Connect with us
Pubblicità

Trento

Berasi Presidente, AGIRE contesta la nomina dell’ex Assessora all’Apt: «troppa leggerezza».

Pubblicato

-

Ancora una volta nelle Valli Giudicarie si sta cercando di dividere la Comunità con alcune nomine controverse, parecchio discutibili e forse contra legem.

Dopo il caso “nomina del referente organizzativo del Piano Giovani Rendena e Busa Tione” (vicenda della quale ce ne stiamo ancora occupando), le istituzioni locali hanno dimostrato che, quando si tratta di nominare determinate persone per degli incarichi di rilievo, le regole possono essere tranquillamente sorvolate: ci riferiamo alla nomina di Iva Berasi (ex assessora provinciale dei Verdi) come Presidente dell’Apt Terme di Comano – Dolomiti di Brenta in veste di rappresentante dell’Ecomuseo della Judicaria.

Secondo alcune indiscrezioni, non solo l’Ecomuseo aveva proposto altri nomi, ma alcuni sindaci delle Giudicarie Esteriori avrebbero fatto il nome della Berasi in quanto “titolari”degli Ecomusei, fattori alquanto strani dal momento che la Berasi non risulterebbe socia dell’Ecomuseo in questione che proprio da quest’anno, avendo ottenuto il riconoscimento di associazione, avrebbe totale autonomia nella nomina del loro rappresentante.

Pubblicità
Pubblicità

Tirando le somme, tale vicenda ha creato molto scompiglio e alla fine di questa disamina si rendono più che necessarie alcune riflessioni sull’etica morale di alcuni politici delle nostre Valli: lascia veramente l’amaro in bocca il fatto che per alcuni incarichi importanti si debbano fare sempre gli stessi nomi, forse perché anche nelle Giudicarie manca un ricambio generazionale; peraltro, non si capisce perché alcuni personaggi debbano avere più di un incarico: a tal proposito, istituzioni importanti come la Comunità delle Valli Giudicarie, il Parco Adamello Brenta e la stessa Apt (se nel Cda non ci fossero dei cambiamenti) ne sono degli esempi lampanti.

Ci auguriamo che venga fatta chiarezza al più presto su quest’episodio spiacevole e che un giorno venga messa da parte l’importanza di alcuni cognomi per dar finalmente spazio all’unico criterio mancante nei nostri territori: la meritocrazia.

AGIRE per il Trentino

Referenti di Comano Terme, Fiavè e Bleggio Superiore

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Trento

Sciopero Trentino Trasporti: adesione quasi del 90%

Pubblicato

-

In un nota congiunta i sindacati comunicano che la percentuale di lavoratori di Trentino Trasporti che oggi hanno incrociato le braccia oggi venerdì 17 gennaio è stata di quasi l 90%.

Come pianificato  nella mattinata di oggi i sindacati hanno organizzato una manifestazione in piazza Dante, davanti al palazzo della Provincia.

Alla base dello sciopero la richiesta di rinnovare il contratto dei dipendenti dell’azienda, che è fermo da 15 anni.  Durante lo sciopero sono state comunque garantite le fasce orarie di garanzia, dalle 5:30 alle 8:30 e dalle 16 alle 19.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Domenica a Ravina l’assemblea della Federazione provinciale Scuole materne

Pubblicato

-

Si terrà domenica 19 gennaio alle 9.30, presso la Sala Convegni delle Cantine Ferrari a Ravina di Trento, l’Assemblea generale dei rappresentanti delle 134 scuole associate alla Federazione provinciale Scuole materne di Trento che, quest’anno, è dedicata al tema “Qualificare l’investimento per l’Infanzia. 70 anni da capitalizzare”.

Interverranno il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, l’assessore provinciale all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti, il dirigente generale del Dipartimento istruzione e cultura, Roberto Ceccato, e l’assessore del Comune di Trento con delega per le materie della partecipazione, innovazione, formazione e progetti europei, Chiara Maule.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Comitato provinciale di coordinamento: rinviata a lunedì la discussione su Medicina

Pubblicato

-

Per consentire il completamento e la definizione degli accordi di collaborazione, slitta alla prossima settimana l’approvazione del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia.

Intanto, nella riunione di ieri in Rettorato, via libera ai corsi di laurea magistrale in Studi globali e locali, Agri-food Innovation Management e Artificial Intelligence Systems che possono ora procedere nell’iter di accreditamento ministeriale.

Riunione ieri in Rettorato per il Comitato provinciale di coordinamento, l’ente preposto a esprimersi sulla proposta di istituzione e attivazione di corsi di studio sul territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Oggetto della riunione di ieri il via libera a quattro proposte di corsi di laurea avanzate dall’Ateneo trentino per l’attivazione dal prossimo anno accademico 2020/21.

Alla riunione, presieduta dal rettore dell’Università di Trento Paolo Collini, hanno partecipato l’assessore all’istruzione, università e cultura, Mirko Bisesti, delegato per la riunione dal presidente Maurizio Fugatti e il rappresentante degli studenti di UniTrento, Edoardo Meneghini.

Alla riunione è intervenuta anche la prorettrice alla didattica dell’Ateneo trentino, Paola Iamiceli, che in apertura di incontro ha illustrato le varie proposte dal punto di vista tecnico.

Il Comitato ha espresso parere favorevole al progetto di istituzione e attivazione di tre corsi di laurea magistrale: in Studi globali e locali (LM-62), proposto dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale; in Agri-food Innovation Management (LM-69), proposto dal Centro Agricoltura Alimenti Ambiente – C3A, in collaborazione con CIBIO e altri dipartimenti dell’Ateneo; in Artificial Intelligence Systems (LM-32), proposto dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione in collaborazione con altre strutture (Ingegneria Industriale, CIMeC, Facoltà di Giurisprudenza e Fondazione Bruno Kessler).

Pubblicità
Pubblicità

Durante la riunione, il rettore ha precisato che sono ancora in corso gli incontri per la definizione della partnership per la realizzazione del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia. Pertanto il Comitato ha deliberato di rinviare la formulazione di un parere su Medicina, riconvocando la seduta per il pomeriggio di lunedì.

Un rinvio che consentirà il completamento e la definizione di tutti gli accordi di collaborazione per la progettazione e gestione del corso di studi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza