Connect with us
Pubblicità

Trento

Presentato il comitato organizzatore dell’adunata degli alpini 2018. Ma spunta una petizione contro l’adunata.

Pubblicato

-

Il sindaco: “Tutta la città coinvolta”.

L’auspicio del presidente nazionale Favero: “Che sia l’adunata della conciliazione”.

Pinamonti: “Ricordiamo i giovani che hanno sacrificato la propria vita, con qualsiasi divisa abbiano combattuto”

Pubblicità
Pubblicità

Varo in grande stile stamattina mercoledì 1 marzo, nel salone di rappresentanza di Palazzo Geremia, per il Coa, (comitato organizzativo Alpini) che avrà il compito di preparare e gestire la novantunesima adunata degli alpini.

Per la quinta volta a Trento, l’adunata promette di portare in città, dall’11 al 13 maggio 2018, oltre 500 mila persone oltre a un fitto programma di eventi. Pare che ormai i posti liberi nelle strutture alberghiere  Trentine si trovino solo con il lumicino 

Ecco dunque la necessità di un comitato organizzatore, che unisca la conoscenza del territorio trentino con l’esperienza derivante dalla gestione delle adunate che, negli anni scorsi, sono state ospitate in varie città italiane, da Cuneo a L’Aquila, da Pordenone a Catania.

Pubblicità
Pubblicità

Presieduto da Renato Genovese (consigliere nazionale dell’Ana), il comitato avrà dunque anche dei componenti locali: si tratta di Maurizio Pinamonti, capo della sezione Ana di Trento, che ha le funzioni di vicepresidente, Mauro Bondi, Paolo Frizzi (consulente legale), Giorgio Debiasi, Luciano Rinaldi (segretario), dell’assessore provinciale al turismo Tiziano Mellarini, delegato dal presidente della Provincia Ugo Rossi, e del consigliere comunale Massimo Ducati, delegato dal sindaco Alessandro Andreatta. Tra i componenti del Coa, anche Adriano Crugnola (direttore generale dell’Ana), Michele Dal Paos e Massimo Curasì.

Dopo la firma davanti al notaio, è toccato al sindaco Andreatta aprire la presentazione del Coa, avvenuta in un sala affollata di penne nere e autorità: “Quella del 2018 non è solo l’adunata degli alpini: questa è l’adunata degli alpini e di tutta la città – ha dichiarato il sindaco – Del resto questa è una grande occasione per Trento e non solo per le ricadute sul piano della visibilità ma anche dal punto di vista ideale: il 2018 per noi non è un anno qualsiasi. Cent’anni fa è finita la prima guerra mondiale, cent’anni fa Trento è diventata città italiana, cent’anni fa ha fatto ritorno a casa quel popolo disperso, quella marea di profughi e sfollati che dovette abbandonare un Trentino trasformato dal conflitto in un’enorme trincea”.

L’assessore Mellarini, che ha riassunto il significato dell’adunata con le parole “pace, fratellanza e amicizia”, ha assicurato per l’evento “l’impegno di tutta la provincia e del volontariato”, impegno doveroso nei confronti di un sodalizio come quello degli alpini, “sempre pronto a spendersi per gli altri”.

Maurizio Pinamonti, responsabile delle 24 mila penne nere e dei 266 gruppi trentini, si è soffermato sul significato ideale dell’adunata: “Con questo evento ricordiamo tutti i giovani che hanno sacrificato la propria vita cent’anni fa, con qualsiasi divisa abbiano combattuto”, mentre il presidente del Coa Genovese ha messo in luce il fatto che le adunate degli alpini, “pur nelle diversità determinate dalla geografia, hanno una continuità e unitarietà dal punta di vista dell’organizzazione”, in modo da far tesoro delle esperienze precedenti.

La chiusura è toccata al presidente nazionale Sebastiano Favero che, dopo aver sottolineato l’assoluta condivisione sull’assegnazione dell’adunata 2018 a Trento, ha messo in luce i valori che ispirano l’evento: “Noi alpini non siamo guerrafondai, noi alpini vogliamo la pace, però sappiamo che la pace bisogna avere anche la forza di difenderla.Per questo occorre far capire ai nostri ragazzi l’importanza del valore dell’appartenenza e del senso dello Stato”. Favero ha concluso con un auspicio: “Che sia veramente l’adunata della conciliazione”.

Ma non tutti sono felici per la scelta di Trento per l’adunata degli alpini nel 2018. – Gli amministratori della pagina facebook «Trento è Tirolo – Trient ist Tirol»  hanno inviato  al Presidente della Provincia Autonoma di Trento Ugo Rossi e al Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Arno Kompatcher una lettera dove i due vengono informati che «negli scorsi mesi, – si legge nella nota – su richiesta di molti nostri follower, abbiamo avviato una campagna di raccolta firme sulla piattaforma online Change.org, al fine di sensibilizzare la popolazione su un tema molto sentito, quale l’Adunata degli Alpini».

Il gruppo chiede che l’Adunata degli Alpini non si svolga nel 2018 a Trento, bensì in un altro anno.

«Siamo preoccupati che – si legge ancora nella nota –  un tale evento possa essere strumentalizzato e possa mancare di rispetto verso i caduti, di ambo le parti, che hanno combattuto un conflitto sanguinoso che non volevano di certo. In particolare, i caduti originari della nostra provincia di Trento, che all’epoca hanno combattuto con la divisa di Schützen e di Kaiserjӓger, non sarebbero sicuramente rappresentati dal Corpo degli Alpini. L’eventuale intonazione di inni nazionali, sarebbe altresì irrispettosa, e provocherebbe ancora una volta la riapertura di ferite mai rimarginate da parte di una fetta della popolazione»

Gli amministratori sottolineano che la petizione non va intesa come un mero strumento per rivendicazioni storiche, «riteniamo soltanto che sia necessario riflettere sulla sciagura che si è abbattuta sul mondo intero il secolo scorso, abbandonando per un attimo le rivendicazioni nazionali». – conclude la nota

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale
    Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate. Notifiche cartelle esattoriali All’interno del decreto sarà probabilmente inserita... The post Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale appeared first on […]
  • Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina
    Il recente decreto attuativo conosciuto con il nome di bonus antiplastica è stato istituito allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti del cambiamento climatico. Bonus antiplastica, cos’è Il bonus nato... The post Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina appeared […]
  • Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona
    Da qualche giorno sono ripartiti gli ecobonus promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico, per l’acquisto di auto a ridotte emissioni. L’ecobonus, sotto forma di contributi viene reinserito non per sostenere il mercato delle auto, ma... The post Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona appeared first on Benessere […]
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza