Connect with us
Pubblicità

Sport

Sport e leggende: Federer e Nadal come Alì e Frazier

Pubblicato

-


La Espn ha definito quella tra Muhammad Alì e Joe Frazier la più grande rivalità  sportiva di sempre. I due pugili hanno dato vita a tre match storici nel XX secolo.

Certamente nei primi 20 anni del XXI secolo la rivalità tra Federer e Nadal nel tennis può essere definita comparabile dopo la finale dell’Australian Open 2017.

I campioni dello sport di questo calibro spesso trascendono la semplice disciplina e generano emozioni anche in chi non ha passione per le competizioni sportive.

PubblicitàPubblicità

Nei confronti diretti tra i due lo spagnolo è nettamente avanti e vinse a Wimbledon 2008 quello che è stato definito il più grande match di tennis di sempre.

Quello di oggi agli Australian Open, vinto dal 35enne Roger Federer, non può essere da meno.

“Oggi mi andava bene anche perdere, purtroppo nel tennis non c’è pareggio, ma oggi lo avrei accettato. Il tour ha bisogno di Rafa”.

Queste le parole di quello che molti pensano essere il più grande di sempre nello sport con la racchetta.

Ovviamente splendide anche le parole del perdente Nadal che mai come oggi è un vincente come il suo avversario. Complimenti a Roger e al suo lavoro e l’incredibile ritorno a 35 anni.

Il momento della vittoria di Federer

Federer ha vinto il 18mo titolo del grande slam al quinto set, un territorio nel quale la sua classe ha sempre patito la forza fisica e la resistenza di Nadal.

Stavolta a 35 anni lo svizzero ha tenuto testa allo spagnolo e si è regalato il successo per 3-2.

Ovviamente nell’era della tecnologia il punto decisivo dei Championships a Melbourne non poteva che essere deciso dall’occhio di falco. Hawkeye.

https://www.youtube.com/watch?v=HD4TAiAFyz0

E poi sono soltanto applausi e addirittura lacrime per Re Roger che, per primo tra tutti, mai si sarebbe aspettato un ritorno del genere.

Il pianto di Federer

Soltanto sei mesi fa i due rivali erano infortunati e dati per finiti. Anche Nadal ha superato i 30 e ha sottoposto il suo corpo a uno stress pazzesco.

Ma i campioni non muiono mai e anche se oggi il tennis è dominato più dai fenomeni Djokovic e Murray, niente si avvicina a Federer e Nadal.

Dietro i Fab Four non sembrano esserci giovani degni di sostituirli all’orizzonte. E per ora va benissimo così.

Onestamente tutti sperano di vedere altri 20 anni di Federer e Nadal: i fans, i tennisti, gli sponsor, le tv.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Dolomiti Energia, domani al PalaRadi di Cremona si apre il girone di ritorno

Pubblicato

-


La Dolomiti Energia Trentino apre al PalaRadi di Cremona domani (20 gennaio) alle 20.45 il proprio girone di ritorno: reduci dalla bruciante sconfitta all’ultimo respiro contro Brindisi, i bianconeri vogliono reagire immediatamente provando ad espugnare il campo di una della grandi rivelazioni della Serie A 2018-19.

Per farlo, coach Buscaglia potrà contare su un Dustin Hogue ristabilito dalla tonsillite che lo aveva limitato nel match contro i pugliesi e nella settimana di allenamenti precedente: qualche dubbio in più sul possibile impiego di Nikola Jovanovic, che dopo la distorsione alla caviglia sinistra rimediata nel giorno del suo venticinquesimo compleanno al Forum contro Milano ha ripreso solo ieri ad allenarsi con il gruppo.

88,9 punti segnati di media, quasi 11 triple a bersaglio ogni sera tirando con oltre il 35% dalla linea dei 6.75: l’attacco della Vanoli Cremona non ha bisogno di tante altre parole per essere descritto.

Pubblicità
Pubblicità

La squadra di coach Meo Sacchetti ha cominciato la stagione alla grande, aggiornando il proprio record di punti al termine del girone d’andata (20, frutto di un ruolino di marcia da 10 vittorie e 5 sconfitte) e qualificandosi di slancio alla Coppa Italia dove promette scintille.

I lombardi sono stati capaci anche di una prestazione da 122 punti segnati (a Pesaro), e in generale hanno mostrato un’invidiabile continuità di rendimento. Pur dovendo fare a meno del proprio miglior marcatore, Drew Crawford, la Vanoli non ha dato segnali di rallentamento, anzi ha chiuso il girone d’andata con tre vittorie nelle ultime quattro partite.

I precedenti fra Trento e Cremona hanno spesso dato vita a match indimenticabili, nel bene e nel male: fra gli episodi più memorabili, un successo bianconero per 116-114 dopo tre tempi supplementari nel 2014 (26 punti e 12 rimbalzi di Pascolo), e uno nel’ottobre 2015 al PalaRadi rimontando dal meno 33, 58-25, di metà terzo periodo con i tiri “ignoranti” di Poeta, Sanders e Wright.

E la “prima” di quest’anno non è stata da meno: vittoria della Vanoli 99-104 dopo due tempi supplementari nonostante i 19 punti e 7 assist di Nikola Radičević. Complessivamente il conto dei precedenti dice sette vittorie della Dolomiti Energia su nove incontri.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Superlega, domani il remake della finale mondiale fra Itas Trentino e Lube Civitanova

Pubblicato

-


Si gioca in questo fine settimana il diciottesimo turno di regular season SuperLega Credem Banca 2018/19, il quinto del girone di ritorno.

L’Itas Trentino sarà protagonista del big match di giornata contro la Cucine Lube Civitanova (remake della recente Finale del Mondiale per Club 2018), che verrà giocato alla BLM Group Arena domenica 20 gennaio.

Fischio d’inizio programmato per le ore 18: diretta su RAI Sport + HD.

Pubblicità
Pubblicità

Quarantanove giorni dopo il trionfo iridato di Czestochowa, Giannelli e compagni tornano a misurarsi con i marchigiani, con l’obiettivo di difendere il primato in classifica guadagnato nel frattempo e l’imbattibilità interna stagionale.

La squadra di Lorenzetti arriva a questo appuntamento in un momento eccellente, come dimostrano la striscia ancora aperta di ventun vittorie consecutive fra Campionato, Mondiale e Coppa CEV e il filotto di affermazioni casalinghe, arrivato a quota dodici.

Entrambe le serie sono iniziate, guarda caso, dopo una sconfitta con la Lube che è stata quindi l’ultima ad imporre lo stop ai gialloblù (4 novembre, gara d’andata) e a vincere alla BLM Group Arena (lo scorso 12 aprile, nel ritorno dei Playoffs 6 di Champions League).

“E’ indubbiamente una partita importante – ha ammesso l’allenatore Angelo Lorenzetti in sede di presentazione – , perché potrà lasciare un segno sotto tanti aspetti. La Cucine Lube che martedì ha vinto in Polonia sul campo del Kedzierzyn-Kozle in Champions League ha dimostrato di essere cresciuta molto nell’ultimo periodo, raggiungendo il valore assoluto che ad inizio stagione era facile pronosticarle. Sappiamo perfettamente quindi che tipo di squadra ci troveremo di fronte e dovremo essere bravi ad opporci in maniera adeguata ma, al tempo stesso, convinta e serena. Vorrei che uscissimo da questo impegno con un ricordo positivo, ma anche dopo aver messo sul campo la giusta dose di agonismo, che ci prepari nel migliore dei modi ai tempi ed importanti impegni che ci attenderanno successivamente. Il servizio di Civitanova sa pungere gli avversari con regolarità; dovremo essere bravi a non soffrire tecnicamente in ricezione”.

L’allenatore potrà contare sull’intera rosa di tredici giocatori, che completeranno la preparazione alla BLM Group Arena con gli allenamenti nel pomeriggio odierno e nella mattinata di domenica. In questa circostanza Trentino Volley giocherà la 792a partita della sua storia e andrà a caccia della 553a vittoria assoluta, che possa respingere l’assalto di Perugia (impegnata a Siena) al primo posto: attualmente ne conta 287 in casa e 264 in trasferta.

L’impianto di via Fersina ha già fatto registrare, per la terza volta stagionale dopo gli incontri con Modena e Perugia, il “sold out”. Domenica le casse dell’impianto saranno pertanto attive a partire dalle ore 16.30, solo per il ritiro accrediti, mentre alle 16.55 verranno aperti gli ingressi.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Mezzocorona chiamato alla vittoria: al PalaFornai c’è l’Oderzo

Pubblicato

-


Chance di grande importanza per la Pallamano Metallsider Mezzocorona che, superato il giro di boa del campionato di Serie A2, comincia il girone di ritorno con una sfida delicatissima.

Al PalaFornai di Mezzocorona arrivano infatti i veneti dell’Oderzo, attualmente fanalino di coda della classifica in solitaria a quota 4 punti.

Una sfida delicatissima per la Metallsider: un match che costituisce un crocevia decisivo per la stagione.

PubblicitàPubblicità

In coabitazione con Crenna ed HMT a quota 6 lunghezze, al penultimo posto, Mezzocorona deve assolutamente sfruttare i match casalinghi per portarsi lontana dalla zona calda della retrocessione.

Obiettivo quindi portare a casa i due punti per Mittersteiner e compagni, che salirebbero a quota 8 e potrebbero così respirare una buona aria in graduatoria.

Non sarà facile riprendere la stagione (i rotaliani sabato scorso hanno riposato, mentre il resto del campionato è sceso in campo) con una sfida così delicata: occorre oliare da subito i meccanismi per conquistare una vittoria tutta da costruire.

Fischio d’inizio previsto alle ore 19.00 per un match salvezza che si preannuncia infuocato: arbitrano i sig. Plotegher e Niederwieser.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza