Connect with us
Pubblicità

Trento

Tonca: nell’Adige finiscono Baratter, l’ITAS, il Sindaco e il Questore. La Gnesetti furibonda con Mario Cagol.

Pubblicato

-

Alla fine per il giudice Mario Cagol c’è stato l’imbarazzo per la scelta. Per questo ha deciso di non fare un torto a nessuno e ha toncato quasi tutti. Sono stati ben sei infatti i trentini che sono stati «buttati» virtualmente nelle acque del fiume Adige.

Lorenzo Baratter fa il bis è viene toncato per la seconda volta di fila. Ma è in buona compagnia, con lui, scendono sott’acqua anche il sindaco Andreatta, una vecchia conoscenza della Tonca, e il questore d’Ambrosio, incapaci secondo il tribunale di Penitenza di gestire la criminalità a Trento e in particolar modo in Piazza Dante e dintorni.

A fondo anche la dirigenza dell’ITAS, con il presidente Di Benedetto, l’ex direttore Grassi e la ex dirigente Gnesetti tutti calati dentro l’Adige. Sulla Gnesetti Mario Cagol ha affermato: «La signora dirigente Alessandra Gnesetti che no l’ha digerì la question del so licenziamento secondo ela ingiustificato e per questo l’ha envià via en polveron che se stenta a vederghe zo ale Albere».

Pubblicità
Pubblicità

Ma qui c’è la reazione di Alessandra Gnesetti che subito dopo aver saputo delle dichiarazioni del presidente del Tribunale di Penitenza reagisce e attacca così: «Scandaloso che un giullare si permetta di giudicare la mia persona facendo ironia su un dramma che ha coinvolto me e la mia famiglia,  – dichiara l’ex funzionaria di ITAS –  vergognoso umiliare una persona che ha denunciato i gravi illeciti e che ora deve prendersi pure gli insulti e gli sberleffi da uno sconosciuto che ignora la verità,  vorrei che questo messaggio arrivasse a questo personaggio noto a pochi, certo Mario Cagol».

Alessandra Gnesetti afferma ancora che: «sono pronta anche ad incontrarlo per avere le sue scuse! Calpestare le persone che tentano di rimettere in ordine percorsi che son stati costretti di fare è semplicemente meschino»!

Insomma, alla fine tonca per 6, (non era mai successo), salvi quindi Maestranzi, Uez, la Romano e Moranduzzo.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Minacce contro il governatore Fugatti, la solidarietà di tutti i partiti

Pubblicato

-

Nella notte qualcuno sul Trincerone del monte Zugna ha scritto la frase ingiuriosa contro il governatore del Trentino Fugatti.

Il contendere è ancora una volta la realizzazione della Valdastico che divide la comunità Vallagarina.

Al governatore è arrivata la solidarietà  trasversale da parte di tutti i movimenti politici.

Pubblicità
Pubblicità

«Non saranno certo ignoti e codardi imbecilli a fermare il Trentino dei sì, quel Trentino che vuole uno slancio culturale, sociale ed economico che passa anche attraverso la realizzazione di infrastrutture necessarie per lo sviluppo del nostro territorio. La massima solidarietà a nome mio e di tutta la Lega al Presidente Maurizio Fugatti, con il nostro caldo invito a non lasciarsi intimidire da questi ignoti facinorosi e di proseguire con la realizzazione di opere che il Trentino sta aspettando da troppi decenni» – scrive il segretario della Lega Mirko Bisesti

Solidarietà anche dalla compagna di partito Mara Dalzocchio: «Le minacce di morte di qualche nazi-ambientalista nei confronti di Fugatti non possono far altro che convincerci del fatto che a non volere la realizzazione della Valdastico sia solamente un gruppo di facinorosi giunto persino a minacce di morte nei confronti del Presidente della Provincia, compiendo un gesto che deve essere condannato da tutte le forze politiche. Si può essere d’accordo o meno su un’opera che certamente aiuterà l’economia del Trentino e soprattutto di una città per troppi anni abbandonata a se stessa come Rovereto, ma il confronto deve essere civile e non può ridursi a un tale linguaggio d’odio e di morte. Mi pare che forze politiche come la Lega, per decenni all’opposizione, non si sia mai espressa così in questi anni. Da parte mia e di tutto il gruppo consiliare la massima solidarietà al Presidente Fugatti».

La condanna arriva anche da Futura 2018, il partito di Paolo Ghezzi: «Futura condanna senza remore qualsiasi scritta irriguardosa o ingiuriosa verso chiunque e in particolare nei confronti di chi rappresenta l’istituzione provinciale trentina come il presidente Fugatti. La politica dell’odio non porta da nessuna parte. Futura crede nell’opposizione come resistenza civile e nonviolenta, anche a livello verbale. Per questo condanna fermamente le minacce di morte al presidente della Provincia apparse sul Trincerone».

Sulla stessa linea il Partito Democratico: «Davanti all’intollerabile grammatica delle ingiurie e delle minacce, figlie della pochezza di qualche “voce” del tutto estranea al dibattito democratico, contro la figura e la persona del Presidente della Provincia autonoma di Trento, il Gruppo consiliare provinciale e tutto il Partito Democratico del Trentino esprimono al Presidente Fugatti tutta la propria solidarietà politica ed umana, condannando senza riserva alcuna ogni concessione al rancore ed all’odio e sottolineando l’urgenza di una ripresa vigorosa delle regole del rispetto e della tolleranza».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Africano senza biglietto aggredisce i controllori e la polizia locale. Arrestato

Pubblicato

-

Nella foto l'arresto del giovane africano

Nuovo episodio di violenza ai danni degli uomini della Trentino Trasporti e della Polizia Locale oggi pomeriggio in via Bolzano a Trento

Un ragazzo nord africano dall’apparente età di 25 anni, verso le 14.00 di oggi, dopo essere salito sull’autobus 17 è stato individuato da tre controllori che gli hanno chiesto di favorire il biglietto.

il 25 enne ha cominciato subito ad agitarsi ed innervosirsi. Le cose sono cominciate a precipitare quando gli uomini della Trentino Trasporti hanno invitato il giovane a scendere dall’autobus.

Pubblicità
Pubblicità

In quel momento i tre sono stati aggrediti. 

A sostegno dei tre sono subito intervenuti due operatori della polizia locale che sono stati a sua volta aggrediti anche loro.

Lo straniero, con molta fatica, è stato immobilizzato e arrestato grazie all’uso dello spray al peperoncino e portato in caserma nella camera di sicurezza in attesa di essere identificato e probabilmente processato per direttissima. 

Per quanto riguarda la salute fisica dei protagonisti, a tutti sono state riscontrate delle contusioni varie che andranno refertate nelle prossime ore al pronto soccorso.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Le finte leggende sulla correttezza dei tedeschi

Pubblicato

-

I tedeschi, si sa, sono sempre pronti a fare la ramanzina all’Italia.

Chiunque a Berlino si sente titolato a puntare il dito contro l’inefficienza e il poco rispetto delle regole e del bene comune dell’Italia.

Negli anni ’80 sono nati molti luoghi comuni sulla Germania poi però piano piano smentiti dai fatti.

Pubblicità
Pubblicità

Uno di questi recitava che in Germania tutto è puntuale ed efficiente.

Indubbiamente i tedeschi sono gran lavoratori, efficienti, organizzati. Ma, una volta in Germania, non aspettatevi che ogni servizio, mezzo di trasporto, lavoro pubblico funzioni alla perfezione.

I tedeschi, come tutti, hanno le loro debolezze e non sono immuni da ritardi, sprechi, corruzione e poco rispetto del codice della strada. 

Lo possiamo anche dimostrare, senza dover per forza generalizzare, grazie ad una segnalazione arrivata da un nostro lettore al numero whatApp della redazione (3922640625).

La foto ritrae infatti una macchina tedesca che ha parcheggiato sul posto dei disabili per molto tempo, presso il centro commerciale Top Center stamattina.

Insomma, «questi sono i bravi ragazzi tedeschi in vacanza rispettosi delle leggi italiane»scrive il nostro lettore

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza