Connect with us
Pubblicità

Trento

Rivolta dei profughi a Trento, sequestrati operatori del Cinformi.

Pubblicato

-

Una settantina di profughi accolti nell’ex Caserme Damiano Chiesa in via Fersina sono in rivolta. (Il video di primi concitati momenti)

In questo momento tengono sotto sequestro, contro la loro volontà, tutti gli operatori del turno di notte che stavano staccando dal lavoro per andare a casa. Nessuno può entrare e nessuno può uscire.

Sul posto gli operatori della questura che hanno iniziato una lunga trattativa con i richiedenti asilo che sono saliti sul filo spinato che in certi casi è stato anche abbattuto.

Pubblicità
Pubblicità

Chiedono maggiore libertà, più soldi e velocità nel riconoscimento dello status di profughi, e vogliono essere ospitati all’interno di abitazioni e appartamenti invece che in una residenza collettiva come quella allestita dalla Provincia nell’ex caserma dell’esercito. Molte le lamentele anche per il cibo che dicono non adeguato e scadente. I manifestanti inoltre chiedono stanze singole, infatti non vogliono vivere in 4 per ogni stanza ma dormire da soli. I cancelli del centro di accoglienza sono stati chiusi e a tutti è vietato di entrare.

I manifestanti sono una cinquantina. La protesta è cominciata questa mattina alle 7.00 con l’impossibilità per persone esterne di entrare nell’area. 

All’interno è presente una persona malata che ha bisogno di cure, i poliziotti stanno cercando di trattare per farla uscire dalla struttura. Ci sono stati anche momenti di grande nervosismo fra i profughi e i fotografi. I migranti infatti no vogliono essere ripresi e minacciano denunce per la violazione della privacy.

La questura verso le 9.30 ha forzato il blocco dei migranti ed è entrata nella struttura tranciando il lucchetto del portone messo per chiudersi dentro dai manifestanti. Sono stati chiamati un interprete per sentire le ragioni della protesta. I poliziotti stanno parlando con i profughi. Nel frattempo tutto il personale del cinformi e i volontari sono stati liberati e posso girare liberamente per la struttura.

Pubblicità
Pubblicità

ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
Click to comment

0 Comments

  1. marco

    15 marzo 2017 at 9:27

    ahahaha, mitici quelli del cinformi

  2. incazzato_nero

    15 marzo 2017 at 10:01

    Perchè non dare a loro un bell’appartamento e poi lasciare i nostri anziani Italiani magari con una pensione minima e senza la possibilità di pagarsi un affitto…tutti a calci in culo nelle loro capanne…altro che…

  3. Pingback: Rivolta dei “profughi” a Trento, sequestrati operatori del Cinformi |

  4. Pingback: Trento, violenta rivolta dei "profughi", sequestrati gli operatori: "Vogliamo più soldi e appartamenti" | Riscatto Nazionale

  5. Pingback: Rivolta dei “profughi” a Trento, sequestrati operatori del Cinformi

  6. Pingback: Trento, violenta rivolta dei “profughi”, sequestrati gli operatori: “Vogliamo più soldi e appartamenti” - Actiionweb.com

  7. 8SK

    16 marzo 2017 at 9:39

    cari magistrati, procuratori ed affini…denuncia d’ufficio contro soliti ARCINOTI per sequestro di persona, interruzione di pubblico servizio ecc ecc..
    stavolta no? ops poverini? BASTA BUONISMO FALSO CON I SOLDI DI TUTTI, BASTA ASSISTENZIALISMO DIFFUSO

  8. Pingback: Trento, violenta rivolta dei “profughi”, sequestrati gli operatori: “Vogliamo più soldi e appartamenti” – ITALIAPATRIAMIA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trento

Arresto anarchici, ecco i nomi e gli obiettivi colpiti. La base era a Civezzano, «Volevano ammazzare»

Pubblicato

-

Questa mattina, i Carabinieri del R.O.S. e del Comando Provinciale dei Carabinieri di Trento e gli Agenti della Digos e della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Trento su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 7 militanti anarco-insurrezionalisti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, fabbricazione, detenzione e porto di armi ed esplosivi, atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi, incendio e danneggiamento di sistemi informatici o telematici, anche di pubblica utilità, con finalità di terrorismo.

Il provvedimento scaturisce da un’attività investigativa avviata nel 2016 dalla Digos, dal R.O.S. e dal Reparto Operativo del Provinciale Carabinieri nei confronti di alcuni esponenti dell’anarco-insurrezionalismo attivi nella provincia di Trento, ma con collegamenti con altre omologhe realtà sia italiane che straniere operative in Grecia, Spagna e Svizzera.

Gli arrestati, infatti, sono accusati di aver costituito una cellula eversiva che ha posto la lotta violenta alla base della propria strategia e programma ideologico, ricorrendo con estrema “facilità all’uso di sostanze esplosive ed incendiarie” per le azioni contro obiettivi istituzionali.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso dell’operazione antiterrorismo sono stati arrestati: DOLCE LUCA, 33enne di origine giuliana; BOTTAMEDI ROBERTO, 28enne, trentino; BERDUSCO GIULIO, 32enne, di origine veneta; TRENTIN AGNESE, 31enne, di origine veneta; PAROLARI ANDREA, 45enne, trentino; BRIGANTI NICOLA, 44enne, di origine salentina; BERANEK MARIE ANTONIA SACHA, 34enne, di origine tarantina.

Alcuni degli indagati abitano in una casa isolata a Bosco di Civezzano (TN), considerata il covo della cellula, dove sono stati – tra l’altro – falsificati, con un lavoro minuzioso di DOLCE e TRENTIN, alcuni documenti di identità, funzionali a garantire la clandestinità di compagni per la realizzazione del progetto sovversivo e il compimento di atti di eversione in Italia e all’estero.

Infatti, proprio quei documenti sono stati trovati nella disponibilità del 36enne anarchico foggiano DEL SORDO Michele Alessio, arrestato a Patrasso (Grecia) il 30 giugno 2018, mentre si imbarcava per Bari. Lo stesso portava con sé anche banconote false.

Nel dettaglio, le indagini hanno accertato il coinvolgimento degli arrestati nelle seguenti azioni violente di matrice anarchica:

  • il danneggiamento del laboratorio di matematica industriale e crittografia del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi di Trento, mediante l’uso di un ordigno esplosivo o incendiario, che ha causato la distruzione dei sistemi informatici ivi presenti, avvenuto l’08 aprile 2017, a Trento;
  • il danneggiamento di un traliccio della società “SPA TOWERS”, di cinque ponti ripetitori radio-televisivi e delle apparecchiature ivi installate per la trasmissione di segnali radiofonici, telefonici e telematici, avvenuto il 07 giugno 2017, a Rovereto loc. Monte Finonchio. Tra le attrezzature distrutte figurano anche alcuni apparati utilizzati per le trasmissioni dell’Arma dei Carabinieri, il cui danneggiamento ha causato una temporanea interruzione dei collegamenti radio;
  • il danneggiamento di almeno nove autoveicoli della Polizia Locale, mediante l’uso di ordigni incendiari tipo “molotov”, avvenuto il 03 dicembre 2017, a Trento;
  • il danneggiamento di una filiale Unicredit, mediante un ordigno esplosivo, avvenuto il 25 luglio 2018, a Rovereto;
  • il danneggiamento della sede dell’agenzia di lavoro interinale Randstad, mediante un ordigno esplosivo, avvenuto il 1° settembre 2018, a Rovereto;
  • la collocazione di due ordigni esplosivi, dei quali uno solo esploso, nei pressi della sede della “Lega”, avvenuta il 13 ottobre 2018, ad Ala (TN).

In riferimento alla costituzione dell’associazione terroristica, inoltre, il complesso delle attività svolte dagli operatori della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri ha consentito di accertare:

  • l’utilizzo di diverse sedi, nella provincia di Trento, per svolgere le riunioni del gruppo, locali ai quali gli aderenti hanno attribuito il nome “EL TAVAN”. Gli stessi locali, inoltre, sono stati utilizzati per riunire i militanti che di volta in volta partecipavano alle manifestazioni tenutesi a Trento nonché per depositare strumenti di offesa (caschi e bastoni) utilizzati nel corso degli scontri con le Forze di Polizia verificatisi durante i predetti eventi d’area;

  • l’utilizzo di un’abitazione privata (a Bosco di Civezzano) per l’ideazione e l’elaborazione delle progettualità violente, per la produzione di documenti d’identità falsi utilizzati per eludere i controlli delle Forze di Polizia, nonché per collocare strumenti idonei al confezionamento di ordigni esplosivi e materiale da utilizzare per la commissione degli attentati;

  • un’incisiva attività di propaganda di matrice insurrezionalista, che ha supportato ideologicamente i propositi eversivi, attraverso la redazione e la diffusione della rivista anarchica “I GIORNI E LE NOTTI”, bollettino diffuso in modalità cartacea nel quale, fra l’altro, si sostiene che “…il cambiamento violento delle condizioni date, l’insurrezione armata contro l’ostacolo materiale – lo Stato – che impedisce ogni trasformazione reale è ancora oggi l’unica strada possibile verso la libertà”;

  • che l’esecuzione degli attentati fosse preceduta da una complessa fase preparatoria, anche attraverso molteplici sopralluoghi.

Sotto il profilo operativo, le indagini hanno consentito di riscontrare come la cellula sovversiva disarticolata con l’odierna operazione fosse caratterizzata da concreti “propositi eversivi”, testimoniati non solo dai molteplici attentati compiuti, ma anche da una spiccata “intenzione insurrezionale”, tanto che, in un commento intercettato, è espressamente affermato che per “fare la rivoluzione” é necessario addirittura ammazzare qualcuno”.

Inoltre dalle indagini è emerso un particolare modus operandi caratterizzato da un “elevato livello di cautela”, in quanto gli indagati erano soliti lasciare a casa i cellulari accesi durante le “fasi operative”, oltre che ricercare distributori privi di videosorveglianza per reperire materiali infiammabili.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Guardia di Finanza: arrestato a Trento un nigeriano e sequestrato oltre un etto di marijuana e hashish

Pubblicato

-

Le unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza di Trento hanno sequestrato oltre un etto di hashish e marijuana, corrispondente a circa duecento dosi, arrestando in flagranza un nigeriano per detenzione e spaccio di droga. 

Sono stati sequestrati anche trecento euro provento di spaccio.

L’attenzione delle fiamme gialle è sempre alta sui cosiddetti “pendolari dello spaccio”, cioè soggetti non residenti o domiciliati in Provincia che, prevalentemente con il treno o più raramente col trasporto su gomma, vengono a compiere il loro commercio illecito provenendo dalla piazza di Verona o di Padova o, talvolta, da altre regioni del Nord Italia.

PubblicitàPubblicità

A conclusione di una di queste attività info-investigative, le Fiamme Gialle della Compagnia di Trento hanno pizzicato un soggetto nigeriano, A.U. di 27 anni, ufficialmente residente a Reggio Emilia ma che vive, senza fissa dimora, nella Stazione di Verona, il quale era giunto a Trento nel pomeriggio di lunedì scorso con il treno regionale ed è stato visto permanere, apparentemente senza specifico motivo, in Piazza Dante.

Dopo un breve appostamento, i militari delle Fiamme Gialle hanno sorpreso l’extracomunitario nell’atto di cedere della droga a dei clienti, che si sono dati a una precipitosa fuga.

Il ragazzo nigeriano è stato subito bloccato e identificato; dai primi accertamenti nelle banche dati di polizia, subito attivati mediante la Sala Operativa117” della Guardia di Finanza, non è risultato avere precedenti di polizia specifici, ma intanto Nabuco, Apiol e Gabriel già stavano segnalando con insistenza alcune tasche del giubbotto del nigeriano dove, una volta condotto presso gli uffici della Compagnia di Trento di Via Vannetti, è stato trovato oltre un etto tra hashish e marijuana (105 grammi in tutto).

La droga, del valore sul mercato illecito di circa 1.200 euro, è stata sequestrata e il nigeriano, regolarmente residente sul territorio italiano, è stato immediatamente arrestato in attesa del giudizio per direttissima, tenutosi nel primo pomeriggio di oggi, martedì 19 febbraio, all’esito del quale, dopo la convalida dell’arresto, è stato rinviato a giudizio per il prossimo 12 marzo e ne è stata nel frattempo disposta la traduzione al carcere di Verona.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

A4: da venerdì 22 febbraio modifiche alla viabilità, ripercussioni anche sull’A22 del Brennero

Pubblicato

-

La società Autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova S.p.A. rende noto che per  la prosecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria dell’impalcato  metallico del ponte sul fiume Mincio in prossimità del casello di Peschiera del Garda (un ponte a tre campate della lunghezza di 150 metri e localizzato in corrispondenza dell’attraversamento autostradale del fiume stesso) iniziati lo scorso ottobre, si rende ora indispensabile modificare temporaneamente la viabilità autostradale in entrambe le carreggiate nel tratto compreso fra i caselli di Sommacampagna e di Sirmione.

Le modifiche avranno ripercussioni anche sul traffico dell‘A22 del Brennero 

Dopo alcuni interventi di risanamento effettuati dal 1992 al 2015, la A4 Bs-Pd ha stanziato una somma di circa 5 milioni di euro, per interventi utili a prevenire problemi di “fatica” dell’infrastruttura, per effetto delle sollecitazioni dovute al transito dei veicoli, in particolar modo dei mezzi pesanti, e quindi per migliorare la durabilità dell’opera.

PubblicitàPubblicità

I lavori che avranno impatto sulla viabilità autostradale sono divisi in due lotti: il primo in direzione Venezia in programma dal 22 febbraio al 16 aprile sulla carreggiata est, il secondo – previsto dopo l’esodo estivo – sulla carreggiata ovest in direzione Milano.

Per permettere le variazioni alla viabilità attuale e per consentire la posa della segnaletica di cantiere in A4, si procederà quindi in primo luogo alla chiusura totale al traffico veicolare (sia leggero che pesante) in entrambe le direzioni di marcia:

  • Nella notte di venerdì 22 febbraio in carreggiata ovest (direzione Milano) nel tratto compreso tra i caselli di Sommacampagna e Sirmione, chiudendo anche gli svincoli di entrata dei caselli di Sommacampagna e Peschiera, solo in direzione Milano per il tempo strettamente necessario e comunque tra le 22.00 del 22 febbraio e le 06.00 del 23 febbraio.
  • Nella notte di sabato 23 febbraio in carreggiata est (direzione Venezia) nel tratto compreso tra i caselli di Sirmione e Peschiera (dalle ore 22.00 del 23 febbraio alle ore 06.00 del 24 febbraio) chiudendo nei medesimi orari anche lo svincolo di entrata del casello di Sirmione ma solo in direzione Venezia e tra i caselli di Sirmione e Sommacampagna (dalle ore 00.00 alle ore 06.00 del 24 Febbraio).

Le modifiche alla viabilità autostradale previste sono tali da creare il minor impatto possibile sul traffico autostradale e sulla viabilità ordinaria di Peschiera del Garda, avendo sempre come priorità  la massima sicurezza per chi guida.

Durante tutta la durata del cantiere verranno quindi di norma garantite 3 corsie per senso di marcia di larghezza ridotta, senza corsia di emergenza, organizzate come segue:

  • in carreggiata est (direzione Venezia) rimarranno aperte al traffico 2 corsie di larghezza ridotta più una sulla carreggiata opposta, attivando uno scambio di carreggiata;
  • in carreggiata ovest (direzione Milano) saranno attive 3 corsie di larghezza ridotta, utilizzando anche la corsia di emergenza come corsia di marcia.

 Per consentire lo scambio di carreggiata, verranno aperti al traffico 2 by-pass, uno a monte e uno a valle del ponte, a distanza di 2 km uno dall’altro.

Viene in ultimo comunicato che, in considerazione della vicinanza dell’area di cantiere all’immissione in carreggiata per Milano, per garantire la massima sicurezza  al traffico entrante dal Casello di Peschiera e diretto a Ovest, per l’intera durata del cantiere (dal 23 febbraio al 16 aprile) sarà interdetta l’entrata da Peschiera in direzione Milano ai mezzi pesanti con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate.

Tutti gli Enti preposti alla viabilità urbana, extraurbana e autostradale dell’area sono già allertati e pronti a fornire la migliore informazione ai viaggiatori e al territorio, compresa l’autostrada A22 Modena-Brennero, che comunicherà con appositi avvisi sui propri pannelli  a messaggio variabile la limitazione prevista per i mezzi pesanti che sono soliti uscire al casello di Affi e percorrere la bretella SS 450 per entrare  in A4 al Casello di Peschiera.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza