Connect with us
Pubblicità

Trento

Claudio Cia rinuncia al rimborso di 37 mila euro per il caso «firme false»

Pubblicato

-

In seguito ad articoli apparsi sui quotidiani locali qualche settimana fa, nella mattinata, attraverso una conferenza stampa il consigliere Claudio Cia ha comunicato la sua scelta di non procedere oltre con la richiesta di rimborso al Consiglio Provinciale, per le spese legali di oltre 37mila euro che ha dovuto sostenere per la sua difesa nel procedimento che mi lo visto dapprima imputato e poi assolto per il reato di cui all’art.90 del DPR 570/1960 relativo alla falsa formazione delle liste elettorali riguardanti le elezioni comunali del maggio 2015.

Secondo il Regolamento sul trattamento economico dei consiglieri e sugli interventi a favore dei gruppi consiliari, per quanto riguarda il Rimborso delle spese legali” è definito che: Il Consiglio rimborsa ai consiglieri provinciali che non sono anche componenti della Giunta provinciale le spese legali sostenute per la loro difesa in ogni tipo di giudizio, quando sono stati coinvolti per fatti o atti connessi all’adempimento del loro mandato o all’esercizio delle loro funzioni, se sono stati assolti con sentenza passata in giudicato, prosciolti in istruttoria o comunque non sono risultati soccombenti…”.

È previsto dalla legge che i consiglieri provinciali possano autenticare le firme di presentazione delle liste elettorali, previa autorizzazione del Presidente della Giunta provinciale, «e in quella specifica occasione avevo operato secondo la facoltà e nelle funzioni attribuitemi dal Presidente. In altre parole, se non fossi stato Consigliere non avrei potuto raccogliere quelle sottoscrizioni e quindi non sarei stato tirato in ballo nella vicenda legale in oggetto»ricorda Claudio Cia

Pubblicità
Pubblicità

La presidenza ha valutato invece l’autenticazione delle firme come non rientrante nelle funzioni del consigliere provinciale, confermando una linea “prudenziale” per evitare il rischio che un domani la Corte dei Conti possa contestare l’esborso. «Significa che se volessi ottenere quanto da regolamento mi spetterebbe, – sottolinea il consigliere provinciale Claudio Cia – dovrei ricorrere al TAR, dalla cui decisione dipenderebbe poi il comportamento del Consiglio».

Ma Claudio Cia non farà nessun ricorso al TAR rinunciando così al rimborso dei 37 mila euro. «Non lo farò – precisa lo stesso Cia – perché ulteriori spese e perdita di tempo sono del tutto incompatibili con l’impegno che sto profondendo nell’attività consiliare istituzionale e per la crescita del movimento AGIRE che ho contribuito a far nascere.

L’accanirmi perché mi venga riconosciuto un diritto, sarebbe oltretutto un’azione in contrasto con il mio modo di stare in politica. Ho sempre rinunciato infatti a qualunque tipo di rimborso, eccetto quanto detto sopra, per dare un preciso segnale di sobrietà, non per particolari meriti personali, ma perché questo è il mio stile, nonché il mio modo di mantenere fede agli impegni verso chi mi ha scelto come rappresentante».

Pubblicità
Pubblicità

Giusto ricordare che a suo tempo quando Claudio Cia fu rinviato a giudizio la sua scelta fu quella di non patteggiare o intraprendere altre scorciatoie per il “caso firme” forte delle sue convinzioni, «proprio per non pagare per qualcosa che non avevo fatto; mi resta quindi una notevole amarezza di dover ammettere che spesso in Italia, essere colpevoli o innocenti è indifferente, perché tanto ti ritrovi a pagare in ogni caso. Vale comunque più delle parcelle la soddisfazione dell’assoluzione che ha riconosciuto la mia rettitudine e la mia onestà»! – conclude Cia

Parcella Avvocato Pajar 

Decreto presidente della provincia per l’autentificazione delle firme per fini elettorali

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza