Connect with us
Pubblicità

Trento

Dura condanna dell’Ateneo per l’attentato di Povo

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Dura condanna da parte dell’Università di Trento per il rogo, di chiara origine dolosa, che è stato appiccato nelle prime ore di questa mattina all’edificio di via Sommarive 14 a Povo (detto Povo zero), che ospita il Dipartimento di Fisica e quello di Matematica.

Il rettore Paolo Collini, oggi fuori sede, ha accolto con amarezza la notizia e ferma è la sua condanna: «Chi ha compiuto questo gesto non conosce altro linguaggio che la violenza e la sopraffazione. Condanniamo chi vuole imporre in questo modo il proprio punto di vista. Il linguaggio che invece parlano la scienza e l’università è quello del dialogo, del confronto tra i diversi punti di vista. Trae la sua forza nella ricerca della verità, nei fatti e soprattutto nella ragione. Solo così, attraverso lo scambio di idee, è possibile un vero progresso».

«Ci siamo messi subito al lavoro per ripristinare la situazione», ha aggiunto il rettore. «Adesso il nostro obiettivo è quello di far riprendere le attività ordinarie. Un ringraziamento va ai tecnici dell’Ateneo che già di primo mattino si sono messi subito al lavoro per una valutazione dei danni e che nei prossimi giorni si impegneranno per far tornare tutto alla normalità e per riaccogliere la comunità studentesca e quella accademica nei locali».

Pubblicità
Pubblicità

E un pensiero anche ai ricercatori e alle ricercatrici del Laboratorio di Crittografia, che lavorano per sviluppare sistemi di difesa dei dati e delle informazioni: «Tutta la mia solidarietà va a loro, che sono impegnati in attività di ricerca estremamente importanti per migliorare la vita di tutti noi nel campo della sicurezza. Mi auguro che possano superare presto questo incidente e riprendere serenamente le proprie attività di ricerca».

Dopo i primi sopralluoghi è emersa la necessità di chiudere l’edificio al pubblico per procedere ad una pulizia e sanificazione generale dei locali dalla fuliggine che ha invaso tutti i piani. Questo infatti sembra essere il danno maggiore, anche perché non si esclude di dover intervenire anche nella sostituzione dei soffitti in cartongesso.

Pertanto l’edificio rimarrà chiuso almeno fino a tutta la giornata di lunedì. Solo allora sarà possibile avere un quadro più preciso della situazione sui locali che potranno essere via via riaperti al pubblico. L’attività didattica che ha luogo nel vicino Polo scientifico e tecnologico Ferrari avrà invece luogo normalmente.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento3 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Trento3 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento3 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento1 settimana fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica1 settimana fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…5 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Le ultime dal Web1 settimana fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza