Connect with us
Pubblicità

Voce - Val di Non & Sole

Domenica torna «El Ziro del Roen»

Pubblicato

-

El Ziro del Roen torna a diventare un appuntamento imperdibile dell’estate dell’Alta Val di Non. La storica passeggiata podistica ludico-motoria tra i prati ed i boschi del Monte Roen (che dopo vent’anni di silenzio era stata riproposta con successo due anni fa) tornerà anche nel 2017. La 21° edizione si svolgerà infatti domenica 2 luglio 2017.

Il bello di questa manifestazione ludico-sportiva è il suo essere adatta proprio a tutti: sia agli atleti, che alle famiglie. Il comitato organizzatore (composto dalla locale Pro Loco e dalle associazioni paesane) ha infatti deciso da un paio di anni in qua di riproporre sia lo storico percorso da 12,5 km che un percorso alternativo da 6 Km.

Il tracciato ufficiale vuole ripercorrere parte dell’originale “Ziro del Roen” e propone il passaggio dai laghetti dei Masi di Ruffrè per un totale di 480 metri di dislivello. Quello più breve di 6 km invece è adatto a chi gode di una minor preparazione atletica ma anche e soprattutto alle famiglie e ai bambini. Da un paio di anni “El Ziro del Roen” è infatti sempre più attento a coinvolgere i giovanissimi; a loro ad esempio sarà anche dedicato il parco (con ingresso gratuito) dotato di giochi gonfiabili e intrattenimento ad opera degli simpatici animatori.

Pubblicità
Pubblicità

La partenza in linea per entrambi i percorsi sarà in località Plazuela di Ruffré alle ore 9.30 del 2 luglio 2017, ma ai partecipanti sarà consentito partire fino alle ore 10.30. Lungo il percorso inoltre saranno dislocati vari punti di ristoro per consentire ai partecipanti di rinfrescarsi.

La marcia é organizzata dalla Pro Loco di Ruffré Mendola in collaborazione con le Associazioni di volontariato di Ruffré Mendola e dei paesi limitrofi quali: L’Unione Sportiva, il gruppo ANA, la cooperativa di ass. sociale Sad ed il Corpo Volontario Vigili del fuoco, nonché con il Comitato della Ciaspolada e la Pro Loco di Fondo.

Sabato 1 luglio 2017 ad ore 20.30 presso il Salone Imperiale del Passo Mendola si terrà un’importante cerimonia di apertura della festa con il concerto del Coro S. Romedio e il coro A.N.A. di Abbiategrasso. L’occasione è di quelle da non perdere dato che sarà possibile ammirare i ricchi saloni e la volta in legno della villa, solitamente chiusi al pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Voce - Val di Non & Sole

Mele, il progetto ipogeo di Melinda approda al Parlamento Europeo

Pubblicato

-

Una delegazione di rappresentanti delle maggiori realtà produttrici di mele in Trentino, insieme all’assessora provinciale all’agricoltura Giulia Zanotelli, sarà a Bruxelles lunedì 4 marzo per presentare al Parlamento europeo il progetto ipogeo realizzato da Melinda.

Ad accoglierli i deputati europei Paolo De Castro e Herbert Dorfmann.

Il progetto ipogeo, il sistema unico al mondo di conservazione delle mele in grotte sotterranee, realizzato da Melinda a Tassullo, in Val di Non, sarà protagonista di un evento al Parlamento europeo in programma lunedì 4 marzo.

Pubblicità
Pubblicità

Una delegazione di rappresentanti del mondo melicolo trentino formata dai cda di Melinda e La Trentina, Apot e Assomela, insieme all’assessora provinciale all’agricoltura Giulia Zanotelli, al direttore di Trentino Marketing Maurizio Rossini e al vicepresidente della Federazione Bruno Lutterotti, presenteranno questo innovativo sistema di conservazione delle mele presso il Parlamento Europeo.

All’incontro interverranno Michele Odorizzi e Paolo Gerevini, presidente e direttore generale di Melinda, Franco Paoli, direttore del reparto lavorazione e conservazione, e Alessandro Dalpiaz, direttore di Apot.

Ad accogliere e guidare il gruppo trentino ci saranno i deputati del Parlamento europeo Paolo De Castro e Herbert Dorfmann, che, a seguire, aggiorneranno i partecipanti sulle più importanti novità relative alla riforma della Politica Agricola Comunitaria e dell’Organizzazione Comune di Mercato per il settore Ortofrutticolo.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Monclassico: grave 79enne azzannato dal cane

Pubblicato

-

Momenti di grande paura per un settantanovenne di Monclassico lunedì mattina (31 dicembre): il malcapitato intervenuto per liberare una gallina dalla presa del lupo cecoslovacco appartenente al figlio, è stato azzannato al viso e alle braccia.

Il 79enne  ha riportato lesioni al volto e accompagnato dapprima all’ospedale di Cles, è stato poi trasferito a Trento dove è stato trattenuto in ospedale; le sue condizioni sono gravi, ma non è per fortuna in pericolo di vita.

La chiamata al 112 è pervenuta poco prima delle  12.

PubblicitàPubblicità

L’aggressione è avvenuta all‘esterno dell’abitazione di famiglia. Il lupo cecoslovacco appartiene al figlio ed è abituato a stare anche con l’anziano.

Sembra che lunedì mattina il cane avesse afferrato una gallina; a quel punto l’uomo è intervenuto istintivamente per  strappargliela dalla bocca.

Sembra sia questo il gesto che ha fatto scattare il lupo cecoslovacco: il cane ha azzannato l’anziano al volto e alle braccia. Solo l’intervento del proprietario avrebbe poi evitato che la situazione degenerasse e potesse accadere il peggio.

L’ambulanza è intervenuta tempestivamente e l’uomo è stato trasportato all’ospedale di Cles per le cure del caso.

Pubblicità
Pubblicità

valutate le lesioni riportate dal 79enne, è stato deciso un trasferimento all’ospedale Santa Chiara di Trento, soprattutto per permettere agli specialisti di valutare l’entità delle ferite riportate al volto

L’anziano è stato quindi trattenuto in ospedale in osservazione. Sul posto dell’aggressione, sono intervenuti i carabinieri di Cles

Il lupo cecoslovacco è stato quindi affidato al suo proprietario,che lo ha messo nel suo recinto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Voce - Val di Non & Sole

Pia Laviosa Zambotti e le altre: dalla terra allo spazio cercando l’umano

Pubblicato

-

FONDO-CLES –  Un progetto dedicato a Pia Laviosa Zambotti, con incontri previsti a Fondo e Cles nei mesi di febbraio e marzo, rivisiterà la figura dell’archeologa e studiosa anaune in quanto donna che ha saputo emanciparsi attraverso lo studio in un contesto culturale, sociale e politico prevalentemente maschile. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza