Connect with us
Pubblicità

Trento

Striscioni intimidatori contro la sede della CGIL a Trento.

Pubblicato

-

Blitz nella notte davanti alla sede della CGIL in via Muredei a Trento.

Sono stati appesi dei manifesti e degli striscioni con affermazioni gravi contro la Cgil del Trentino e il segretario generale Franco Ianeselli.

Un atto prevedibile – scrive la Cgil – dopo la presa di posizione del segretario che nei giorni scorsi ha stigmatizzato la scelta di “invadere” il consiglio provinciale da parte del sindacato di base multicategoriale per la vicenda Whirlpool.

Pubblicità
Pubblicità

Sulle accuse specifiche che vengono rivolte alla Cgil del Trentino e al segretario sulla gestione della vertenza Whirlpool per l’ennesima volta si ricorda che è grazie al confronto, anche difficile, tra la multinazionale e i sindacati, Cgil in prima fila, che è stato contrattato un piano sociale del tutto straordinario, che ha visto mettere sul tavolo 25 milioni di euro dando risposte a gran parte dei lavoratori.

Il blitz è stato stigmatizzato dal governatore Ugo Rossi, il presidente del consiglio Bruno Dorigatti e il partito democratico.

«Ferma condanna di tutte le forme di mancato rispetto delle istituzioni e di chi le rappresenta – riporta una nota del PD – Quindi condanna gli episodi che fanno venire meno questo rispetto. Solidarietà anche alla CGIL ed ai suoi rappresentanti che sono stati attaccati ingiustamente, per il solo fatto di aver invitato a comportamenti corretti nei confronti delle istituzioni».

«Condanniamo con fermezza questo vile atto intimidatorio nei confronti della Cgil e del segretario Franco Ianeselli, a cui va la solidarietà della Giunta provinciale, –  scrive invece Rossi –  e rilanciamo il nostro impegno per cercare, tutti insieme, al di là delle diverse posizioni politiche, di svelenire il clima che si respira nel Paese e purtroppo anche in Trentino, fomentato da chi vuole solo spargere benzina sul fuoco».

«Diciamo no alle provocazioni e alle violenze – aggiunge ancora –  anche verbali e a chi lavora, cinicamente, solo per surriscaldare gli animi e riaffermiamo che l’unica strada per risolvere pacificamente le tensioni, che inevitabilmente si creano in una società aperta e dinamica, è quella del dialogo e del confronto democratico».

Più decisa la reazione di Bruno Dorigatti che era stato preso si mira dai manifestanti durante il blitz in consiglio provinciale ed aspramente criticato dal sindacato di base.

«Ormai quasi non ci si stupisce più di fronte all’ennesimo atto intimidatorio contro la sede della CGIL del Trentino»esordisce il presidente del consiglio

E ancora: «Invece bisogna avere la responsabilità di indignarsi: perché il confronto politico e sindacale può anche essere aspro, ma non può mai travalicare il confine del rispetto nei confronti delle Istituzioni e delle organizzazioni che, come i sindacati confederali, rappresentano ancora la stragrande maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti.

L’interlocuzione non è mai stata negata a nessuno, in questi anni, nemmeno nei momenti più duri: non si contano gli incontri che questa Presidenza ha organizzato con la miriade di sigle del sindacalismo di base o con i più diversi comitati, e sulla questione Whirlpool in particolare l’attenzione del Consiglio e della Giunta è stata massima.

Ma non è più accettabile che passi il messaggio per il quale è sufficiente occupare la sede degli organismi democratici o violare la dignità dei sindacati confederali per vedere affermate le ragioni della protesta.

Alle lavoratrici e ai lavoratori,  – aggiunge ancora – alle disoccupate e ai disoccupati, il Consiglio ha il dovere di dare sempre la massima attenzione, nella consapevolezza che quello che viviamo è un tempo di complessi e spesso dolorosi cambiamenti del modello produttivo, e che le politiche che la Provincia deve continuare a mettere in campo devono rispondere ai loro bisogni di reddito, formazione e qualificazione professionale.

Ciò che non è ammissibile è che – conclude –  mascherandosi dietro lo spontaneismo del rancore sociale, si mettano in atto forme di lotta strumentali e che poco o nulla hanno a che vedere con gli interessi dei lavoratori: in ballo c’è la coesione sociale della nostra comunità, ed è bene che su questo tutte e tutti riflettano responsabilmente, senza partigianerie, strumentalizzazioni e effimeri interessi mediatici».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]

Categorie

di tendenza