Connect with us
Pubblicità

Trento

Prosegue lo sciopero dei giudice di pace​: ​Patt e Upt complici di un’altra riforma vergognosa?

Pubblicato

-

Non sembrano cessare le proteste da parte della magistratura ordinaria: da lunedì 3 luglio è ripartito ​infatti ​lo sciopero dei giudici di pace, giudici onorari di tribunale e vice procuratori onorari per altre tre settimane. L’ultima protesta risale al 15 maggio 2017 e si è conclusa l’11 giugno 2017 (per la quale Agire per il Trentino aveva chiesto un intervento di intercessione da parte della Giunta provinciale di Trento, appello rimasto ​purtroppo inascoltati)​.

Si raggiungono così gli otto scioperi dei giudici di pace, dallo scorso novembre, con la necessaria constatazione che ad agosto ce ne saranno di ulteriori.

«Pur essendo consapevoli che a pagarne tristemente le spese saranno i ricorrenti (ai quali verrà comunque garantita la celebrazione di un’udienza settimanale) dal momento che ben 600 mila pratiche giudiziarie saranno a rischio, è impensabile che il Partito Democratico non abbia cercato di fare qualunque cosa per risolvere questa situazione» – spiega il consigliere provinciale Claudio Cia.

Pubblicità
Pubblicità

«Ancora più assurdo è il fatto che il Patt e l’Upt sostengano questo governo. I nostri parlamentari Trentini, finti autonomisti, – aggiunge Cia – stanno dimostrando di non avere considerazione per una parte fondamentale della magistratura italiana, che nella nostra Provincia è presente a Borgo Valsugana, Cavalese, Cles, Mezzolombardo, Pergine Valsugana, Riva del Garda, Rovereto, Tione di Trento e Trento; atteggiamenti che, peraltro, sono in netto contrasto con le indicazioni dell’Unione Europea e del Consiglio di Stato».

Secondo Claudio Cia i magistrati onorari chiedono giustamente è semplicemente un minimo di stabilizzazione per quanto concerne ad esempio il trattamento economico e previdenziale, tutele per la maternità, per gli infortuni sul lavoro e sicuramente la soluzione non è appoggiare la riforma Orlando che, da quello che sembra, porterà un aumento dell’80% del carico di lavoro per i giudici di pace, i quali attualmente trattano già il 60% dei processi penali e civili di I° grado; in questo peraltro non mancheranno anche dei tagli alle loro indennità (si parla di arrivare a 600–700€ mensili).

«La politica deve smettere con questa mania di imposizione, – conclude Cia –  perché in un momento come questo bisognerebbe invece cercare di ascoltare queste persone che stanno solo chiedendo un minimo di rispetto, a nostro avviso più che dovuto dal momento che i giudici di pace stanno già facendo molto più di quanto era stato richiesto (ufficialmente, infatti, svolgono un incarico temporaneo che nei fatti, però, è ormai a tempo pieno)».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Affitto con riscatto, un’ottima opportunità per acquistare casa
    Una possibile alternativa per acquistare casa potrebbe essere l’affitto con riscatto. Negli ultimi anni, la mancanza di liquidità, le garanzie delle banche sempre più stringenti e gli alti tassi di intesse, incidono negativamente sull’acquisto di... The post Affitto con riscatto, un’ottima opportunità per acquistare casa appeared first on Benessere Economico.
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza