Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

«Salva banche», via libera definitivo anche dalla camera.

Pubblicato

-

L’aula di Montecitorio ha dato il via libera finale al cosiddetto decreto salva-banche, recante disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio.

Il testo era già stato approvato dal Senato.

L’ok è arrivato con 246 sì, 147 no e 22 astenuti. “E’ un passo avanti per garantire più sicurezza economica a famiglie e imprese”, ha commentato il premier, Paolo Gentiloni.

Pubblicità
Pubblicità

Restano le polemiche delle opposizioni per un decreto «iniquo, confuso e inapplicabile» che «butta i soldi degli italiani», secondo Forza Italia, mentre la Lega parla di testo «estemporaneo» e che non risponde ad alcuna «strategia economica».

Poche le modifiche apportate dal Parlamento al testo originale, a partire da una maggiore diluizione dei vecchi soci e obbligazionisti di Monte dei Paschi di Siena e delle altre banche che chiederanno il sostegno pubblico. Prime indiziate le venete che, ha fatto sapere l’ad di Popolare Vicenza Fabrizio Viola, valuteranno l’ipotesi di intervento pubblico, auspicando però che non sia necessario).

Tra le principali modifiche introdotte dal Senato e confermate da Montecitorio figurano le cosiddette “liste di debitori anonime”, il tetto facoltativo al compenso dei manager e il piano di educazione finanziaria presentato nei mesi scorsi alla Camera e “recuperato” da Palazzo Madama del decreto legge “salva risparmio”. Viene quindi riaperto il termine, fino al prossimo 31 maggio, per ottenere i rimborsi previsti per gli obbligazionisti subordinati delle quattro banche poste in risoluzione.

Pubblicità
Pubblicità

Un indennizzo che potrà essere sollecitato, ed è un’altra delle modifiche introdotte in prima lettura, anche dal coniuge, dal convivente e dai parenti entro il secondo grado.

COS’È IL DECRETO SALVA BANCHE?  –  Recentemente il Governo ha varato il cosiddetto Decreto Salva Banche volto a garantire il salvataggio di 4 banche italiane in dissesto (Banca delle Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara, CariChieti).

Tali banche avevano accumulato ingenti perdite che, in prima istanza ed in modo non risolutivo, sono state assorbite dagli azionisti e dagli obbligazioni subordinati (quindi anche i risparmiatori, non solo i grandi fondi di investimento) così come previsto “Direttiva europea sulla risoluzione delle crisi bancarie”.

La soluzione adottata dal Governo per la risoluzione delle crisi prevede la separazione della parte “buona” della banca (attività di bilancio non in sofferenza) da quella “cattiva” (crediti in sofferenza). Alla “banca buona” sono state conferite tutte le attività non “in sofferenza” e le passività quali i depositi e le obbligazioni ordinarie. Il Patrimonio di Vigilanza (patrimonio netto della banca) è stato conferito dal Fondo di Risoluzione amministrato dalla Banca d’Italia alimentato con contribuzioni di tutte le banche del sistema. Le “banche buone” assumono la stessa denominazione delle banche originarie (che invece vengono poste in liquidazione) e proseguono nell’attività bancaria.

E’ stato inoltre costituita una “bad bank” in cui sono stati concentrati i prestiti in sofferenza che residuano una volta fatte assorbire le perdite dalle azioni e dalle obbligazioni subordinate e, per la parte eccedente, da un apporto del Fondo di Risoluzione. La “banca cattiva” resterà in vita con il solo obiettivo di recuperare al meglio i crediti in sofferenza.

A dire del Governo e di Banca d’Italia, il contribuente non subirà alcun costo in questo processo di salvataggio in quanto l’intero onere è posto a carico degli azionisti e degli obbligazionisti subordinati delle quattro banche e a carico del complesso del sistema bancario italiano attraverso il Fondo di Risoluzione. Il costo di tale operazione per il Fondo di risoluzione è stato di 3,6 miliardi di euro, necessari per ricapitalizzare le banche buone, assorbire le perdite delle banche in disseto e dotare le banche cattivi di un capitale minimo. E’ necessario tuttavia precisare che i versamenti effettuati dalle banche al Fondo di Risoluzione sono deducibili ai fini IRES e pertanto ridurranno il gettito fiscale proveniente dalle banche di circa 1 mld di euro.
Volendo commentare tali salvataggi ritengo che la gestione delle quattro crisi bancarie da parte delle istituzioni italiane ha sicuramente evitato l’insorgere di una crisi di fiducia dei depositanti, con possibili ripercussioni sistemiche anche su altre banche. L’alternativa a tale salvataggio appariva infatti alquanto “pericolosa”, ovvero l’attivazione del cosiddetto bail-in (copertura delle perdite a carico dei depositanti sopra a 100.000 euro) e ricorso al FITD (che avrebbe dovuto garantire il rimborso di circa 12 mld di euro ai depositanti entro i 100.000). Lo stesso FITD avrebbe tuttavia dovuto far ricorso alle contribuzioni delle banche creando pertanto possibili rischi di “contagio”.

Va infine ricordato che i risparmiatori (tra i quali, probabilmente, anche famiglie con un’inadeguata capacità di valutazione del rischio di tali strumenti finanziari) che avevano sottoscritto azioni e obbligazioni subordinate delle banche in dissesto hanno visto azzerarsi i loro investimenti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza