Connect with us
Pubblicità

Trento

Tonca: nell’Adige finiscono Baratter, l’ITAS, il Sindaco e il Questore. La Gnesetti furibonda con Mario Cagol.

Pubblicato

-

Alla fine per il giudice Mario Cagol c’è stato l’imbarazzo per la scelta. Per questo ha deciso di non fare un torto a nessuno e ha toncato quasi tutti. Sono stati ben sei infatti i trentini che sono stati «buttati» virtualmente nelle acque del fiume Adige.

Lorenzo Baratter fa il bis è viene toncato per la seconda volta di fila. Ma è in buona compagnia, con lui, scendono sott’acqua anche il sindaco Andreatta, una vecchia conoscenza della Tonca, e il questore d’Ambrosio, incapaci secondo il tribunale di Penitenza di gestire la criminalità a Trento e in particolar modo in Piazza Dante e dintorni.

A fondo anche la dirigenza dell’ITAS, con il presidente Di Benedetto, l’ex direttore Grassi e la ex dirigente Gnesetti tutti calati dentro l’Adige. Sulla Gnesetti Mario Cagol ha affermato: «La signora dirigente Alessandra Gnesetti che no l’ha digerì la question del so licenziamento secondo ela ingiustificato e per questo l’ha envià via en polveron che se stenta a vederghe zo ale Albere».

Pubblicità
Pubblicità

Ma qui c’è la reazione di Alessandra Gnesetti che subito dopo aver saputo delle dichiarazioni del presidente del Tribunale di Penitenza reagisce e attacca così: «Scandaloso che un giullare si permetta di giudicare la mia persona facendo ironia su un dramma che ha coinvolto me e la mia famiglia,  – dichiara l’ex funzionaria di ITAS –  vergognoso umiliare una persona che ha denunciato i gravi illeciti e che ora deve prendersi pure gli insulti e gli sberleffi da uno sconosciuto che ignora la verità,  vorrei che questo messaggio arrivasse a questo personaggio noto a pochi, certo Mario Cagol».

Alessandra Gnesetti afferma ancora che: «sono pronta anche ad incontrarlo per avere le sue scuse! Calpestare le persone che tentano di rimettere in ordine percorsi che son stati costretti di fare è semplicemente meschino»!

Insomma, alla fine tonca per 6, (non era mai successo), salvi quindi Maestranzi, Uez, la Romano e Moranduzzo.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Trento

53 enne trentino sepolto da una valanga in val d’Ultimo

Pubblicato

-

E’ vivo e in buone condizioni lo scialpinista che è stato travolto da una valanga in val d’Ultimo.

Il trentino di 53 anni è stato trasportato dall’elisoccorso all’ospedale di Merano ed è già stato sentito dai carabinieri.

L’incidente si è verificato nei pressi della cima Orecchia di Lepre, una vetta di 3.257 metri del gruppo Cevedale-Ortles.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo, che faceva parte di una comitiva di tre scialpinisti, è finito sotto la valanga di una lunghezza di oltre 500 metri.

Sul posto sono giunti i due elicotteri Aiut Alpin Dolomites e Pelikan 2 con gli uomini del soccorso alpino della Guardia di finanza e del Bergrettungsdienst.

Già dall’aria i soccorritori hanno visto spuntare uno sci dalla neve.

Appena atterrati hanno liberato l’uomo che fortunatamente era solo coperto da pochi centimetri di neve. Il 53 enne è rimasto sepolto quasi un’ora. In serata, fra la sorpresa generale, sarà dimesso dall’ospedale viste le buone condizioni di salute.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Assegnato il «Bollino Rosa» agli ospedali di Arco, Rovereto e Trento

Pubblicato

-

Gli ospedali di Arco, Rovereto e Trento sono in prima linea nella promozione della medicina di genere e offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili.

Per questo le tre strutture hanno ricevuto i ‘Bollini rosa’ di Fondazione Onda – l’osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere – e sono state premiate ufficialmente a Roma lo scorso 11 dicembre per la loro attenzione alla salute femminile. Due i bollini assegnati al Santa Chiara e al presidio ospedaliero di Arco, uno al Santa Maria del Carmine, per il biennio 2020-2021.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei ‘Bollini rosa’ è avvenuta tramite un questionario di quasi 500 domande suddivise in 18 aree specialistiche.

Pubblicità
Pubblicità

Una commissione multidisciplinare ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

Sono stati valutati in particolare la presenza di specialità clinicheche trattano problematiche di salute specificatamente femminili e patologie trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati, di percorsi diagnostico-terapeutici e di servizi clinico-assistenzialiin grado di assicurare un approccio efficace per le caratteristiche psico-fisiche della paziente.

Sono stati valutati poi ulteriori servizi volti a garantire un’adeguata accoglienza e degenza della donna, come il supporto delle associazioni di volontariato, la mediazione culturale e l’assistenza sociale.

I Bollini Rosa sono il riconoscimento che Fondazione Onda attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

Pubblicità
Pubblicità

A partire dal 7 gennaio 2020 sul sito sarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per Regione, con l’elenco dei servizi valutati.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Cercami su Instagram, ieri a Villazzano un incontro per riflettere sul mondo dei social

Pubblicato

-

Si è svolto ieri sera, venerdì 13 dicembre, presso l’auditorium CFP di Villazzano, l’incontro “Cercami su Instagram tra Big Data, solitudine e iperconnessione“.

Cercami su Instagram è stato un incontro presentato dagli scrittori dell’omonimo libro ed è stato un accorato invito a guardare oltre le immagini sorridenti, seducenti e apparentemente spensierate che i ragazzi (e non solo) pubblicano e guardano di continuo sui social network.

In quest’epoca di Big Data e narcisismo, controllo, selfie erotici, coppie online, profilazione e algoritmi complessi, Internet viene a cercarci e ci trova più soli, interconnessi, influenzabili, a volte aggressivi e con emozioni e pensieri mutati, ma sempre tanto desiderosi di essere visti.

Pubblicità
Pubblicità

Con un linguaggio semplice e colorato di tanti esempi, facilmente condivisibile anche con i più giovani, gli autori hanno accompagnato gli ospiti in un viaggio alla ricerca di nuove chiavi interpretative e nuove possibilità.

Serena Valorzi, è una degli autori, lei è Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo – comportamentale, con specializzazioni in ACT e Schema Therapy, è inoltre formatrice esperta in dipendenze da comportamento, di assertività e di impatto emotivo, cognitivo e relazionale delle Tecnologie di Comunicazione.

Mauro Berti è invece scrittore e Formatore nell’ambito dei risvolti sociali delle moderne Tecnologie della Comunicazione, è anche Vice Ispettore presso il Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Trento e Responsabile dell’Ufficio Indagini Pedofilia.

Con il libro i due autori hanno sentito l’esigenza di scuotere le coscienze.

Pubblicità
Pubblicità

Nel loro scritto non si parla solo di Instagram, spiega la Dottoressa, e le diverse tematiche collaterali hanno riguardato anche l’incontro di ieri. L’attenzione del pubblico è andata su concetti importanti, c’è infatti sempre più  spesso una analisi della voglia di mettersi in vetrina che passa attraverso una virtualità che non è invece la affettività reale.

«Siamo due autori diversi,– spiega Serena Valorziil mio collega tratta temi importanti  tra cui quello della profilazione e personalizzaizone dei risultati e degli ecochumber».

Ecochumber è un termine importante e molto utilizzato nell’ambito della comunicazione. Si riferisce a quella cassa di risonanza astratta dove informazioni ed idee vengono amplificate e rimbalzano continuamente , rafforzate quindi dalla loro stessa condivisione all’interno di un ambiente predefinito e che eunta al rafforzamento di idee di una certa tipologia. Argomenti come questo, o quello delle filter bubble, che riguarda la personalizzazione dei risultati, sono tematiche sensibili che i giovani dovrebbero sicuramente conoscere poichè per primi vengono esposti a tutto ciò che il web cela.

«Mi occupo da 18 anni di dipendenza da tecnologia- spiega la Dottoressa-, e mi interessano molto gli studi che concernono le coppie. In particolare studio le relazioni che le perosne hanno tra loro e con i più piccoli, il tema del narcisismo ecc…In merito a ciò potrei affermare che le nuove generazioni hanno forti punteggi di narcisismo ma anche di solitudine. La depressione impatta fortemente le loro vite.

La conferenza è legata a concetti e tematiche che riguardano il web e i social, la mia parte è più legata ad un aspetto clinico e penso che la collaborazione con Mauro Berti sia efficace appunto perchè con lui affrontiamo questi fenomeni da punti di vista differenti e altrettanto importanti».

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza