Connect with us
Pubblicità

L'interrogazione

L’accoglienza trentina finisce sotto il Ponte di Ravina.

Pubblicato

-


Il consigliere provinciale di Agire Claudio Cia presenta un’interrogazione alla giunta provinciale.

Il tema è quello dell’accoglienza, nello specifico quella avuta a pochi passi della città da un gruppo di migranti.

Il luogo indicato dista a pochi passi dalla città, scendendo al di là dell’Adige sotto un ponte autostradale all’altezza del CRM di Ravina e si raggiunge con una passeggiata da incubo.

Pubblicità
Pubblicità

L’argomento riguarda sempre i richiedenti asilo, ma quelli però a cui non viene riconosciuto nessuno status di profugo (la maggioranza) e che quindi vengono fatti uscire dalle cooperative e dal percorso di accoglienza.

Cia nella sua interrogazione chiede quali politiche la provincia intende avviare per prevenire simili situazioni in ricoveri di fortuna, quanti sono in totale i profughi arrivati nel nostro territorio, quanti di questi hanno inoltrato domanda di asilo, quante sono le domande accolte e quante quelle respinte.

Il consigliere di Agire chiede anche quale sia il destino dei profughi a cui non è stato riconosciuto lo status di rifugiato, e se la giunta sappia indicare quanti di questi sono ancora presenti sul nostro territorio. Infine viene anche richiesto se la giunta provinciale non ritenga che questa politica dell’accoglienza, così come la vediamo portare avanti, stia alimentando aspettative, miseria, degrado e sia preludio di potenziali conflitti sociali.

Pubblicità
Pubblicità

Purtroppo prima di arrivare al ricovero di fortuna sotto il ponte di Ravina si trova di tutto. Un sentiero tra le sterpaglie e i rovi, ci fa imbattere in oggetti abbandonati di ogni sorta, lo specchietto retrovisore di una super car, immondizia sparsa, un bidet, oggetti per la toilette personale, dentifricio e spazzolino, abbandonati da qualcuno che non ha rinunciato a defecare dopo essersi lavato i denti.

Tracce che vanno via via aumentando e ci portano a un vero e proprio insediamento umano, un villaggio fantasma di giorno, ma certamente abitato di notte, alla luce fioca di qualche piccola lampada a gas. Il dolce scroscio di una piccola roggia rende più sopportabile il tanfo dell’acqua marcia che scorre verso il fiume.

Si arriva così alla dependance sotto il ponte, con panni a stendere su corde tese che li salvano dalle nutrie. Materassi a formare giacigli sui quali non metteremmo a riposare neppure il nostro cane, due, tre, cinque, altri cartoni in terra, già alcove di disperati.

Sacchi di plastica a custodire indumenti, misere masserizie, utili a sopravvivere nella più totale miseria. Chi viva qui è facile intuirlo: sono quei migranti che non hanno ricevuto lo status di rifugiati e, dopo mesi di inutile attesa in qualche centro di accoglienza, si sono dispersi e dati alla macchia trovando in un ponte l’unico tetto possibile.

Un’interrogazione dell’estate scorsa di Claudio Cia chiedeva, constatando che la maggior parte delle persone che accogliamo in Trentino non hanno diritto allo status di rifugiati, cosa facciano queste persone in Trentino? Come si mantengono? L’Assessore Zeni scriveva nella sua risposta che “le persone richiedenti protezione internazionale a cui non sia concesso alcun tipo di riconoscimento non hanno più titolo per rimanere sul territorio dello Stato italiano e quindi non hanno alcuna prospettiva in proposito”. «Vero – afferma Cia – non hanno più titolo, ma con questo non significa che se ne vadano».

«Non spariscono, – aggiunge ancora Claudio Cia – anche se noi possiamo far finta che non esistano. Che cosa facciamo per queste persone? Che cosa vuol dire per noi accoglienza se tolleriamo situazioni di questo tipo? O vogliamo inserire anche quei giacigli nel novero dell’offerta turistica del Trentino? Di certo quei “turisti” non lasceranno alcun commento su Trip Advisor per la nostra provincia, ma pesa come un macigno sulla nostra coscienza politica sapere di situazioni del genere a un passo dalla città e con vista sul nuovo quartiere dell’archistar Renzo Piano».

Pubblicità
Pubblicità

Il video della situazione di estremo degrado citata nell’interrogazione da Claudio Cia

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza