Connect with us
Pubblicità

Trento

Casino di tiro al bersaglio di Trento: gli Schützen incontrano il vicesindaco.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’ennesima puntata dell’ormai lunga storia che vede gli Schützen impegnati nel tentativo di recupero edile del casino di tiro al bersaglio di Trento, immobile di proprietà comunale ridotto ad un rudere fatiscente, si è conclusa con un nulla di fatto. Adesso però risulta più definita la posizione del Comune e forse sono più chiare all’associazione le azioni da intraprendere in futuro.

Oggi pomeriggio negli uffici del patrimonio del Comune di Trento la Schützenkompanie “Kaiser Maximilian I” ed il Comitato per la rinascita del casino di bersaglio hanno incontrato Paolo Biasioli (Cantiere Civico Democratico), vicesindaco ed assessore con delega all’urbanistica, per valutare le effettive possibilità e l’iter più corretto da seguire per restituire a Trento ed alla circoscrizione Centro Storico – Piedicastello un immobile che è stato un pezzo della storia trentina e dell’intero Tirolo, almeno secondo le ricerche condotte da Alberto Pattini contenute in una sua pubblicazione di qualche anno fa.

Hanno partecipato all’incontro, per il Comune di Trento, il predetto vicesindaco Biasoli, Italo Gilmozzi (PD) assessore con delega ai lavori pubblici e bilancio, Claudio Geat (PD) presidente della circoscrizione Centro Storico – Piedicastello e Cristina Degasperi dirigente del servizio patrimonio. Per la Schützenkompanie l’Hauptmann Roberto Feller, il Kulturreferent Claudio Tessaro e per il comitato Maurizio Daldon. Sono intervenuti alla riunione anche Martha Stocker consigliera regionale ed assessora alla salute, sport, politiche sociali e lavoro della Provincia Autonoma di Bolzano, nonché madrina della compagnia, e Paolo Dalprà Landeskommandant del Welschtirolerschützen Bund per apportare nuovi punti di vista al dibattito e cercare assieme soluzioni alternative per sbloccare la faccenda.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo i timori generati la scorsa settimana dagli interventi di manutenzione delle aree verdi adiacenti al casino di tiro (link all’articolo) la compagnia ed il comitato, in apertura di riunione, hanno chiesto nuovamente al vicesindaco rassicurazioni affinché l’edificio non venga raso al suolo poiché nel PRG (Piano Regolatore Generale) comunale l’immobile è ancora riportato in demolizione. Biasioli ha rassicurato i presenti che l’amministrazione comunale, visto l’interesse manifestato dai cittadini per l’immobile, non intende più abbattere l’edificio. Tale affermazione era già stata riportata anche in una nostra intervista, dello scorso novembre, al vicesindaco (link all’articolo).

Scongiurato l’abbattimento non significa, però, che il Comune di Trento sia disposto anche a restaurare l’edificio. Gli amministratori hanno ribadito, infatti, che l’importo della ristrutturazione del casino di tiro, stimato in 500 – 600 mila euro sul progetto di massima dell’ingegner Armando Ravagni, non può essere erogato dal Comune in considerazione di altre priorità alle quali l’amministrazione deve far fronte in questi tempi di crisi.

Sembra proprio che se gli Schützen vogliono realizzare il museo multimediale sugli usi e costumi tirolesi che in ottica euroregionale vuole parlare ai giovani trentini delle proprie radici, della propria storia ed identità, dovranno trovare uno sponsor che possa contribuire a pagare una quota consistente del progetto. Tutto ciò vale anche per il comitato cittadino che chiede un luogo di aggregazione per i residenti nel quartiere.

Pubblicità
Pubblicità

Per il Comune non sono derogabili importanti aspetti tecnico-amministrativi che, alla luce delle più recenti normative, prevedono che si facciano dei bandi per l’assegnazione degli immobili comunali e per i finanziamenti dei progetti che oggi devono essere necessariamente “co-finanziati” da soggetti privati ed enti pubblici.

Un po’ di delusione per le associazioni che forse speravano dall’incontro di oggi qualche impegno maggiore da parte del Comune di Trento. In chiusura, il capitano Feller ha chiesto al vicesindaco Biasioli di provvedere almeno alla messa in sicurezza dell’edificio del casino di tiro ed effettuare gli interventi urgenti di cui necessita l’immobile per fermarne il degrado quotidiano ed evitare pericoli per i passanti.

A cura di Mario Amendola

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Andalo, cambia il sistema di conferimento dei rifiuti da parte delle aziende

Italia ed estero10 ore fa

Addio al bonus 18enni, i fondi a spettacoli ed editoria

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

L’intera Val di Non imbiancata: Vigili del Fuoco al lavoro

Trento12 ore fa

Ordine Infermieri: «Restituire ai pazienti la vicinanza dei familiari significa restituire un diritto umano»

Trento12 ore fa

La decorazione natalizia della polizia di Stato sul grande abete in piazza Duomo

Trento13 ore fa

Weekend dell’Immacolata, neve in esaurimento. Domenica traffico da bollino nero

Musica14 ore fa

Isera, Palazzo de’ Probizer: Agorart Ensemble in concerto

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Nuovo ospedale di Cavalese: una grande proposta per i bisogni della comunità

Trento14 ore fa

Superato il limite della decenza: ora rubano i vasi di rame dai cimiteri

Trento14 ore fa

Neve in Trentino, la situazione della viabilità alle ore 10.30

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

A Spormaggiore arriva il “Consiglio comunale dei ragazzi”

Trento15 ore fa

5 centimetri di neve a Trento, in azione la macchina comunale. Nel pomeriggio in arrivo la pioggia

L'Editoriale16 ore fa

In Trentino centrodestra ancora favorito. La leadership cambia a favore di Fratelli d’Italia

Trento16 ore fa

Arrivano i turisti: la stagione invernale si apre con successo

Italia ed estero16 ore fa

Dal 12 al 16 dicembre mobilitazioni nazionali contro la manovra di bilancio: le motivazioni

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…1 settimana fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Io la penso così…5 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 giorni fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Trento3 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web4 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Meteo2 giorni fa

Da giovedì sera sul Trentino torna la neve anche a quote basse

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza