Connect with us
Pubblicità

Voce - Giudicarie

Scintille tra Joseph Masè e Claudio Cia. La replica del presidente del parco Adamello Brenta

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il Presidente del Parco Naturale Adamello Brenta replica a stretto giro di posta alle affermazioni del consigliere provinciale Claudio Cia che ieri ha depositato un’interrogazione, riportata dal nostro quotidiano, in merito al presunto sequestro di documenti di documenti avvenuto presso la sede dell’Ente ed asseritamente finalizzato ad appurare la posizione del Presidente Joseph Masè”, scriveva nella premessa interrogativa Cia.

Minaccia anche di «prendere in esame una possibile querela per diffamazione»

Masè in effetti conferma che c’è stata una richiesta emessa dalla Procura della Repubblica di Trento, e che i documenti sono stati in effetti consegnati agli inquirenti.

I documenti in questione si attengono ad un arco temporale che va dal mese di gennaio dell’anno 2015 al mese di febbraio dell’anno 2017 e, dunque, ad un periodo anche antecedente all’elezione dell’avv. Joseph Masè a Presidente del Parco.

«La documentazione richiesta dalla Procura non attiene in modo alcun alla procedura di selezione dell’ex direttore, dott. Silvio Bartolomei, e tantomeno alle consulenze disposte su indicazione di quest’ultimo,  – precisa nella nota Masè – bensì ad assunzioni effettuate dall’Ente sia durante la presidenza di Antonio Caola e la direzione del dott. Roberto Zoanetti, sia nel periodo successivo con la presidenza di Masè e la direzione di Bartolomei e di Corradi».

Il Presidente Masè – nella nota – prende atto, che la notizia diffusa dal Consigliere Cia non corrisponde al vero laddove asserisce che: “…  il tutto sembrerebbe finalizzato ad appurare la posizione del Presidente Joseph Masè su problematiche non meglio definite”, atteso che, come sopra evidenziato, la documentazione all’interesse della Procura si riferisce anche ad un periodo antecedente all’elezione di Masè e, dunque, a condotte poste in essere anche da altri soggetti; non corrisponde al vero laddove allude alla possibilità che le indagini potrebbero avere ad oggetto la presunta irregolarità dell’elezione del direttore Bartolomei, dato che nessun documento richiesto dalla Procura attiene alla procedura di selezione dell’ex direttore e non corrisponde al vero laddove allude alla possibilità che oggetto dell’indagine potrebbero essere le consulenze affidate in presenza di un presunto conflitto di interessi del dott. Bartolomei, dal momento che nessun documento richiesto dalla Procura attiene agli incarichi conferiti dalla Giunta.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il presidente Masè  – si legge ancora nella nota – il Consigliere Cia «è in malafede e che la propria condotta non sia finalizzata ad espletare il proprio mandato politico, bensì a colpire, sul piano individuale, la figura morale del Presidente Masè è dimostrato dal fatto che egli  è perfettamente consapevole della circostanza che durante la fase delle indagini di un procedimento penale ogni informazione è, ai sensi dell’art. 329 c.p.p., secretata e che, dunque, il Presidente del Consiglio Provinciale, non avendo un accesso privilegiato agli atti della Procura, nulla potrebbe riferire in merito alla motivazione dell’indagine, alla tipologia dei documenti sequestrati e tantomeno dei soggetti coinvolti».

Ad oggi ne al Presidente Masè né ad altri amministratori o dipendenti dell’Ente è stata ad oggi notificata alcuna informazione di garanzia contenente la contestazione di condotte penalmente rilevanti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento11 minuti fa

Centrale 112, ecco come prenotare la visita per conoscere gli operatori che gestiscono le chiamate di emergenza

Trento20 minuti fa

Prevenzione alluvioni, interventi per 2 milioni di euro

Trento22 minuti fa

Al via “Road to Trento 2023”: gli appuntamenti internazionali del Festival dell’Economia

Italia ed estero36 minuti fa

Devastante terremoto nella notte fra Turchia e Siria, allerta Tsunami sulle coste italiane

Meteo47 minuti fa

In arrivo in Trentino la settimana più fredda dell’inverno

Trento13 ore fa

Claudio Buriani «quasi» d’accordo con Claudio Cia: «Strutture ospedaliere obsolete, privato meglio che il pubblico»

Italia ed estero13 ore fa

Agenzia cyber: «Massiccio attacco hacker in tutto il mondo, decine di sistemi compromessi»

Bolzano15 ore fa

Valanghe: fine settimana tragico, sale a 8 il bilancio delle vittime

Bolzano15 ore fa

Marlengo: 200 Vigili del Fuoco lottano per domare l’incendio – IL VIDEO

Bolzano15 ore fa

Drammatico scontro tra due sciatori in Val D’Ultimo, muore un 37enne

Trento15 ore fa

Tim down anche in Trentino, disservizi su mobili e fissi

Trento19 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento21 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento21 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella22 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento21 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena5 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza