Connect with us
Pubblicità

Trento

Muore senza guardia medica, Degasperi: «era una morte annunciata»

Pubblicato

-

Il caso di Elsa Andreatti, la donna anziana  residente sull’altopiano pinetano, morta dopo quasi dodici ore di attesa della guardia medica, pone importanti interrogativi sui tagli effettuati dalla giunta provinciale di centro sinistra autonomista.

La guardia medica è giunta sul posto dopo oltre 2 ore dal decesso della donna, con l’ingrato compito di stilare il certificato di morte della 94 enne.

L’intervento sanitario quindi è arrivato sul posto 14 ore dopo la chiamata. Prima della «riorganizzazione» la donna deceduta avrebbe avuto a disposizione due guardie mediche in pochi chilometri, una a Segonzano l’altra a Baselga di Pinè. Ma entrambe sono state soppresse. 

Pubblicità
Pubblicità

Sul caso oggi è intervenuto anche il consigliere provinciale Filippo Degasperi, molto critico sulla vicenda.

«Per assistere la popolazione trentina, che conta più di 500 mila abitanti, – spiega Degasperi – la Giunta PATT-PD-UPT-UAL ha deciso di ridurre le postazioni e il numero dei medici di Continuità Assistenziale in servizio nascondendosi dietro parole come “appropriatezza”, “riorganizzazione”, “razionalizzazione” e “ottimizzazione”. Secondo quando ci è possibile dedurre dalle norme in vigore (vedi l’articolo 64 dell’Accordo collettivo nazionale in allegato), in Trentino dovrebbero essere in servizio 100 medici circa per ogni turno».

Il consigliere pentastellato nella sua nota cita molte sentenze che confermano questa interpretazione, (TAR Lazio 9909/2007 e 9771/2009, TAR Friuli 50/2007, TAR Calabria 324 e 329/2010, CdS 241-1802/2009).

Purtroppo in Trentino la giunta di centro sinistra autonomista ha scelto di tagliare le sedi e il numero dei medici di Continuità Assistenziale e dopo il caso di Elsa Andreatti  i cittadini possono iniziare a toccare con mano e apprezzare i primi risultati della “riorganizzazione” che ha effetti soprattutto in zone dove non esistono ospedali e pronto soccorso e su ambiti fragili quali quelli delle numerose RSA dove di notte e nei festivi non ci sono medici in servizio.

«L’Assessore Zeni – aggiunge ancora Degasperi – aveva promesso 64 stabilizzazioni ma non se ne è vista nemmeno una. L’Assessore Zeni aveva promesso le AFT. E mi pare che ad oggi siano rimaste sulla carta. L’Assessore Zeni ha ripetuto incessantemente che le urgenze e le emergenze non riguardano le guardie mediche. Nel caso specifico quindi resta da capire come mai il 118, che doveva stabilire la competenza della chiamata (urgenza o intervento del medico di guardia) ha girato la richiesta alla guardia medica».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]

Categorie

di tendenza