Connect with us
Pubblicità

Voce - Val di Non & Sole

«Predaia Imprende»: per Adele l’inizio di un sogno che sta diventando realtà

Pubblicato

-

TAIO – Un progetto basato sulla valorizzazione di una risorsa importante del nostro territorio come il pino mugo, idee fresche e innovative, una grandissima voglia di mettersi in gioco.

È Adele Eccheli, giovane – ormai si può dirlo – imprenditrice di Pilcante di Ala, la vincitrice del concorso “Predaia Imprende”, che puntava alla nascita di nuove realtà imprenditoriali volte allo sviluppo dell’offerta turistica sostenibile nel Comune di Predaia.

L’iniziativa, sostenuta dagli Operatori Economici di Predaia, dal Comune di Predaia, dalla Cassa Rurale d’Anaunia, dall’Apt Valle di Non, dalla Comunità della Valle di Non, dal Consorzio frutticolo Cocea, dall’Unione frutticoltori Coredo e dalla Strada della Mela, ha visto la partecipazione di 11 concorrenti provenienti da diverse parti della Val di Non e del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Nella prima fase del progetto sono state premiate tre proposte capaci di distinguersi per originalità e interesse suscitato: al terzo posto (aggiudicandosi 500 €) si è classificato il progetto “Joinki” di Sabrina Pasquin, al secondo (1000 €) “Golocal” di Giorgio Brentari e al primo (2000 €) “Herbula Predal” di Adele Eccheli.

Nel corso della seconda fase, invece, i primi 5 selezionati – ai già citati si sono aggiunti Gianni Brida e Nicola Biasi – hanno dovuto sostenere un colloquio con la commissione, presieduta dal sindaco di Predaia Paolo Forno, che aveva il compito di scegliere chi tra loro avesse il potenziale per diventare un imprenditore di Predaia, dando vita a una startup e potendo contare su un contributo pari a 10mila euro per la creazione della propria realtà aziendale.

La commissione ha dunque deciso quale fosse il progetto maggiormente meritevole a cui affidare le risorse economiche utili ad avviare l’attività.

Pubblicità
Pubblicità

“HERBULA PREDAL”: VIA A UNA NUOVA REALTÀ IMPRENDITORIALE – Ieri sera, nel corso di una conferenza stampa tenutasi in località “Roza” a Taio, è stato premiato “Herbula Predal”, il progetto vincitore del concorso, con la consegna da parte del presidente degli Operatori Economici, Ivan Larcher, dell’assegno intestato ad Adele Eccheli, la più giovane (classe ’94) tra i finalisti.

Abbiamo voluto mettere in piedi questo concorso – ha dichiarato il presidente –  perché fosse uno stimolo per il territorio e perché potesse dare origine a una nuova realtà imprenditoriale. Il motivo per cui abbiamo scelto un luogo simbolico e ricco di significato come la Roza per la premiazione consiste nel fatto che qui sono nate tante realtà artigianali e imprenditoriali del nostro ex Comune di Taio. La speranza è che questo possa essere di buon auspicio”.

Il sindaco di Predaia Paolo Forno, che nell’occasione ha rivestito il ruolo di presidente della commissione valutatrice, ha speso parole d’elogio per l’organizzazione e di riconoscenza nei confronti degli sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa, spiegando anche i motivi che hanno portato alla scelta di premiare il progetto “Herbula Predal”.

Esso dimostra una certa concretezza non soltanto nelle modalità e nelle tempistiche di realizzazione – ha spiegato Forno – ma anche rispetto alla sostenibilità economica dell’attività e nell’analisi dei rischi correlati.

L’idea, inoltre, si contraddistingue per un’ottima capacità di interazione sia con il territorio di Predaia che verso l’esterno, elementi ritenuti  fondamentali dalla commissione ai fini della scelta finale.

Da sottolineare, infine, il percorso formativo della coordinatrice del progetto, Adele Eccheli che, dopo aver ottenuto una qualifica triennale di operatore agro-alimentare e il diploma agrotecnico, ha conseguito la laurea triennale in Scienze farmaceutiche applicate con un punteggio di 100/100 con lode.

I corsi formativi in apicoltura, distillazione in corrente di vapore di piante officinali e quindi la decisione di intraprendere un’attività imprenditoriale nel territorio di Predaia all’età di 23 anni –  ha concluso il sindaco – ne fanno un esempio importante per tanti giovani con idee originali e innovative”.

La parola è poi passata alla vera protagonista della serata, Adele Eccheli, che ha raccontato il suo progetto basato su una forte sinergia tra imprenditoria, turismo e territorio: “Prima di tutto ci tengo a ringraziare tutti gli sponsor che hanno sostenuto quest’iniziativa – ha dichiarato –. Ma voglio ringraziare anche gli organizzatori per aver creduto in noi giovani e nelle nostre idee. La mia si sviluppa attraverso il turismo sostenibile legato ad agricoltura e territorio, cercando di migliorarlo sfruttandone le risorse”.

Risorse che Adele conosce bene, ha infatti scritto la sua tesi di laurea sul pino mugo. “Conosco bene la realtà di Predaia – ha proseguito – e le ricette della Val di Non per il mugòlio. Il pino mugo è presente in quantità sulle pendici del Roen, si tratta di una risorsa enorme dalle proprietà uniche. Attraverso i suoi distillati si possono ricavare prodotti alimentari e cosmetici di ottima qualità”.

La sua idea, quindi, è di creare un’azienda agricola “per poi proporre prodotti come miele e oli essenziali, sul territorio ma anche allargando la prospettiva al di fuori dei confini di valle o provinciali. Per vendere dei prodotti trentini che ancora non ci sono. In poche parole: raccogliere, distillare e creare i presupposti per valorizzare questa risorsa, in modo che il turista ne percepisca il legame con il territorio”.

PREDAIA, TERRENO FERTILE – Un successo, dunque, il concorso “Predaia Imprende”, che ha stimolato nuove idee e suscitato grande interesse nei giovani del Comune ma non solo.

Questo concorso – ha aggiunto Forno – ha messo in luce una cosa importante: Predaia è terreno fertile per queste nuove iniziative. Il nostro è un territorio dove lavoro, sia agricolo che artigianale, e turismo dovranno andare sempre più a braccetto. Trovando la sintesi di queste anime storiche Predaia potrà davvero esprimere tutto il suo potenziale”.

Il numero dei partecipanti al concorso e la qualità dei progetti presentati, valutati da una commissione altamente qualificata –ha concluso Forno – hanno dimostrato che sicuramente di strada ce n’è ancora tanta da fare, ma vogliamo percorrerla e ne abbiamo già posto le basi. Non ci fermeremo a questa iniziativa, che rappresenta un punto di partenza”.

Foto Ufficio stampa Comune di Predaia

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza