Connect with us
Pubblicità

Voce - Val di Non & Sole

Fallimento Tassullo Materiali: 51 incarichi e un possibile conflitto d’interessi. Bombardelli nel mirino.

Pubblicato

-

Continua la tormentata questione legata alla chiusura della Tassullo Materiali.

Oggi i consiglieri provinciali Claudio Cia, Maurizio Fugatti e Giacomo Bezzi hanno convocato una conferenza stampa dove hanno spiegato il deposito di una nuova interrogazione dopo la revoca del fallimento.

Nell’interrogazione i consiglieri chiedono alla giunta provinciale di raccogliere l’appello in arrivo da più parti e che sostiene la necessità di una continuità e unitarietà aziendale e della tutela dei posti di lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Alla giunta si chiede anche quali sarebbero le società facenti parte della cordata che vede Covi Costruzioni srl alla guida e se Melinda sia effettivamente interessata all’acquisizione dell’ipogeo, investendo 5 mln di Euro e quindi acquisendo la galleria e gli accessi.

Per i consiglieri però esiste anche un potenziale conflitto d’interessi. Infatti il curatore fallimentare, dottor Bombardelli, ha il ruolo di Sindaco supplente in F.T. Energia e in La Finanziaria Trentina oltre che il ruolo di liquidatore, ma oltre la giunta è chiamata a rispondere se è vero che Bombardelli abbia affidato a Deloitte (azienda sotto indagine ex collaboratrice della PAT) una consulenza in qualità di curatore fallimentare di Tassullo Materiali.

Nella conferenza stampa i consiglieri hanno ripercorso i tasselli importanti per quanto riguarda la revoca del fallimento della Tassullo Materiali.

Pubblicità
Pubblicità

Con sentenza n. 111/2017 la Seconda Sezione Civile della Corte d’appello di Trento ha sancito la revoca del fallimento della Tassullo Materiali Spa dichiarato dal Tribunale di Trento con sentenza n. 65/2016 nonché il decreto dd 21.07.2016 che ha revocato l’ammissione al concordato preventivo, disponendo quindi la prosecuzione della procedura concordataria.

E’ bene sottolineare però che fino a quando la sentenza non sarà definitiva la procedura fallimentare continuerà. Le aste (finora andate deserte) fissate quindi nei prossimi giorni si svolgeranno regolarmente: la vendita avviene per lotti, con un ribasso del 20% rispetto all’asta precedente.

Il prezzo attualmente si aggirerebbe attorno agli 11 mln di Euro; troppi per la cordata guidata da Covi Costruzioni la quale, come si evince da notizie, proporrebbe 10 mln di Euro e pare voglia puntare soprattutto sugli stabilimenti, mentre all’acquisto del progetto ipogeo per circa 5 mln di Euro pare essersi manifestato l’interesse di Melinda.

«A questo punto, – dichiarano i consiglieri Cia e Fugatti – ci chiediamo per quale motivo la maggioranza governativa provinciale non voglia favorire la continuità aziendale a tutela dei posti di lavoro intervenendo, per quanto è nelle sue competenze, sul rischio di “spacchettamento” che si prefigura nella vendita all’asta della società; spacchettamento che da sempre ha riscontrato la contrarietà dei sindacati che hanno dichiarato: ”…chiediamo tuttavia con forza anche alla politica trentina che si eviti lo spezzatino, che si eviti ogni possibile speculazione e si decida finalmente di mettere al primo posto la salvaguarda dei posti di lavoro e la continuità aziendale”.»

Sul tema è intervenuto nei giorni scorsi anche l’on. Lorenzo Dellai spiegando che forse è il caso che le istituzioni si facciano sentire per prendere in considerazione la salvaguardia “organica” di una realtà produttiva, anche alla luce della nascita nel frattempo di una cooperativa di lavoratori di nome Calce (Cooperativa Anaune Lavoratori Cementieri) costituita da un gruppo di dipendenti ed ex dipendenti del Gruppo Tassullo.

Secondo Claudio Cia quindi la politica attuale della Provincia autonoma di Trento sulla questione si scontrerebbe con il pensiero di chi (l’On. Dellai) prima era alla guida di questa stessa maggioranza dato che l’attuale Presidente Ugo Rossi, nel 2013, affermava lo Stop di «opere con basse ricadute economiche locali» come «le celle ipogee della Tassullo» e ridimensionamento di altri progetti che «appartengono ad epoche di bilancio in cui avevamo risorse abbondanti». Per Rossi, è meglio rivedere tale progetto e «velocemente perché in val di Non la ricaduta non c’è» e «dirottare quelle risorse verso altre necessità economiche».

«Ci vorremmo soffermare quindi sull’importanza che l’azienda ha rivestito e rivestirebbe per la Valle di Non in particolar modo per i posti di lavoro. La Provincia quali intenzioni ha? Tutelare gli ex dipendenti promuovendo, per quanto oggi è ancora nelle sue competenze e possibilità, una continuità aziendale o si schiererebbe dalla parte pro-fallimento tutelando, nel caso, qualche azienda locale e non?» si chiede Maurizio Fugatti

A tal proposito si inserisce in modo pesante la figura del curatore fallimentare dott. Alberto Bombardelli, colui che nel 2016 chiese la revoca del concordato e il conseguente fallimento, che attualmente ricopre 51 incarichi e risulta presente in 48 imprese (in 30 di queste è rappresentante).

Se ne citano di seguito alcuni: Presidente del collegio sindacale di Interbrennero, società partecipata al 63% dalla Provincia di Trento e al 10,56% dalla Regione Trentino – Alto Adige (designato dalla Giunta provinciale il 22/06/2015), Sindaco supplente (nominato con atto del 13/05/2016) in FT Energia S.p.a., partecipata al 59% da La Finanziaria Trentina S.p.a. (tra i suoi soci azionisti si riscontrerebbe anche la Covi Costruzioni Srl, la società che sarebbe interessata come detto sopra a rilevare parte dell’azienda dal fallimento), Sindaco supplente di La Finanziaria Trentina S.p.a. (nominato con atto del 13/05/2016), liquidatore dell’Associazione Trento Rise in liquidazione (nominato con atto del 12/06/2015), Sindaco in Interporto Servizi S.p.a partecipata al 45,2% da Finanziaria Trentina e al 54,8 da Interbrennero (nominato con atto del 08/04/2014). Tutte nomine avvenute durante la presente legislatura.

Tale miriade di incarichi, certamente importanti, dimostra le capacità tecniche e professionali del dottor Bombardelli, ma lo pongono allo stesso tempo in una posizione alquanto delicata nella vicenda che riguarda la Tassullo. Da una parte infatti ci sono i rapporti con il mondo imprenditoriale privato, quali il ruolo di sindaco supplente in F.T. Energia e in La Finanziaria Trentina.

Dall’altra ci sono i rapporti “fiduciari” con la Giunta provinciale a seguito delle nomine effettuate su indicazione di quest’ultima in Interbrennero spa, in Interporto Servizi spa e nella complessa questione della Associazione Trento Rise. «A nostro modo di vedere si profilerebbe quindi una posizione di non facile gestione da parte del dottor Bombardelli, – precisano Cia e Fugatti – al limite del potenziale conflitto di interessi, che in una vicenda dove gli interessi economici in gioco sono tanti e pesanti, non può passare inosservata. Gli interroganti, pur essendo a conoscenza che la nomina del liquidatore della società nulla ha a che vedere con il ruolo e le competenze della Giunta provinciale, essendo di competenza dell’Autorità giudiziaria, non possono non rilevare come sarebbe opportuno che la Giunta provinciale comunque riflettesse sulla mole di potenziali pressioni alle quali da più parti, anche dalla Giunta provinciale stessa, il dottor Bombardelli potrebbe essere sottoposto. Questo anche al fine di garantire quella imparzialità e trasparenza che in una vicenda come quella della Tassullo è oggi alquanto necessaria».

Oltre a ciò parrebbe che il dottor Bombardelli abbia incaricato la società Deloitte per una consulenza utile ai fini processuali relativa all’azienda Tassullo. Ora, Cia e Fugatti non intendono mettere in discussione la perizia eseguita sotto il profilo tecnico, «ma intendono limitarsi a rilevare che in questa fase delicata affidare una consulenza a Deloitte da parte di chi è nello stesso tempo liquidatore della Associazione Trento Rise risulta da una parte “curioso” e dall’altra sicuramente inopportuno. Alla luce degli incarichi poc’anzi citati e tenuto in considerazione che anche la società CAE SRL [che si occupa dell’operazione delle celle ipogee] vede come azionisti Finanziaria Trentina, Isa e Tassullo Materiali, il potenziale conflitto di interessi suddetto viene ad alimentarsi ulteriormente».

Pubblicità
Pubblicità

Click to comment

0 Comments

  1. Rodolfo

    27 Aprile 2017 at 17:53

    Ma scusate, Fugatti non era quello che anni fa muoveva interrogazioni su interrogazioni riguardo a presunti aiuti da parte della provincia proprio alla Tassullo? (LE CELLE IPOGEE SERVONO SOLO A SALVARE LA TASSULLO, MANCATO PAGAMENTO DEI FORNITORI E DEI DIPENDENTI DA PARTE DI TASSULLO SPA… tanto per citare le due appena trovate con Google…) Ora, tutto ad un tratto la Tassullo è da salvare? Le celle ipogee sono la polpa? Il fallimento non s’ha da fare? Mi vien da sorridere…
    Il cambio di cavalcatura è avvenuto in un lampo… Ieri il nemico Era la dirigenza Tassullo, oggi Bombardelli…
    Vorrei inoltre ricordare ai paladini CIA, BORGA e FUGATTI cosa ne pensano i LAVORATORI della cooperativa CALCE: andatevi a leggere i quotidiani di quest’autunno…
    Mi vien da sorridere…. per non piangere

  2. Gennaro

    28 Aprile 2017 at 13:37

    Si si! el il collega Paternoster (sempre lega) cosa proponeva nel novembre 2012? Proprio lo spacchettamento! Ma pensa te…
    aveva gia trovato un’acquirente per il ramo d’azienda Beton!
    Mi chiedo quanto costino i servizi della Lega…

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza