Connect with us
Pubblicità

Trento

Scuola trentina da 4 anni senza timone. «Vi spieghiamo i continui fallimenti di Ugo Rossi sulla scuola»

Pubblicato

-

I consiglieri Claudio Cia, Giacomo Bezzi e Manuela Bottamedi in una nota riassumono i fallimenti di Ugo Rossi sulla scuola.

I tre consiglieri parlano di «retromarcia su tutte le riforme volute dal governatore Rossi e di silenzio invece su quelle necessarie e mai fatte»

«L’ultima in ordine di tempo è la retromarcia sul CLIL e sul Piano Trilingue. In attesa di una seria verifica e valutazione delle ricadute del Piano sulla didattica e sull’organizzazione scolastica a due anni dall’introduzione, Rossi manco attende i risultati della valutazione e si appresta ad affossare il CLIL, nucleo centrale del Piano Trilingue da lui fortissimamente voluto. Un Piano su cui Rossi aveva scommesso tutta la credibilità di assessore all’istruzione» si legge nella nota dei tre consiglieri provinciali.  

Pubblicità
Pubblicità

Nella nota poi i tre riassumono il percorso di Ugo Rossi nei confronti della scuola: «In una lettera datata 8 febbraio e inviata a tutti Dirigenti scolastici, – si legge  – Rossi autorizza i Dirigenti stessi, alle prese con oggettivi e imbarazzanti problemi logistici, di orario, di copertura e di formazione metodologica degli insegnanti, a derogare alle attuali previsioni normative (5 ore settimanali di disciplina in CLIL durante l’orario obbligatorio) permettendo loro l’effettuazione del CLIL durante le ore opzionali facoltative e per un massimo di due ore settimanali.  Di fatto un vero e proprio affossamento di ciò che Rossi considerava il fiore all’occhiello, il cammeo della sua legislatura». 

Sia chiaro – aggiungono Bezzi, Cia e Bottamedi –  questo Piano fa acqua da tutte le parti e il CLIL si sta rivelando non solo inutile ma anche controproducente. Il CLIL di per sé è un’ottima metodologia, ma la sua introduzione selvaggia e priva di adeguata formazione dei docenti sta portando a risultati nefasti».

I tre consiglieri poi ricordano anche le altre retromarce sulla scuola decise dal governatore Rossi:

Pubblicità
Pubblicità

– il dimezzamento delle ore opzionali alla scuola elementare (introdotto a giugno attraverso un emendamento Bottamedi e poi soppresso a dicembre con un emendamento Borga)

 l’assegnazione degli insegnanti non ad un Istituto ma ad un ambito territoriale (previa chiamata diretta del Dirigente): questa è stata la vera grande novità introdotta dalla “Buona Scuola” approvata a giugno dal Consiglio provinciale, dopo una settimana in aula tra battaglie e 14.000 emendamenti. Noi ci eravamo battuti proprio contro gli ambiti territoriali ma Rossi non era disposto a derogare su quella che lui stesso aveva definito lo snodo cruciale di quella riforma. A dicembre, in finanziaria, la retromarcia: bloccati gli ambiti e la chiamata diretta almeno fino al 2018.

pasticcio reclutamento docenti: tra ricorsi al TAR e al Consiglio di Stato e l’imbarazzante Commissariamento (deciso dal TAR e su cui si pronuncerà il Consiglio di Stato tra pochi giorni), Rossi sul reclutamento e l’assunzione dei docenti non ne ha indovinata una. Pù volte gli avevamo chiesto di copiare da Bolzano (semplificazione delle graduatorie e delle fasce e assunzione non tramite concorso ma tramite chiamata da graduatoria unica degli abilitati), ma Rossi tra concorsi, deroghe, quarta fascia e ricorsi continui non ci ha ascoltati e adesso si trova in un intricato vicolo cieco.

apertura e poi chiusura al Metodo Montessori: inizialmente favorevole al metodo Montessori, Rossi ha aperto alcune sezioni (Trento, Rovereto e recentemente Pergine), salvo chiudere adesso alla possibilità di aprire nuove sezioni, nonostante la forte richiesta di molti genitori in tutti i territori del Trentino.

Restano invece al palo alcuni nodi che Bezzi, Cia e Bottamedi considerano fondamentali:

una seria e oggettiva valutazione dei docenti che permetta di premiare chi sa meglio coinvolgere i nostri ragazzi e bambini portandoli ad un apprendimento di qualità e allontanando i pochi (ma purtroppo presenti) docenti che non sono adeguati allo svolgimento di questa delicatissima professione

una potente sforbiciata alla burocrazia che sta schiacciando e mortificando la professione docente: ormai sono più le ore che gli insegnanti sono costretti a dedicare a carte, relazioni, compilazione documenti e improduttive riunioni, che non le ore in classe dedicate ai bambini e ai ragazzi.

l’eliminazione dell’abbraccio mortale tra potere provinciale e scuola: la provincializzazione della scuola trentina ha portato anche ad una distorsione da raddrizzare: i dirigenti scolastici e gli Istituti sono alle dirette dipendenze del Dipartimento della Conoscenza e dell’Assessorato all’Istruzione (ossia della politica e del potere provinciale). E’ stato eliminato il provveditorato agli Studi, un organo tecnico che garantiva una certa imparzialità nel governo della scuola e il non condizionamento della politica sulle scelte dei dirigenti. Il Provveditore o Sovrintendente) è rimasto ovunque in Italia (Bolzano compresa) tranne che in Trentino.

Per Bezzi, Cia e Bottamedi la scuola – Titanic Trentina continua insomma a viaggiare a vista, senza timone, ormai da quasi 4 anni. «Speriamo non incontri un iceberg»termina ironicamente la nota dei 3 consiglieri provinciali 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]
  • Riscoprire il turismo lento in Italia, con le mini crociere fluviali
    Una parte della penisola Italiana è composta da un piccolo mosaico di isole e canali che insieme rappresentano la perfetta geometria di un mondo pieno di fascino. Riscoprire una dimensione lenta del turismo, attraverso gli imperdibili itinerari fluviali italiani è uno dei modi migliori per visitare questo mondo. Le crociere fluviali in houseboat sono in […]
  • Il rosmarino e le sue innumerevoli caratteristiche che fanno bene alla salute
    Il rosmarino è un arbusto perenne e sempreverde del genere della Salvia, originario dell’area mediterranea. Questa pianta, infatti, cresce nelle zone litoranee, macchia mediterranea, dirupi sassosi e assolati dell’entroterra, dal livello del mare fino alla zona collinare, ma si può trovare e coltivare anche nella zona dei laghi prealpini e nella Pianura Padana. Sin dall’antichità, […]
  • Il messaggio di Banksy colpisce con un video anche la metropolitana londinese
    La decisione tardiva del Governo inglese nel procedere con il Lockdown in Inghilterra, accompagnata dal disappunto di molti cittadini britannici, è stata presa di mira dall’artista britannico Banksy. Lo steet artist britannico dopo aver coperto di divertenti topi il suo bagno mesi fa, torna a colpire facendo della tesa situazione inglese la sua musa ispiratrice, […]

Categorie

di tendenza