Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Trento Film Festival: La Sarca, un fiume simbolo di unità e identità

Pubblicato

-

“La Sarca. Luogo delle diversità”, curato da Annibale Salsa ed Elio Caola, pubblicato da Editrice Rendena grazie al sostegno del Bim Sarca Mincio Garda, è stato presentato a MontagnaLibri, in piazza Fiera, nel corso di un salotto letterario, alla presenza degli autori. Il libro è stato illustrato nei suoi contenuti dal giornalista Franco de Battaglia. “La Sarca, fiume simbolo di unità e identità”, hanno sottolineato gli intervenuti.

Duecentotto pagine. Il contributo di numerosi specialisti, la cura dell’antropologo Annibale Salsa, past president generale del Cai e di Elio Caola, ex dirigente forestale provinciale e, in passato, presidente della Sat. “La Sarca. Luogo delle diversità” è un excursus che prende in considerazione numerosi aspetti di questo fiume che nasce in Rendena dalla confluenza di tre rami, quelli della val Genova, del Nambrone e di Campiglio a loro volta “debitori” dei ghiacciai dolomitici.

Pubblicità
Pubblicità

La Sarca come simbolo di diversità ma, nello stesso tempo, di identità, è il concetto più volte espresso nel corso del salotto per sintetizzare la “portata” non solo naturale ma anche culturale e antropologica del fiume (e del suo bacino) che sfocia nel Garda e ne esce con un altro nome, quello di Mincio. Nell’introduzione, Salsa sottolinea: “Questo è un prodotto interdisciplinare. Il filo conduttore del libro è la parola “diversità”, che caratterizza il bacino fluviale della Sarca, intesa come chiave di lettura degli insediamenti umani, dei valori storico-culturali, dell’ambiente, dell’alpinismo, illustrati e descritti con rigore scientifico ed in modo divulgativo”. De Battaglia ha aggiunto: “Attraverso paesaggi diversi e in 45 chilometri in linea d’aria, la Sarca unisce il paesaggio alpino a quello mediterraneo del Garda. Dalle zone colturali della Rendena si passa alle forre, alle Marocche fino all’area lacustre. Inoltre, i suoi depositi di rocce calcaree e granitiche ne fanno un fiume pescoso”.

Diversi i saggi presenti nella pubblicazione. L’ambientalista e giornalista Roberto Bombarda, ex consigliere provinciale, analizza gli aspetti geografici ed economici del corso d’acqua (in questo contesto l’intervento dello storico Ennio Lappi si sofferma sulle centrali idroelettriche). Il ricercatore del Muse Marco Cantonati, limnologo,  prende in considerazione gli ambienti acquatici mentre Luca Bronzini (forestale) e Maurizio Odasso (agrario) si occupano della vegetazione. Lo zoologo Paolo Pedrini ha come focus la fauna e Riccardo Decarli, bibliotecario e storico della Sat, scrive di alpinisti ed esploratori. “Tutto questo bacino – ha concluso de Battaglia – rappresenta un habitat unico, che il fiume unisce, popolazioni comprese”.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza