Connect with us
Pubblicità

Trento

Carabinieri, operazione antidroga a Trento: 6 arresti, 22 denunce e 2 latitanti

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

In queste ultime ore i Carabinieri del nucleo investigativo del Reparto Operativo di Trento hanno concluso l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP su richiesta della Procura della Repubblica di Trento, per lo smantellamento di un sodalizio criminale dedito al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

L’intera operazione ha visto impegnati oltre 75 carabinieri del Comando Provinciale di Trento, nonché di quello di Brescia e Cremona, e le unità cinofile di Laives (BZ) e di Orio al serio (BG), con supporto aereo del 3° elinucleo di Bolzano.

Mirati i controlli, nell’inverno appena trascorso, della clientela e dei movimenti sospetti innanzi al locale “il Gatto e la Volpe” (da qui il nome “Pinocchio” dato all’operazione) hanno consentito agli investigatori di addivenire alla ricostruzione esatta dei canali di approdo della droga in Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Era il “buttafuori” di questo locale notturno, ora chiuso, che intratteneva i principali contatti coi clienti e con il sommerso mondo trentino dello spaccio e della malavita: di qui l’indagine.

Il gruppo criminale, individuato nella sua completezza, operava a Trento e provincia e soltanto gli specifici accertamenti tecnici di questi mesi da parte del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Trento hanno consentito di tracciare la mappa di approvvigionamento, quindi le due provenienze degli stupefacenti (marijuana e cocaina): Crema in provincia di Cremona e Montichiari in provincia di Brescia. Da queste due località venivano riforniti i principali soggetti protagonisti dello spaccio tridentino.

Tra gli arrestati, tra coloro cioè che smistavano i diversi quantitativi di cocaina e hashish su Trento ricevendoli direttamente da tre fornitori albanesi provenienti da Brescia e Crema, anche un collaboratore di giustizia, sul quale ovviamente va mantenuto il completo riserbo sulle generalità.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo è stato condotto in carcere con le pesanti accuse che la dott.ssa Maria Colpani, PM che ha seguito ogni minima fa se dell’indagine odierna, ha evidenziato in punto di smercio di stupefacenti.

Il collaboratore di giustizia prosegue in Trentino nella commissione di condotte illecite quali il traffico di cocaina che sono le medesime per le quali è già stato inquisito in passato e non si fa scrupolo di perseguire la propria attività delinquenziale arruolando manovalanza rumena e allacciando contatti con organizzazioni albanesi del nord Italia dedite allo spaccio ingente, nonostante il suo status di collaboratore gli permetta di godere di una posizione economicamente sicura […]”, così riporta in ordinanza il GIP Marco La Ganga, nel disporre il carcere e altra misura per ulteriori 4 indagati.

Durante i numerosissimi servizi di osservazione e pedinamento è stata ricostruita la trama fittissima degli spacci nell’area nord di Trento città e a Lavis.

Sono stati identificati e deferiti ben 22 assuntori (tutti anche segnalati al Commissariato del Governo di Trento per gli accertamenti previsti dalla legge) che hanno completato il quadro accusatorio, confermando responsabilità di smercio al dettaglio in capo agli arrestati. Ogni arrestato aveva tra i suoi contatti abituali almeno 20 clienti.

I carabinieri di Crema, nell’ambito di questa operazione, spinti dagli impulsi informativi dell’Arma trentina, hanno sequestrato ben 40 kg di marijuana ad uno dei due albanesi residente a Bagnolo Cremasco, ad oggi latitante assieme all’altro soggetto collegato residente a Montichiari. La fuga precipitosa dei due e i quantitativi di stupefacenti sequestrati dai carabinieri di Crema hanno dato conferma che i canali esatti fossero proprio questi e fossero assolutamente ben rodati e garantiti da un “bacino di ricezione” in provincia di Trento di assoluto rispetto.

Ancora un colpo ben assestato allo spaccio che raggiunge i parchi e i marciapiedi della nostra città.

La Magistratura e i carabinieri non si stancano di ripetere che è necessario (anche) questo impegno costante di uomini e mezzi nella lotta allo smercio “di strada”.

Francesco Isernia, uno degli arrestati, era già stato pizzicato dai carabinieri nel lontano 2005 e arrestato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Allora era stato fermato a San Michele all’Adige mentre trasportava 200 grammi di hashish. In seguito all’accertamento l’uomo, allora residente a Tassullo, con a carico alcuni precedenti, era stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina6 minuti fa

Al via la 25esima edizione di Ala Città di Velluto

Italia ed estero13 minuti fa

Gas, Germania alza il livello di allerta: ridurre l’utilizzo d’estate per riempire i depositi

Alto Garda e Ledro1 ora fa

Varone: ecco le istruzioni sulla nuova viabilità

economia e finanza1 ora fa

Assicurazioni on line moto: ricerche in aumento sui portali comparatori

Trento2 ore fa

S.P. 90 “Destra Adige” – II° tronco, chiusura temporanea in località Ravina

Italia ed estero11 ore fa

Auto si schianta contro il muro, si ribalta e prende fuoco: due morti e due feriti gravi

economia e finanza11 ore fa

Pensplan: oltre 280 mila posizioni presso i fondi pensione istituiti in Regione

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Studenti qualificati e diplomati all’UPT di Cles: ecco l’elenco

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Pellizzano vince il Bando borghi del Pnrr puntando sulla frazione di Termenago

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Carenza idrica, Andalo fa la sua parte

Giudicarie e Rendena13 ore fa

Ponte dei Servi: finisce a terra con la moto, 56 enne finisce in ospedale

Vita & Famiglia13 ore fa

Usa. Storica decisione contro sentenza sull’aborto. Pro Vita: «ora tocca all’Italia»

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Sorpasso suicida nella galleria di Taio – IL VIDEO

Telescopio Universitario14 ore fa

UniTrento – Pnrr, 50 milioni all’Università di Trento

Bolzano15 ore fa

Alto Adige, ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista disperso a Racines: precipitato a Malga Calice a 1.500 m slm

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Frana il terreno vicino a Malga Andalo – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

I 12 giorni di Vasco Rossi all’Hotel Solea di Fai della Paganella: «Persona di livello umano altissimo»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Telescopio Universitario4 settimane fa

In 440 oggi alla cerimonia di laurea, il rettore: «Scommetto su di voi»

Telescopio Universitario4 settimane fa

All’Università di Trento il fondo Feierabend sull’arte italiana del ‘900

Arte e Cultura4 settimane fa

Mario Giordano in Trentino con i «Tromboni. Tutte le bugie di chi ha sempre la verità in tasca»

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento2 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza