Connect with us
Pubblicità

Trento

Rossi e Mellarini: «Il vallo Tomo si farà, è la soluzione migliore»

Pubblicato

-

Il tanto discusso vallo-tomo s’ha da fare, a Mori.

L’ha ulteriormente affermato oggi il governo provinciale, nell’incontro che – a palazzo della Regione – ha messo al tavolo 16 consiglieri provinciali e 6 consiglieri di opposizione del Comune di Mori.

Il presidente Bruno Dorigatti ha aperto la riunione pronunciando un no deciso allo scardinamento delle istituzioni e quindi una condanna netta di gesti come quello dell’altro giorno in municipio a Mori, con l’occupazione dell’ufficio del sindaco Stefano Barozzi.

Pubblicità
Pubblicità

Cosa sono venuti dunque a dire i consiglieri comunali di minoranza moriani?

Renzo Colpo (5 Stelle), che per primo ha argomentato, ha messo sul tavolo lo studio del professor ingegner Gian Paolo Giani, che si pone in alternativa piuttosto netta con le conclusioni operative del super-consulente chiamato dalla Provincia, l’esperto internazionale professor Giovanni Barla. Colpo ha detto che il decreto di somma urgenza della Pat ha individuato soluzioni troppo spicce, che non fugano i timori dei residenti, tra i quali c’è chi ora vuole lasciare la casa per paura del diedro pericolante da 500 metri cubi, “appeso” proprio sopra la borgata. Barla – dice Colpo – certifica una pericolosità 1 del masso, che sarebbe quindi affidato a un precarissimo equilibrio tra forze contrastanti. Chi protesta chiede allora interventi immediati sul masso, per consolidarlo prima e per procedere poi a una demolizione controllata. Il vallo-tomo invece viene visto come una vera e propria disdetta, accompagnata dalla distruzione degli storici terrazzamenti, a sua volta fattore di dissesto.

I colleghi hanno aggiunto altre considerazioni di questo segno.

Bruno Bianchi (Patt): “Il vallo-tomo è enorme e sproporzionato alla dimensione del masso pericolante”.

Paola Depretto (Patt): “Condanniamo forme di protesta sopra le righe, ma critichiamo anche il metodo politico seguito dalla Provincia, che non ha condiviso le scelte e non ha valutato tutte le alternative possibili d’intervento”.

Cristiano Moiola (Patt): “Il decreto di somma urgenza è stato calato dall’alto, sottovalutando la necessità di informare e condividere con la popolazione. All’assemblea dei cittadini si è risposto con uno schieramento di agenti e Digos. Il progetto approvato sarà devastante per Mori e lascerà un marchio perenne sull’ambiente a monte dell’abitato”.

Il presidente del Consiglio comunale, Fiorenzo Marzari (Lega): “Chiedo un confronto serio tra le conclusioni di Barla e di Giani. La gente è esasperata, lunedì sera ci sarà seduta straordinaria del nostro consiglio, speriamo vada tutto bene..”.

Tra i consiglieri provinciali presenti hanno parlato Claudio Civettini e Filippo Degasperi. Il primo, da moriano ed ex presidente del Consiglio comunale, s’è detto dispiaciuto che dei consiglieri comunali abbiano collaborato con gli occupanti del municipio e quindi con gli anarchici in essi infiltrati. Ha poi ricordato che nel 2007 il consiglio moriano – Bianchi incluso – votò per il vallo-tomo addirittura a partire da Mori vecio, sulla scorta della consulenza Belloni.

Alternative serie al piano della Pat non se ne vedono e male fanno atteggiamenti contraddittori come quello del consigliere provinciale Lorenzo Baratter, che a Mori ha sostenuto una causa e in aula consiliare un’altra. Il consigliere dei 5 Stelle Degasperi ha auspicato una ricucitura tra le diverse posizioni, definendo comunque “troppo frettoloso” l’iter seguito dal governo provinciale e non particolarmente grave il fatto che un consigliere comunale sia entrato nella casa del Comune in occasione delle proteste.

Il presidente Ugo Rossi ha espresso una condanna forte e chiara per l’occupazione dell’ufficio del sindaco di Mori. Ha poi detto che il governo provinciale ha affrontato questa emergenza pensando esclusivamente alla sicurezza e all’interesse dei cittadini. L’istruttoria è stata più che seria, la voce di Barla è autorevolissima, la messa in sicurezza è già in corso d’opera e non c’è ragione di fermarla. Piena disponibilità invece a progettare tutti gli accorgimenti utili – dopo la costruzione del vallo tomo – per un mascheramento e tutte le migliorie paesaggistiche che si possono ideare, anche ricorrendo alla Scuola del paesaggio provinciale.

L’assessore competente, Tiziano Mellarini, ha dato alcune delucidazioni decisive. Uno: pensando in particolare ai residenti di via Teatro, ha detto che il diedro pericolante è sottoposto a un doppio monitoraggio, con dati precisi prodotti ogni 20 secondi. E’ altresì pronto un piano d’emergenza in caso di accelerazioni del dissesto. Due: il professor Barla ha sorvolato con l’elicottero la zona per 40 minuti e a ragion veduta ha escluso si possa effettuare un ancoraggio del masso. Tre: il vallo-tomo sarà molto esteso, certo, ma perché vuole essere una garanzia nel tempo per tutto il versante della montagna, da sempre cedevole. Quattro: i monitoraggi continueranno e saranno estesi fino a Ravazzone.

Il capo della Protezione civile trentina, l’ingegner Stefano De Vigili, affiando il presidente Rossi e l’assessore Mellarini è infine intervenuto mostrando alcuni eloquenti rendering e spiegando che allo stato attuale l’equilibrio del diedro è al limite, ma c’è, monitorato costantemente dagli uomini del Servizio geologico della Pat.

Pubblicità
Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]

Categorie

di tendenza