Connect with us
Pubblicità

Trento

Claudio Cia rinuncia al rimborso di 37 mila euro per il caso «firme false»

Pubblicato

-

In seguito ad articoli apparsi sui quotidiani locali qualche settimana fa, nella mattinata, attraverso una conferenza stampa il consigliere Claudio Cia ha comunicato la sua scelta di non procedere oltre con la richiesta di rimborso al Consiglio Provinciale, per le spese legali di oltre 37mila euro che ha dovuto sostenere per la sua difesa nel procedimento che mi lo visto dapprima imputato e poi assolto per il reato di cui all’art.90 del DPR 570/1960 relativo alla falsa formazione delle liste elettorali riguardanti le elezioni comunali del maggio 2015.

Secondo il Regolamento sul trattamento economico dei consiglieri e sugli interventi a favore dei gruppi consiliari, per quanto riguarda il Rimborso delle spese legali” è definito che: Il Consiglio rimborsa ai consiglieri provinciali che non sono anche componenti della Giunta provinciale le spese legali sostenute per la loro difesa in ogni tipo di giudizio, quando sono stati coinvolti per fatti o atti connessi all’adempimento del loro mandato o all’esercizio delle loro funzioni, se sono stati assolti con sentenza passata in giudicato, prosciolti in istruttoria o comunque non sono risultati soccombenti…”.

È previsto dalla legge che i consiglieri provinciali possano autenticare le firme di presentazione delle liste elettorali, previa autorizzazione del Presidente della Giunta provinciale, «e in quella specifica occasione avevo operato secondo la facoltà e nelle funzioni attribuitemi dal Presidente. In altre parole, se non fossi stato Consigliere non avrei potuto raccogliere quelle sottoscrizioni e quindi non sarei stato tirato in ballo nella vicenda legale in oggetto»ricorda Claudio Cia

Pubblicità
Pubblicità

La presidenza ha valutato invece l’autenticazione delle firme come non rientrante nelle funzioni del consigliere provinciale, confermando una linea “prudenziale” per evitare il rischio che un domani la Corte dei Conti possa contestare l’esborso. «Significa che se volessi ottenere quanto da regolamento mi spetterebbe, – sottolinea il consigliere provinciale Claudio Cia – dovrei ricorrere al TAR, dalla cui decisione dipenderebbe poi il comportamento del Consiglio».

Ma Claudio Cia non farà nessun ricorso al TAR rinunciando così al rimborso dei 37 mila euro. «Non lo farò – precisa lo stesso Cia – perché ulteriori spese e perdita di tempo sono del tutto incompatibili con l’impegno che sto profondendo nell’attività consiliare istituzionale e per la crescita del movimento AGIRE che ho contribuito a far nascere.

L’accanirmi perché mi venga riconosciuto un diritto, sarebbe oltretutto un’azione in contrasto con il mio modo di stare in politica. Ho sempre rinunciato infatti a qualunque tipo di rimborso, eccetto quanto detto sopra, per dare un preciso segnale di sobrietà, non per particolari meriti personali, ma perché questo è il mio stile, nonché il mio modo di mantenere fede agli impegni verso chi mi ha scelto come rappresentante».

Pubblicità
Pubblicità

Giusto ricordare che a suo tempo quando Claudio Cia fu rinviato a giudizio la sua scelta fu quella di non patteggiare o intraprendere altre scorciatoie per il “caso firme” forte delle sue convinzioni, «proprio per non pagare per qualcosa che non avevo fatto; mi resta quindi una notevole amarezza di dover ammettere che spesso in Italia, essere colpevoli o innocenti è indifferente, perché tanto ti ritrovi a pagare in ogni caso. Vale comunque più delle parcelle la soddisfazione dell’assoluzione che ha riconosciuto la mia rettitudine e la mia onestà»! – conclude Cia

Parcella Avvocato Pajar 

Decreto presidente della provincia per l’autentificazione delle firme per fini elettorali

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza