Connect with us
Pubblicità

Trento

Stranieri per caso: in Trentino da 18 anni ma per colpa della burocrazia rischia l’espulsione.

Pubblicato

-

In passato il popolo italiano per sopravvivere è fuggito all’estero e ha vissuto proprio quello che gli immigrati oggi vivono qui nel nostro paese.

Come ha scritto Gian Antonio Stella gli italiani si sono dimenticati del passato e non sopportano l’immigrazione.

Ma quali sono le ragioni di questa insofferenza?

PubblicitàPubblicità

Abbiamo provato a spiegarlo attraverso una piccola inchiesta dove toccheremo diversi aspetti del processo di migrazione e in questo primo articolo viene approfondito il tema dei giovani stranieri, vale a dire la seconda generazione, nata dalle persone che sono partite, o meglio dovute scappare dal proprio paese per cercare di sopravvivere in un posto lontano dove non si capisce nulla e non si conosce nessuno.

Prossimamente verranno analizzate le motivazioni dell’immigrazione nel nostro paese, ma anche dell’emigrazione italiana verso paesi più ricchi.

Infine scopriremo come vengono gestite le risorse del nostro territorio per affrontare i flussi migratori e che senso ha l’integrazione, tra rifiuto dello straniero, e perdita delle proprie tradizioni.

Pubblicità
Pubblicità

La storia che abbiamo raccolto porta alla luce come in Italia vi siano due pesi e due misure, e soprattutto il perché la burocrazia abbia due velocità. Ed è così che emergono le contraddizioni e le incongruenze di un paese che non è in grado di gestire nessun flusso migratorio, anzi, nel nostro caso nemmeno l’accoglienza di chi nel nostro paese vive da 18 anni.

Aveva solo 6 mesi quando è arrivata qui, in Trentino, con mamma e papà viaggiando su un barcone in condizioni disumane. La guerra aveva distrutto tutto, anche la loro casa e sono dovuti fuggire in un paese in cui non sapevano neanche come pronunciare “ho fame”

Il papà per fortuna trova lavoro e per diversi anni sembrava andare tutto bene, poi un giorno l’azienda fallisce, nascono problemi familiari e l’unica soluzione delle istituzioni è quella del collocamento in comunità di Fiorella (nome di fantasia) e dei suoi fratelli minori nati nel nostro paese. Fiorella ora ha 18 anni.

Fiorella poi scappa e torna proprio da quei genitori ritenuti non idonei, ma che continuavano ad amare ed essere cercati dai loro bambini.

Per Fiorella diventa difficile andare a scuola, avere una vita serena, pensa infatti sempre ai fratellini che non può rivedere.

La ragazzina comunque viene seguita ufficialmente da una tutrice e dall’assistente sociale, ma questo purtroppo non è sufficiente a garantirle una realizzazione personale.

Fiorella nonostante le sue difficoltà emotive riesce a raggiungere il diploma di terza media ed ora dovrebbe continuare sia a studiare che a lavorare. Anzi ha già una proposta di lavoro, ma forse non può accettarla.

Non può cogliere questa occasione perché quando questo incubo sembra avere una via d’uscita la porta si chiude ancora.

Nonostante le sollecitazioni di Fiorella ai servizi competenti il suo passaporto non è stato rinnovato e la sua tessera sanitaria è scaduta da ben due anni costringendo i suoi genitori a pagare le visite come se fossero turisti “fai da te”

Ora per la ragazza potrebbero aprirsi degli scenari poco piacevoli. Per rimanere in Italia che cosa deve fare a causa di questi errori? Un permesso di soggiorno per ricerca lavorativa o turismo con magari scadenza semestrale?

La direttiva del Ministro dell’Interno del 28 Marzo 2008 dispone che: “..al compimento della maggiore età, il figlio ha diritto al rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari per la stessa durata di quello del genitore e purché siano comunque soddisfatte le condizioni di reddito e di alloggio previste per il ricongiungimento familiare. Il genitore deve, cioè, essere in possesso di un alloggio idoneo certificato dal Comune o dalla ASL, e di un reddito congruo in proporzione al numero delle persone conviventi e iscritte nello stato di famiglia (es. il doppio dell’assegno sociale per tre persone)..”.

Ma Fiorella è stata affidata ai Servizi Sociali, si può parlare ancora di rinnovo per motivi familiari o quale può essere il destino di questa giovane adulta?

Se per il caso di un semplice rinnovo di documenti i servizi riescono a maturare anche 24 mesi di ritardo facendo rischiare ad una ragazza l’espulsione, nonostante le sue sollecitazioni, come si può pensare che le istituzioni riescano a gestire in modo consono il flusso migratorio presente in Italia?

Dopo aver sentito questa storia occorre fare alcune riflessioni in merito al comportamento spesso contraddittorio e incongruente di alcune istituzioni. A questa ragazza ad oggi non viene garantito, per colpa di una mastodontica burocrazia, un sacro santo diritto che ha maturato in 18 anni di residenza in Italia, e dopo il raggiungimento del diploma e l’entusiasmo di voler continuare la propria vita proprio nel luogo dove ha maturato le sue relazioni affettive.

L’incredibile contraddittorio è nel fatto che invece i migranti appena arrivati in Trentino, che entrano nei progetti di accoglienza, invece ricevono vitto, alloggio, spese sanitarie gratuite e tutti i possibili benefit che paga il contribuente, ma anche e soprattutto soldi europei elargiti all’Italia per gestire i flussi migratori.

Ma non solo. In questo periodo si sta parlando anche di «regalare» la residenza ai richiedenti asilo subito dopo gli sbarchi.

I fondi economici vengono utilizzati in modo sicuramente non congruo o in modo alternativo alla realizzazione dei problemi reali e concreti creando un malcontento generale e addirittura in molti casi provocando rabbia che si trasforma in razzismo.

Non è colpa di chi scappa dalla guerra, siamo scappati anche noi, ma di chi gestisce questo esodo epocale che probabilmente continuerà per i prossimi vent’anni e di chi riesce a lucrare da questi continui drammi creando business di milioni di euro.

Poche persone, insomma, che guadagnano a scapito di molte a cui rimangono problemi, umiliazioni, povertà, malessere e disagi quotidiani. 

D.ssa Marica Malagutti – Psicoterapeuta – Psicodramma Psicoanalisi  –Psicologa Forense –Specializzazione in Diritti Umani Cooperazione allo Sviluppo

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza