, ma mi piace concludere con un aneddoto storico.

Jerome Lejeune, medico, padre della citogenetica e servo di Dio, nel suo Il messaggio della vita ricordava come ventun anni dopo la Dichiarazione dei diritti dell’Uomo “un filosofo fece una proposta di legge per chiedere che ‘fosse finalmente proibito di asfissiare o comunque far morire dissanguati i malati di rabbia’. Questa proposta di legge non fu nemmeno discussa. Fu rimandata allo studio di una commissione, poi tutto finì in un cassetto e non se ne parlò più. Dodici anni dopo nacque un bambino di nome Louis Pasteur. La sua vita fu proprio la dimostrazione che a liberare l’umanità dalla rabbia e dalla peste non furono quelli che asfissiavano i malati di rabbia tra due materassi, o che bruciavano gli appestati nelle loro case, bensì quelli che hanno combattuto la malattia e rispettato il paziente”.

Anche solo da un punto di vista medico, è possibile il progresso nella medicina quando si preferisce, alle cure sperimentali, la morte certa?

a cura di Francesco Agnoli

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza