Connect with us
Pubblicità

Trento

Caso Baratter, Ossanna: «Cosa cambia se il presidente Rossi sapeva?»

Pubblicato

-

Walter Kaswalder ieri in un’intervista ha confermato che Il governatore Ugo Rossi e Franco Panizza sapevano del patto di Baratter con gli Schutzen. 

L’obiettivo attraverso la firma di questo accordo era quello di portare Lorenzo Baratter all’assessorato della cultura, grazie all’enorme bacino di voti che i cappelli piumati potevano garantire.

Ma poi i consensi sulla persona di Lorenzo Baratter non sono stati quelli sperati, per questo si è dovuto accontentare di sedere solo fra i banchi dei consiglieri provinciali. Il punto rimane comunque focale. Se Rossi sapeva la cosa aggraverebbe la posizione di tutta la giunta provinciale. 

Pubblicità
Pubblicità

A buttare ancora di più benzina sul fuoco ci ha pensato il capogruppo del Patt Lorenzo Ossanna, che a margine del consiglio provinciale di ieri a riguardo della richiesta fatta in aula da Maurizio Fugatti della Lega Nord, se il Presidente Rossi sapeva o meno della esistenza dell’accordo tra Baratter e gli Schutzen e della conseguente eventuale gravità della cosa, avrebbe dichiarato: “Io ero un semplice candidato, e di questo non ne sapevo nulla. Ma se anche ne fossero stati a conoscenza, che cosa cambia?”.

Ma non è finita qui. Lo stesso Ossanna intervistato da RTTR sulla questione ha dichiarato, «non c’è nulla di irregolare su quanto ha fatto Baratter quindi il PATT non deve decidere nulla». Della serie insomma; il fatto non sussiste.

Per questo dopo una lunga riunione degli autonomisti la montagna ha partorito il topolino e ha deciso di dare un «buffetto» a Lorenzo Baratter ma non per la corruzione elettorale, ma bensì per la vignetta e le parole apparse per qualche ora sul suo profilo facebook, (vedi sotto) poi sospese con tanto di scuse, ma che comunque visto la carica ricoperta dall’ex capogruppo del PATT rimangono gravi.

Pubblicità
Pubblicità

La tiratina di orecchie a Baratter da parte del partito autonomista è parsa a tutti una sorta di contentino per i partiti della coalizione che negli ultimi giorni sembrano piuttosto nervosi.

La frase sibillina e ambigua di colui che ricopre il ruolo di capogruppo del partito a cui fa riferimento il Presidente della Provincia non è sfuggita però a Maurizo Fugatti «è molto grave e sintetizza la totale assenza del senso delle istituzioni da parte dei rappresentanti del Patt» – scrive in una nota il consigliere leghista.

«Se il capogruppo Ossana non capisce la gravità del fatto che c’è una enorme differenza se il Presidente Rossi fosse stato a conoscenza o meno dell’accordo, – aggiunge Fugatti – forse è meglio che si dimetta anche lui da capogruppo del Patt come già fece a suo tempo Lorenzo Baratter. Fare il capogruppo del partito di riferimento del Presidente della Provincia Autonoma di Trento contempla la conoscenza e la pratica di regole basilari delle istituzioni che evidentemente Ossana dimostra di non conoscere. O forse il capogruppo Ossana ritiene che la eventuale conoscenza di questo accordo da parte di Rossi, con conseguente grave silenzio del Presidente, sia assimilabile a un consigliere provinciale in carica che assume incarichi diretti dalle amministrazioni comunali amiche»?

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]

Categorie

di tendenza