Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Le lune di Giove sono più vicine grazie all’Università di Trento

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Più vicino il viaggio sulle tracce di vita tra le lune ghiacciate di Giove. Terminata la progettazione, può iniziare la costruzione della sonda e degli strumenti scientifici. Passo in avanti decisivo per la missione spaziale Juice (JUpiter ICy moon Explorer), che vede protagonista l’Università di Trento.

Sono state definite con precisione le specifiche di progettazione e le architetture che dovranno avere gli strumenti a bordo della sonda europea (caratterizzata da una stazza di 5,3 tonnellate) al fine di rispondere ai requisiti scientifici. Ora si può quindi procedere alla realizzazione di un prototipo per i prossimi test in avvicinamento al lancio della sonda. Il lancio della missione dell’Esa (Agenzia spaziale europea), che vede un coinvolgimento importante anche dell’Asi (Agenzia spaziale italiana), è programmato per il 2022 e l’arrivo nel sistema gioviano è previsto nel 2029.

L’Università di Trento è protagonista della missione perché uno dei principali strumenti a bordo di Juice sarà Rime – Radar for Icy Moon Exploration – un radar spaziale che è stato ideato e studiato da un team di scienziati internazionali sotto la guida di Lorenzo Bruzzone, professore del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Ateneo trentino, dove è responsabile del Laboratorio di Telerilevamento (Remote Sensing Laboratory). Si tratta di uno strumento in grado di aprire la strada a scoperte eccezionali visto che andrà a effettuare per la prima volta osservazioni dirette al di sotto della crosta ghiacciata delle lune Europa, Ganimede e Callisto.

Pubblicità
Pubblicità

«È un passaggio decisivo» commenta Bruzzone, Principal Investigator di Rime. «Si è chiuso dopo otto mesi un lungo processo di revisione dell’intera missione Juice e anche del nostro radar Rime. Per Rime il percorso è stato particolarmente articolato perché lo strumento è stato oggetto di revisione non solo da parte di ESA ed ASI, ma anche di NASA che contribuisce fornendo dei sottosistemi del radar. L’esito molto positvo della revisione e la definizione delle interfacce tra strumento e sonda spaziale aprono la strada alla realizzazione del prototipo. I prossimi mesi prevedono un periodo di attività molto intenso, nel quale si passerà dalla progettazione su carta alla realizzazione vera e propria dello strumento. Il processo è reso particolarmente delicato della complessità della missione che, oltre al lunghissimo viaggio dalla Terra a Giove (che richiederà circa 7 anni), dovrà tenere conto delle ricadute sullo strumento delle condizioni ambientali critiche del sistema gioviano.

La missione spaziale Juice e il radar Rime

Juice (JUpiter ICy moons Exlorer) è la prima tra le grandi missioni dell’ESA (costo complessivo stimato di circa 1,1 miliardi di euro) del programma Cosmic Vision. Uno dei principali strumenti a bordo di Juice sarà Rime (Radar for Icy Moon Exploration), radar spaziale ideato e studiato da un team di scienziati internazionali sotto la guida di Lorenzo Bruzzone, professore del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Ateneo trentino, dove è responsabile del Laboratorio di Telerilevamento (Remote Sensing Laboratory).

Pubblicità
Pubblicità

Rime è uno strumento in grado di aprire la strada a scoperte eccezionali visto che andrà a effettuare per la prima volta osservazioni dirette al di sotto della crosta ghiacciata delle lune Europa, Ganimede e Callisto. Si tratta di un radar sounder capace di misurare dallo spazio (a centinaia di chilometri di distanza) quello che avviene al di sotto della superficie delle lune ghiacciate fino a una profondità di circa 9 chilometri. Lo strumento è in grado di riprendere “immagini” molto particolari della sotto-superficie che, oltre a essere di fondamentale importanza per studiare la geologia del sottosuolo e la geofisica delle lune ghiacciate, possono evidenziare l’eventuale presenza di acqua negli strati sottosuperficiali di Ganimede e di Europa. L’identificazione di acqua costituirebbe una scoperta di eccezionale rilevanza, visto che l’acqua è una delle variabili fondamentali per ipotizzare la presenza di forme di vita elementari sulle lune ghiacciate.

Sotto la guida di Bruzzone Rime verrà costruito in Italia, con alcuni sottosistemi forniti dal Jet Propulsion Laboratory della NASA che partecipa al finanziamento dello strumento. Il gruppo di lavoro di Rime, oltre a ricercatori dell’Università di Trento e di FBK – Fondazione Bruno Kessler, comprende alcuni dei più prestigiosi enti di ricerca italiani, europei e statunitensi del settore.

Allo sviluppo del satellite Juice concorrono varie componenti industriali che supportano gli scienziati e gli ingegneri nella costruzione dei relativi strumenti. La partenza della missione è programmata per il 2022 con un Ariane 5 dalla base spaziale di Kourou, nella Guyana francese. L’arrivo della sonda europea nel sistema gioviano è previsto nel 2029 e le osservazioni dureranno almeno tre anni. Durante questo periodo Juice si muoverà nel sistema gioviano seguendo un profilo di missione complesso che porterà la sonda a studiare il gigante gassoso Giove e a esplorare le lune galileiane Europa e Callisto, per terminare il suo viaggio nello spazio in orbita circolare attorno a Ganimede.

Dopo le storiche missioni Voyager e Galileo, Juice permetterà un balzo in avanti dal punto di vista della conoscenza scientifica. Tale missione intende, infatti, analizzare i diversi processi attivi nel sistema gioviano, fondamentali per capire quali siano (e quali siano state in passato) le condizioni di “abitabilità”, in termini di forme di vita elementari, delle lune gioviane. Si indagherà, inoltre, il funzionamento del sistema solare e le condizioni necessarie alla nascita dei pianeti.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento21 minuti fa

Gestori dei rifugi in assemblea: «Ottimo andamento della stagione estiva»

Trento22 minuti fa

Code, incidenti e traffico intenso: mercoledì di disagi sulle strade di Trento

Telescopio Universitario29 minuti fa

UniTrento – C3A, il nuovo direttore è Riccardo Rigon

Hi Tech e Ricerca30 minuti fa

Robotica Antropocentrica: Università di Bolzano, centro di competenza Smact Eos Solutions per realizzare la Factory 5.0 a misura d’uomo

Italia ed estero37 minuti fa

Famiglia e impresa, il Governo apre a Calenda: irritazione da Forza Italia

Trento43 minuti fa

Sgombero centro Bruno, Rossato: «Destiniamolo alle donne vittime di violenza». Lucia Coppola: «Deve continuare a vivere»

Trento1 ora fa

Approvato dal Consiglio Comunale il Piano di politica turistica

Trento1 ora fa

Concessioni idroelettriche: via libera al rinvio fino al 2029

Trento2 ore fa

«Aiutami a fare da solo. Bambini oggi, fragilità e risorse»: stasera il secondo appuntamento per le scuole primarie trentine

Trento2 ore fa

Nasce il Consorzio delle APT del Trentino: «Una grande opportunità»

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Anna Reolon, «Mamma d’Italia 1970»: Il Sindaco di Fornace racconta la sua incredibile storia

Trento13 ore fa

Basta catene ai cani, multe fino a 800 euro. Claudio Cia: «Disegno di legge di civiltà»

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Messa in sicurezza della SS421, la soddisfazione di Denis Paoli: «Appalto del secondo lotto previsto a inizio 2023»

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Vigili del Fuoco Val di Sole: quest’anno 1.500 interventi per 380 pompieri effettivi

Fiemme, Fassa e Cembra15 ore fa

Ospedale Cavalese: la Giunta dichiara l’interesse pubblico

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento1 settimana fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza