Connect with us
Pubblicità

Voce - Alto Garda e Ledro

Espansione impianto motocross a Pietramurata: Cia scrive al Servizio Foreste

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il Garda trentino è risaputo essere la prima area geografica per indotto legato al turismo della Provincia Autonoma di Trento.

I numeri parlano da soli: le presenze sono state di 3.082.683 nel 2013, 3.100.904 nel 2014 e 3.234.391 nel 2015.

In tutta l’area dell’Alto Garda e Ledro è massiccia la presenza di turisti attirati dalla possibilità di praticare determinate discipline sportive, grazie naturalmente alla presenza del Lago di Garda e alla particolare predisposizione del territorio, ma altrettanti sono gli ospiti attratti dal fascino dell’inedito scenario naturale, dove in pochi chilometri la vegetazione tipica del clima alpino si fonde con quella che richiama l’ambiente mediterraneo, alla ricerca di una vacanza rigenerante nei numerosi campeggi e hotel della zona.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di paesaggio che oltre ad essere cornice di molte vacanze è anche motore dello sviluppo locale e ricchezza per un territorio che va indiscutibilmente vissuto nel rispetto dello stesso, affinché questa preziosa risorsa possa rimanere inalterata nel tempo.

Dopo questa premessa il consigliere provinciale di Agire Claudio Cia pone però un problema che riguarda la pista da motocross in località Ciclamino a Pietramurata, nel Comune di Dro.

Pare infatti che siano stati accertati dai residenti alcuni interventi invasivi.

Pubblicità
Pubblicità

È ovvio che la pista offre un impatto dal punto di vista dei rumori e delle emissioni dei veicoli piuttosto forti e un aumento del traffico locale in concomitanza con le gare, ma è’ innegabile però il circuito sportivo di motocross abbia creato un’indubbia risonanza in termini di immagine e promozione del territorio stesso, attraverso le manifestazioni organizzate a livello mondiale.

«Quello che si fa fatica a comprendere è come mai a nord-est di quest’area, – dichiara Claudio Cia –  sopra l’attuale pista da enduro, ci sia stata un’ulteriore espansione legata alla disciplina del trial che, partendo dal confine con la strada statale, destra orografica, ha prodotto uno scempio all’interno di una vasta area boscata, visibile anche da lontano a causa della sofferenza della vegetazione. Non solo, ma è recente un notevole intervento con mezzi meccanici dove sono state realizzate, con consistenti movimenti di terra, delle strade all’interno di un’altra ampia area boscata che si estende a nord di quella appena citata».

Sollecitato da diversi cittadini preoccupati per il danno ambientale, il consigliere provinciale di Agire ha effettuato un sopralluogo sul posto dove ha potuto verificare quanto sopra descritto  e dove ha trovato in azione degli operai intenti ad accatastare la legna derivante dagli alberi ormai già abbattuti.

Cia fa notare che in tutta quest’area è presente una vegetazione di tipo sub mediterraneo favorita proprio dal clima mite del Garda, con la presenza caratteristica di boschi di leccio e boscaglie di roverella, carpino e orniello.

A causa dell’abbattimento e rimozione di queste specie legnose autoctone, stanno crescendo sul suolo varietà cosiddette “aliene” come l’Ailanto, pianta che a causa della forte competizione per le risorse alimentari e per occupazione di spazi è causa di perdita della biodiversità.

L’attuale tracciato ha già ospitato diverse competizioni a livello internazionale come i recenti mondiali di motocross, viene quindi da chiedersi se sia necessario un ulteriore ampliamento dello stesso e soprattutto se questo sia in linea con la politica del territorio portata avanti dalla Provincia.

Nella sua interrogazione Cia chiede alla giunta provinciale la quantificazione e l’individuazione degli interventi effettuati su detta area e se il Comune di Dro abbia rilasciato autorizzazioni in merito.

Vuole inoltre sapere di chi è la proprietà delle aree interessate dall’intervento di espansione dell’impianto sportivo e se i proprietari ne hanno autorizzato formalmente l’utilizzo e se detti lavori sono stati autorizzati e da chi, e se non sia forse il caso d’intervenire per bloccare un utilizzo selvaggio di questa zona che gradualmente si sta impossessando di sempre maggior territorio compromettendone, pertanto, sia l’aspetto idro-geologico, sia quello paesaggistico.

Cia chiede inoltre se è prevista la concessione di finanziamenti da parte della Provincia per le opere oggetto di interrogazione ed eventualmente per quale entità e se il Corpo Forestale sta seguendo l’evolversi dei lavori e se relativamente a tale area sono già state prodotte segnalazioni ed eventualmente quali.

Da ricordare che nel marzo 2010 la Provincia rispondeva ad una interrogazione sul progetto di pista da motocross di Coredo, giustificando lo stesso in quanto “l’attività futura dell’impianto di Pietramurata pare compromessa in quanto l’area su cui insiste la pista sembra destinata alla realizzazione di un impianto per la disciplina del golf”. Ora Claudio Cia pone un’ulteriore interrogativo: «come mai si giustificava un nuovo impianto a Coredo con l’ipotetica chiusura di quello a Pietramurata, mentre ora si costruisce quello di Coredo, e si amplia pure quello di Pietramurata»?

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Piana Rotaliana7 ore fa

Sorpreso a rubare all’interno della bocciofila viene bloccato da un carabiniere in congedo. Arrestato 38 enne italiano

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

A Terzolas la presentazione dell’archivio musicale del Coro Santa Lucia di Magras e del volume “Vesperale di Varollo”

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

A Predaia si rifanno le pavimentazioni in porfido

Alto Garda e Ledro9 ore fa

Comune di Madruzzo: l’Assessore Bisesti insieme al sindaco Bortoli, ha visitato le tante realtà scolastiche del territorio

Bolzano9 ore fa

Elicottero dell’esercito in balia del vento: sfiorato l’impatto sulle montagne

Trento9 ore fa

Al Buonconsiglio il convegno sulla certificazione della «Pietra Trentina»

Trento10 ore fa

Primo incontro oggi tra l’assessore provinciale alla mobilità Mattia Gottardi e Trenitalia

Trento10 ore fa

Coronavirus: 760 nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento10 ore fa

Sul sito di Appa è consultabile il report mensile sulla qualità dell’aria di settembre

Trento12 ore fa

Analisi meteorologica del mese di settembre 2022, più asciutto della media

Rovereto e Vallagarina12 ore fa

Variante di Mori ovest: via alla gara per il sottopasso

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Sanzeno, camion sbaglia manovra e finisce contro un veicolo parcheggiato

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Anestesia di Cles: il nuovo direttore è Michela Zardin

Trento14 ore fa

Paccher alle Camere di Commercio: “Bene ferrovia ma Valdastico resta tassello fondamentale”

Trento14 ore fa

Il gestore del Rifugio Capanna Ghiacciaio sulla Marmolada fa partire una raccolta fondi su Gofoundme

Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento3 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento5 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento3 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento1 settimana fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica1 settimana fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Trento2 giorni fa

Sette tornanti: giovane agganciato dall’alettone di una macchina – IL VIDEO

Io la penso così…7 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Le ultime dal Web1 settimana fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza