Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Donald Trump, il presidente «amico di Israele»

Pubblicato

-

Il passaggio di consegne tra Barack Obama e Donald Trump, tra meno di due settimane, potrebbe segnare l’inizio di una nuova luna di miele nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele

Il condizionale è d’obbligo, perché sulla questione dei rapporti con Israele, come su tante altre questioni, Donald Trump ha manifestato un discreto grado di imprevedibilità.

Nella prima fase della sua corsa per la Casa Bianca, infatti, l’allora candidato repubblicano si disse favorevole a una politica imparziale nei confronti di Israele, promettendo di comportarsi da onesto intermediario nei negoziati tra israeliani e palestinesi. Una posizione distante dal tradizionale sostegno incondizionato a Israele che ha caratterizzato negli anni la linea del Partito Repubblicano.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta vinte le elezioni, però, Donald Trump ha lanciato una raffica di messaggi d’amore all’attuale amministrazione israeliana, guidata da Benjamin Netanyahu, il secondo primo ministro più longevo nella storia di Israele.

Per cominciare, il presidente eletto ha nominato ambasciatore in Israele David Friedman, avvocato specializzato in fallimenti, figlio di un rabbino di Long Island e suo consigliere senior per gli affari con Israele durante la campagna elettorale. Friedman, che peraltro è privo di esperienza diplomatica, si è fatto notare già in campagna elettorale per una serie di uscite in linea con le posizioni degli elementi più estremi della destra israeliana al potere.

Ad esempio, ha detto di considerare legali gli insediamenti israeliani in Cisgiordania – posizione opposta a quella della comunità internazionale e alla linea adottata dalla Casa Bianca dal 1967 – anno di inizio dell’occupazione – ad oggi. A tal proposito, Friedman ha anche dichiarato che Trump sosterrebbe l’annessione israeliana di parti della Cisgiordania e ha bollato gli ebrei che appoggiano la soluzione dei due stati – uno israeliano e uno palestinese – “peggio dei kapò”.

Pubblicità
Pubblicità

La prima dichiarazione del futuro ambasciatore, poi, ha fatto gelare il sangue ai sostenitori del processo di pace israelo-palestinese. Dopo la nomina di Trump, Friedman ha dichiarato di non vedere l’ora di lavorare “all’ambasciata Usa nella capitale eterna di Israele, Gerusalemme”. Una dichiarazione che rischia di mandare a gambe all’aria il processo di pace e far esplodere il conflitto nella regione, dato che anche i palestinesi reclamano Gerusalemme come la capitale del loro stato. Va comunque ricordato che anche Clinton e Bush avevano fatto la stessa promessa, senza però poi riuscire a mantenerla.

La scelta di Friedman non è l’unica a gettare ombra sul futuro della regione. A tal proposito, anche la nomina di Jason Greenblatt a rappresentante speciale per i negoziati internazionali ha destato alcune perplessità tra gli addetti ai lavori. Greenblatt, avvocato specializzato in questioni immobiliari, ha pochissima esperienza di diplomazia internazionale e, come Friedman, sostiene a spada tratta la costruzione di nuovi insediamenti da parte di Israele in Cisgiordania. “Trump non crede certamente che gli insediamenti dovrebbero essere condannati e che siano un ostacolo per la pace, perché non sono un ostacolo per la pace”, ha dichiarato Greenblatt.

Ma il bacio mortale con cui Trump si è avvinghiato prematuramente a Israele, ancor prima di assumere le funzioni di presidente, è un altro e, cioè, la sceneggiata con cui ha tentato di bloccare la storica risoluzione delle Nazioni Unite di fine anno che ha denunciato la costruzione di nuovi insediamenti ebraici in Cisgiordania, perché considerati un ostacolo alla pace. Risoluzione che il presidente eletto ha prima tentato di bloccare – facendo pressione sul presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi – e, poi, una volta approvata, ha attaccato duramente, dichiarando che le Nazioni Unite si sarebbero ridotte a un “club dove fare chiacchiere e divertirsi.

L’attaccamento di Trump alla causa di Israele è, in realtà, anche e forse, soprattutto, un affare di famiglia. Come dimenticare che la figlia, Ivanka, si è convertita all’ebraismo sposando l’impresario Jared Kushner, ebreo ortodosso che pratica con rigore la sua fede e che è uno dei consiglieri chiave del neo-eletto presidente?

L’incondizionato sostegno di Trump, se si tradurrà dalle parole ai fatti, rischia però, paradossalmente, di trascinare Israele in un baratro. Sicura del sostegno americano, la destra israeliana, ormai a briglia sciolta e prigioniera dai suoi elementi più estremisti, si sentirà ancora più legittimata a portare avanti quello che il resto del mondo considera un vero e propio apartheid. E così farà terra bruciata intorno a sé, trasformando una realtà (ancora) democratica in uno stato canaglia.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza