Connect with us
Pubblicità

Trento

Scuola trentina da 4 anni senza timone. «Vi spieghiamo i continui fallimenti di Ugo Rossi sulla scuola»

Pubblicato

-

I consiglieri Claudio Cia, Giacomo Bezzi e Manuela Bottamedi in una nota riassumono i fallimenti di Ugo Rossi sulla scuola.

I tre consiglieri parlano di «retromarcia su tutte le riforme volute dal governatore Rossi e di silenzio invece su quelle necessarie e mai fatte»

«L’ultima in ordine di tempo è la retromarcia sul CLIL e sul Piano Trilingue. In attesa di una seria verifica e valutazione delle ricadute del Piano sulla didattica e sull’organizzazione scolastica a due anni dall’introduzione, Rossi manco attende i risultati della valutazione e si appresta ad affossare il CLIL, nucleo centrale del Piano Trilingue da lui fortissimamente voluto. Un Piano su cui Rossi aveva scommesso tutta la credibilità di assessore all’istruzione» si legge nella nota dei tre consiglieri provinciali.  

Pubblicità
Pubblicità

Nella nota poi i tre riassumono il percorso di Ugo Rossi nei confronti della scuola: «In una lettera datata 8 febbraio e inviata a tutti Dirigenti scolastici, – si legge  – Rossi autorizza i Dirigenti stessi, alle prese con oggettivi e imbarazzanti problemi logistici, di orario, di copertura e di formazione metodologica degli insegnanti, a derogare alle attuali previsioni normative (5 ore settimanali di disciplina in CLIL durante l’orario obbligatorio) permettendo loro l’effettuazione del CLIL durante le ore opzionali facoltative e per un massimo di due ore settimanali.  Di fatto un vero e proprio affossamento di ciò che Rossi considerava il fiore all’occhiello, il cammeo della sua legislatura». 

Sia chiaro – aggiungono Bezzi, Cia e Bottamedi –  questo Piano fa acqua da tutte le parti e il CLIL si sta rivelando non solo inutile ma anche controproducente. Il CLIL di per sé è un’ottima metodologia, ma la sua introduzione selvaggia e priva di adeguata formazione dei docenti sta portando a risultati nefasti».

I tre consiglieri poi ricordano anche le altre retromarce sulla scuola decise dal governatore Rossi:

Pubblicità
Pubblicità

– il dimezzamento delle ore opzionali alla scuola elementare (introdotto a giugno attraverso un emendamento Bottamedi e poi soppresso a dicembre con un emendamento Borga)

 l’assegnazione degli insegnanti non ad un Istituto ma ad un ambito territoriale (previa chiamata diretta del Dirigente): questa è stata la vera grande novità introdotta dalla “Buona Scuola” approvata a giugno dal Consiglio provinciale, dopo una settimana in aula tra battaglie e 14.000 emendamenti. Noi ci eravamo battuti proprio contro gli ambiti territoriali ma Rossi non era disposto a derogare su quella che lui stesso aveva definito lo snodo cruciale di quella riforma. A dicembre, in finanziaria, la retromarcia: bloccati gli ambiti e la chiamata diretta almeno fino al 2018.

pasticcio reclutamento docenti: tra ricorsi al TAR e al Consiglio di Stato e l’imbarazzante Commissariamento (deciso dal TAR e su cui si pronuncerà il Consiglio di Stato tra pochi giorni), Rossi sul reclutamento e l’assunzione dei docenti non ne ha indovinata una. Pù volte gli avevamo chiesto di copiare da Bolzano (semplificazione delle graduatorie e delle fasce e assunzione non tramite concorso ma tramite chiamata da graduatoria unica degli abilitati), ma Rossi tra concorsi, deroghe, quarta fascia e ricorsi continui non ci ha ascoltati e adesso si trova in un intricato vicolo cieco.

apertura e poi chiusura al Metodo Montessori: inizialmente favorevole al metodo Montessori, Rossi ha aperto alcune sezioni (Trento, Rovereto e recentemente Pergine), salvo chiudere adesso alla possibilità di aprire nuove sezioni, nonostante la forte richiesta di molti genitori in tutti i territori del Trentino.

Restano invece al palo alcuni nodi che Bezzi, Cia e Bottamedi considerano fondamentali:

una seria e oggettiva valutazione dei docenti che permetta di premiare chi sa meglio coinvolgere i nostri ragazzi e bambini portandoli ad un apprendimento di qualità e allontanando i pochi (ma purtroppo presenti) docenti che non sono adeguati allo svolgimento di questa delicatissima professione

una potente sforbiciata alla burocrazia che sta schiacciando e mortificando la professione docente: ormai sono più le ore che gli insegnanti sono costretti a dedicare a carte, relazioni, compilazione documenti e improduttive riunioni, che non le ore in classe dedicate ai bambini e ai ragazzi.

l’eliminazione dell’abbraccio mortale tra potere provinciale e scuola: la provincializzazione della scuola trentina ha portato anche ad una distorsione da raddrizzare: i dirigenti scolastici e gli Istituti sono alle dirette dipendenze del Dipartimento della Conoscenza e dell’Assessorato all’Istruzione (ossia della politica e del potere provinciale). E’ stato eliminato il provveditorato agli Studi, un organo tecnico che garantiva una certa imparzialità nel governo della scuola e il non condizionamento della politica sulle scelte dei dirigenti. Il Provveditore o Sovrintendente) è rimasto ovunque in Italia (Bolzano compresa) tranne che in Trentino.

Per Bezzi, Cia e Bottamedi la scuola – Titanic Trentina continua insomma a viaggiare a vista, senza timone, ormai da quasi 4 anni. «Speriamo non incontri un iceberg»termina ironicamente la nota dei 3 consiglieri provinciali 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza