Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

I francesi hanno votato per l’Europa

Pubblicato

-

Restare in Europa, da protagonisti, o uscirne, seguendo il recente esempio della Gran Bretagna: di fronte a questa scelta si sono trovati domenica i cittadini francesi, in occasione del secondo turno delle elezioni presidenziali. 

Ha vinto Emmanuel Macron e con lui l’Europa e la speranza di un futuro migliore. La sua è stata una vittoria netta.

Lo scontro tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen testimonia un cambiamento epocale del confronto politico in Europa: nell’ultima tappa della corsa all’Eliseo, a fronteggiarsi non sono state, come d’abitudine, sinistra e destra, ma una visione liberale, progressista e profondamente europeista e un’altra, invece, protezionista, reazionaria e nazionalista.

Pubblicità
Pubblicità

Questa dinamica non ci è nuova. Ha già segnato le elezioni presidenziali in Austria dello scorso anno e quelle legislative in Olanda a marzo. Oggi come allora, i cittadini hanno votato contro chi propone loro di voltare le spalle al progetto europeo, in nome del ritorno a un passato mai esistito.

I francesi hanno votato per l’Europa. Questo perché Macron ha fatto promesse che in Europa molti leader politici condividono ma non osano più fare. Il nuovo presidente francese si è espresso, ad esempio, per un bilancio comune dell’eurozona e per l’introduzione di un ministro delle finanze che guidi le politiche dell’unione monetaria, sostenendo l’industria e la transizione digitale ed ecologica. Ha promesso di lottare alla concorrenza fiscale al ribasso in favore delle multinazionali e, soprattutto, si è detto a favore della creazione di una difesa comune europea, partendo dalla costituzione di un fondo europeo di sicurezza per finanziare un esercito comune. Sono tutte proposte per le quali noi, in Parlamento europeo, ci battiamo da tempo, scontrandoci contro la mancanza di volontà politica di alcuni Stati membri.

Ora la situazione potrebbe finalmente cambiare. In tal senso, un Presidente della Repubblica francese marcatamente europeista non solo costituisce un importante partner per Paesi come Germania e Italia, decisi a rilanciare il processo di integrazione europea, ma fa anche da contrappeso a quei governi che, come Ungheria e Polonia, stanno perdendo la bussola della democrazia.

Pubblicità
Pubblicità

La vittoria di Macron non deve, però, farci abbassare la guardia di fronte all’avanzata dei populismi. Ieri il Front National ha ottenuto il miglior risultato di sempre, con più di 10 milioni di elettori che hanno votato a favore della sua candidata. Le Pen in Francia e gli altri populisti nel resto d’Europa, incarnano una minaccia esistenziale per le nostre democrazie. Dicono di parlare a nome del popolo, ma in realtà ci mettono gli uni contro gli altri, facendo leva sulla paura e aggravando le divisioni che attraversano la nostra società. E lo fanno mentendo spudoratamente.

Ora per Macron comincia la battaglia più dura. Nei prossimi mesi, dovrà riuscire a conquistare la maggioranza nell’Assemblea Nazionale, la camera più importante del parlamento francese, imprescindibile per riuscire ad attuare il suo programma di governo. La Francia ha davanti a sé sfide enormi: sicurezza, migrazioni e disuguaglianze sociali crescenti minacciano il futuro del Paese.

Si tratta di sfide comuni agli altri Stati membri dell’Unione europea. Sfide che, proprio per questo, per essere vinte necessitano inevitabilmente di uno sforzo condiviso a livello europeo. In campagna elettorale, Macron ha scommesso su “una Francia forte in un’Europa forte”. I francesi lo hanno premiato con un sussulto di orgoglio europeo.

Adesso per il nuovo presidente francese è già il momento di passare dalle parole ai fatti. Sulle sue spalle pesa una responsabilità grandissima: in caso di fallimento, spalancherà la strada alla vittoria del Front National tra cinque anni.

Macron è quindi condannato ad avere successo. Potrà farcela solo con l’aiuto degli altri Stati membri e solo se l’Unione europea riuscirà a riformarsi.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Una Borsa Nazionale del Legno per sopperire la mancanza di materie prime
    Quella del legno è una filiera in affanno, alla costante ricerca di materie prime che scarseggiano o costano troppo per fronteggiare una domanda in costante ascesa. Carenza di materie prime La domanda supera l’offerta a... The post Una Borsa Nazionale del Legno per sopperire la mancanza di materie prime appeared first on Benessere Economico.
  • Contratto di rioccupazione e sgravi contributivi: le novità proposte dal Decreto Sostegni Bis
    In attesa della prima scadenza a fine giugno del blocco dei licenziamenti, per dare una spinta all’occupazione e scongiurare un boom di licenziamenti, il Governo sta pensando ad un “contratto rioccupazione”. Contratto di rioccupazione, cos’è... The post Contratto di rioccupazione e sgravi contributivi: le novità proposte dal Decreto Sostegni Bis appeared first on Benessere Economico.
  • Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro
    Le esperienze enogastronomiche sono ormai parte integrante dell’esperienza turistica offerta dal nostro Paese, tanto che il covid non è riuscito a fermare la sua potenza economica e il suo appeal commerciale. Rapporto sul Turismo Enogastronomico... The post Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro appeared first […]
  • Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo
    Sicuramente, uno dei settori più colpiti dalla pandemia è stato quello del turismo. Per questo motivo sono stati stanziati 130 milioni di euro da investire nel settore, valorizzando i servizi di ospitalità collegati alla trasformazione... The post Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli
    Dal 10 maggio l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, nella sezione dedicata del sito internet, la dichiarazione dei redditi precompilata. Solo dal 19 maggio sarà invece possibile modificare, integrare ed inviare la Dichiarazione. In alcuni... The post Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese
    Il tema del cambiamento climatico, obiettivo mondiale per i prossimi anni ha ribaltato l’intera economia compresa di piccoli investitori costretti ad organizzarsi verso il nuovo cambiamento. Questo è il motivo che ha spinto Boston Consulting... The post Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese appeared first on Benessere Economico.
  • Hotel Sonnenhof: un’oasi di wellness in una location strategica
    Hotel Sonnenhof si trova sulla strada del sole della Val Pusteria e spicca per un design alpino-moderno, un’oasi del wellness semplicemente stupenda e un panorama che non ha eguali. Il nome di questo hotel di Brunico è tutto un programma: soleggiata, infatti, non è solo la posizione del Hotel Sonnenhof – wellness hotel in Alto […]
  • Al Hotel Winkler al Plan de Corones il concetto di vacanza trova un altro livello
    L’Hotel Winkler al Plan de Corones non è un hotel qualsiasi, si tratta infatti di un hotel benessere in Alto Adige con 5 stelle, ma anche uno sport hotel nelle leggendarie Dolomiti, un family resort che propone tanto spazio per grandi e piccoli, un design hotel nel cuore della natura. La particolarità di questo hotel […]
  • Purmontes: uno chalet di lusso in Alto Adige
    Naturale. Autentica. Contemporanea. Senza tempo. Pregiata. Questi sono gli aggettivi che definiscono il nuovo modo d’intendere un’esperienza di villeggiatura esclusiva, nello chalet Purmontes, uno chalet di lusso in Alto Adige. Purmontes spicca per un concetto unico che fonde l’uomo e la natura in un Tutto armonioso. La modernità è sapientemente combinata al passato, le tradizioni […]
  • Hotel Lanerhof, in Val Pusteria per rilassarsi con ogni comfort
    “Sempre sorprendente, sempre diverso, sempre unico e assolutamente indimenticabile. Questa è la vera vacanza all’Hotel Lanerhof, alle porte delle Dolomiti!” Situato nel pittoresco paesino di Mantana, un luogo delizioso dove è possibile ritirarsi in totale distensione per godersi al meglio la magia della varietà. In questo hotel in Val Pusteria è possibile fare esperienze esclusive […]

Categorie

di tendenza