Connect with us

Trento

Urban Center: Immagini, parole e musica per conoscere il «prezzo» di ciò che abbiamo tra le mani

Pubblicato

-

ROVERETO – Hakuna matata… con queste parole e con le note di una chitarra è iniziato l’incontro di presentazione della mostra fotografica di Stefano Stranges ‘Le vittime della nostra ricchezza all’Urban Center di Rovereto. Parole cantate da John Mpaliza, insieme alle autorità presenti, l’Assessore alle Politiche sociali del Comune di Rovereto Mauro Previdi e l’Assessore all’Istruzione e Vicesindaco del Comune di Rovereto Cristina Azzolini. 

Noi europei abbiamo scordato l’importanza della dimensione del canto, per questo ringrazio molto John per aver aperto questo incontro in questo modo. Cantare era usuale e molto diffuso un tempo, oggi non lo è più; il canto è indice dell’esistenza di un popolo, che ha degli ideali. Forse la dimensione del canto è stata persa perché abbiamo perso la capacità di essere parte e di identificarci in un popolo’.

Così ha iniziato il suo intervento la Vicesindaco Cristina Azzolini, che ha poi proseguito ringraziando chi ha organizzato questa mostra, l’ Associazione Grande Quercia di Rovereto, perché in ciò che fa’ ‘dà voce a ciò che ci permette di fare un passo in più nella consapevolezza di chi siamo e di chi vogliamo essere. In un mondo in cui il dio denaro la fa da padrone ci sono ancora adulti che dicono di no e sono capaci di essere umani, solidali, che è la vera essenza dell’uomo stesso. Spesso chi ci dovrebbe informare ci riempie di notizie che il più delle volte non ci interessano, per fortuna che ci sono Associazioni come questa che ci dicono ciò che spesso viene celato e che invece tocca le nostre coscienze e le scelte che compiamo ogni giorno’.

Pubblicità
Pubblicità

L’Assessore Mauro Previdi, dopo aver portato i saluti del Sindaco Francesco Valduga, si è spogliato del suo ruolo, indossando quello che lo lega al territorio africano, grazie alla sua Associazione di volontariato Africa Tomorrow, di cui è Presidente.

‘Credo che i giovani debbano avere degli ideali, qualcosa in cui credere in maniera significativa e che dia loro la forza di perseguirli. L’esempio di John è stimolo per avere quei valori e per avere la determinazione e il coraggio di andare avanti’.

Poi Nicoletta Corradi, la referente dei progetti per la Repubblica Democratica del Congo dell’Associazione Grande Quercia, che ha condotto l’incontro, ha dato la parola all’autore delle opere Stefano Stranges: fotoreporter di origini torinesi, appena rientrato dal suo ultimo viaggio in Ghana. ‘Queste 34 opere sono il frutto di un viaggio di un mese nelle miniere del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo per cercare di documentare le conseguenze dell’estrazione del coltan, un minerale molto importante per la produzione della nostra tecnologia (smartphone, pc, tablet, macchinari, ecc…); sono il frutto soprattutto di conoscenza, di legami intessuti con le persone del luogo, nessuno si è messo in posa e ogni fotografia racconta la storia di quelle persone. Inizialmente quando mi vedevano arrivare con una macchina fotografica al collo mostravano diffidenza, ma poi, conquistata la loro fiducia, avevano moltissima voglia di parlare con me, di aprirsi e di raccontare il loro dramma, come se, nonostante tutto, avessero la percezione di una speranza’.

Molto toccanti i racconti delle testimonianze raccolte da Stranges:Spesso le travi che sorreggono le rocce delle miniere di coltan crollano (la settimana prima che io arrivassi erano morte 30 persone tra bambini e adulti) e i corpi vengono lasciati sotto le macerie. I conduttori delle miniere impediscono ai familiari il recupero dei corpi, minacciandoli di fare la stessa fine dei loro cari. Mi sono reso conto che non c’è un’alternativa al rischiare la vita per 8, 10 dollari al giorno, facendo un lavoro devastante dal punto di vista fisico. 

Inconsciamente e inconsapevolmente noi siamo complici di tutto questo. Non si tratta di demonizzare la tecnologia, ma di non volere a tutti costi l’ultimo modello del telefonino, perché questo strumento contiene la firma di questo dramma’.

Poi John Mpaliza ha concluso l’evento raccontando che aveva saputo che in molti incontri precedenti i ragazzi avevano costretto i genitori a partecipare, ‘questo dimostra quanto riescano ad andare oltre, a dare di più di noi adulti. Quando io e Stefano abbiamo parlato di questo viaggio, gli ho chiesto soprattutto di rispettare l’umanità di queste persone e le opere lo dimostrano. La prosecuzione di questo progetto ha portato Stefano in Ghana, dove c’è la più grande discarica tecnologica, chiamata Sodoma e Gomorra dai locali: lì muoiono i nostri telefonini ma anche i sogni di tante persone’.

John ha poi ricordato la sua grande battaglia per la tracciabilità dei minerali utilizzati per la nostra tecnologia e ha invitato tutti i presenti ad acquistare in modo consapevole: ‘Spesso compriamo nei negozi dove c’è scritto sconto del 30-40%, senza sapere cosa c’è dietro a quel prodotto’ e a spegnere i cellulari: ‘Spegnete il cellulare la sera e controllate che lo facciano i vostri figli perché le onde del cellulare fanno male. Tra 30 anni ci renderemo conto che abbiamo avvelenato noi stessi i nostri figli’.

Poi ha concluso dicendo: ‘L’Europa dei diritti tentenna di fronte a queste situazioni, perché le Multinazionali sono molto, molto forti; ognuno di noi e tutti insieme facciamo qualcosa per chiedere agli europarlamentari di non rimanere inerti di fronte a tutto questo’.

Ecco un servizio del TgR Leonardo sul tema: https://www.youtube.com/watch?v=4OVQ7BbRlwc

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]

Categorie

di tendenza