Connect with us
Pubblicità

Trento

Urban Center: Immagini, parole e musica per conoscere il «prezzo» di ciò che abbiamo tra le mani

Pubblicato

-

ROVERETO – Hakuna matata… con queste parole e con le note di una chitarra è iniziato l’incontro di presentazione della mostra fotografica di Stefano Stranges ‘Le vittime della nostra ricchezza all’Urban Center di Rovereto. Parole cantate da John Mpaliza, insieme alle autorità presenti, l’Assessore alle Politiche sociali del Comune di Rovereto Mauro Previdi e l’Assessore all’Istruzione e Vicesindaco del Comune di Rovereto Cristina Azzolini. 

Noi europei abbiamo scordato l’importanza della dimensione del canto, per questo ringrazio molto John per aver aperto questo incontro in questo modo. Cantare era usuale e molto diffuso un tempo, oggi non lo è più; il canto è indice dell’esistenza di un popolo, che ha degli ideali. Forse la dimensione del canto è stata persa perché abbiamo perso la capacità di essere parte e di identificarci in un popolo’.

Così ha iniziato il suo intervento la Vicesindaco Cristina Azzolini, che ha poi proseguito ringraziando chi ha organizzato questa mostra, l’ Associazione Grande Quercia di Rovereto, perché in ciò che fa’ ‘dà voce a ciò che ci permette di fare un passo in più nella consapevolezza di chi siamo e di chi vogliamo essere. In un mondo in cui il dio denaro la fa da padrone ci sono ancora adulti che dicono di no e sono capaci di essere umani, solidali, che è la vera essenza dell’uomo stesso. Spesso chi ci dovrebbe informare ci riempie di notizie che il più delle volte non ci interessano, per fortuna che ci sono Associazioni come questa che ci dicono ciò che spesso viene celato e che invece tocca le nostre coscienze e le scelte che compiamo ogni giorno’.

Pubblicità
Pubblicità

L’Assessore Mauro Previdi, dopo aver portato i saluti del Sindaco Francesco Valduga, si è spogliato del suo ruolo, indossando quello che lo lega al territorio africano, grazie alla sua Associazione di volontariato Africa Tomorrow, di cui è Presidente.

‘Credo che i giovani debbano avere degli ideali, qualcosa in cui credere in maniera significativa e che dia loro la forza di perseguirli. L’esempio di John è stimolo per avere quei valori e per avere la determinazione e il coraggio di andare avanti’.

Pubblicità
Pubblicità

Poi Nicoletta Corradi, la referente dei progetti per la Repubblica Democratica del Congo dell’Associazione Grande Quercia, che ha condotto l’incontro, ha dato la parola all’autore delle opere Stefano Stranges: fotoreporter di origini torinesi, appena rientrato dal suo ultimo viaggio in Ghana. ‘Queste 34 opere sono il frutto di un viaggio di un mese nelle miniere del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo per cercare di documentare le conseguenze dell’estrazione del coltan, un minerale molto importante per la produzione della nostra tecnologia (smartphone, pc, tablet, macchinari, ecc…); sono il frutto soprattutto di conoscenza, di legami intessuti con le persone del luogo, nessuno si è messo in posa e ogni fotografia racconta la storia di quelle persone. Inizialmente quando mi vedevano arrivare con una macchina fotografica al collo mostravano diffidenza, ma poi, conquistata la loro fiducia, avevano moltissima voglia di parlare con me, di aprirsi e di raccontare il loro dramma, come se, nonostante tutto, avessero la percezione di una speranza’.

Molto toccanti i racconti delle testimonianze raccolte da Stranges:Spesso le travi che sorreggono le rocce delle miniere di coltan crollano (la settimana prima che io arrivassi erano morte 30 persone tra bambini e adulti) e i corpi vengono lasciati sotto le macerie. I conduttori delle miniere impediscono ai familiari il recupero dei corpi, minacciandoli di fare la stessa fine dei loro cari. Mi sono reso conto che non c’è un’alternativa al rischiare la vita per 8, 10 dollari al giorno, facendo un lavoro devastante dal punto di vista fisico. 

Inconsciamente e inconsapevolmente noi siamo complici di tutto questo. Non si tratta di demonizzare la tecnologia, ma di non volere a tutti costi l’ultimo modello del telefonino, perché questo strumento contiene la firma di questo dramma’.

Poi John Mpaliza ha concluso l’evento raccontando che aveva saputo che in molti incontri precedenti i ragazzi avevano costretto i genitori a partecipare, ‘questo dimostra quanto riescano ad andare oltre, a dare di più di noi adulti. Quando io e Stefano abbiamo parlato di questo viaggio, gli ho chiesto soprattutto di rispettare l’umanità di queste persone e le opere lo dimostrano. La prosecuzione di questo progetto ha portato Stefano in Ghana, dove c’è la più grande discarica tecnologica, chiamata Sodoma e Gomorra dai locali: lì muoiono i nostri telefonini ma anche i sogni di tante persone’.

John ha poi ricordato la sua grande battaglia per la tracciabilità dei minerali utilizzati per la nostra tecnologia e ha invitato tutti i presenti ad acquistare in modo consapevole: ‘Spesso compriamo nei negozi dove c’è scritto sconto del 30-40%, senza sapere cosa c’è dietro a quel prodotto’ e a spegnere i cellulari: ‘Spegnete il cellulare la sera e controllate che lo facciano i vostri figli perché le onde del cellulare fanno male. Tra 30 anni ci renderemo conto che abbiamo avvelenato noi stessi i nostri figli’.

Poi ha concluso dicendo: ‘L’Europa dei diritti tentenna di fronte a queste situazioni, perché le Multinazionali sono molto, molto forti; ognuno di noi e tutti insieme facciamo qualcosa per chiedere agli europarlamentari di non rimanere inerti di fronte a tutto questo’.

Ecco un servizio del TgR Leonardo sul tema: https://www.youtube.com/watch?v=4OVQ7BbRlwc

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]

Categorie

di tendenza