Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Donald Trump, il presidente «amico di Israele»

Pubblicato

-

Il passaggio di consegne tra Barack Obama e Donald Trump, tra meno di due settimane, potrebbe segnare l’inizio di una nuova luna di miele nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele

Il condizionale è d’obbligo, perché sulla questione dei rapporti con Israele, come su tante altre questioni, Donald Trump ha manifestato un discreto grado di imprevedibilità.

Nella prima fase della sua corsa per la Casa Bianca, infatti, l’allora candidato repubblicano si disse favorevole a una politica imparziale nei confronti di Israele, promettendo di comportarsi da onesto intermediario nei negoziati tra israeliani e palestinesi. Una posizione distante dal tradizionale sostegno incondizionato a Israele che ha caratterizzato negli anni la linea del Partito Repubblicano.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta vinte le elezioni, però, Donald Trump ha lanciato una raffica di messaggi d’amore all’attuale amministrazione israeliana, guidata da Benjamin Netanyahu, il secondo primo ministro più longevo nella storia di Israele.

Per cominciare, il presidente eletto ha nominato ambasciatore in Israele David Friedman, avvocato specializzato in fallimenti, figlio di un rabbino di Long Island e suo consigliere senior per gli affari con Israele durante la campagna elettorale. Friedman, che peraltro è privo di esperienza diplomatica, si è fatto notare già in campagna elettorale per una serie di uscite in linea con le posizioni degli elementi più estremi della destra israeliana al potere.

Ad esempio, ha detto di considerare legali gli insediamenti israeliani in Cisgiordania – posizione opposta a quella della comunità internazionale e alla linea adottata dalla Casa Bianca dal 1967 – anno di inizio dell’occupazione – ad oggi. A tal proposito, Friedman ha anche dichiarato che Trump sosterrebbe l’annessione israeliana di parti della Cisgiordania e ha bollato gli ebrei che appoggiano la soluzione dei due stati – uno israeliano e uno palestinese – “peggio dei kapò”.

Pubblicità
Pubblicità

La prima dichiarazione del futuro ambasciatore, poi, ha fatto gelare il sangue ai sostenitori del processo di pace israelo-palestinese. Dopo la nomina di Trump, Friedman ha dichiarato di non vedere l’ora di lavorare “all’ambasciata Usa nella capitale eterna di Israele, Gerusalemme”. Una dichiarazione che rischia di mandare a gambe all’aria il processo di pace e far esplodere il conflitto nella regione, dato che anche i palestinesi reclamano Gerusalemme come la capitale del loro stato. Va comunque ricordato che anche Clinton e Bush avevano fatto la stessa promessa, senza però poi riuscire a mantenerla.

La scelta di Friedman non è l’unica a gettare ombra sul futuro della regione. A tal proposito, anche la nomina di Jason Greenblatt a rappresentante speciale per i negoziati internazionali ha destato alcune perplessità tra gli addetti ai lavori. Greenblatt, avvocato specializzato in questioni immobiliari, ha pochissima esperienza di diplomazia internazionale e, come Friedman, sostiene a spada tratta la costruzione di nuovi insediamenti da parte di Israele in Cisgiordania. “Trump non crede certamente che gli insediamenti dovrebbero essere condannati e che siano un ostacolo per la pace, perché non sono un ostacolo per la pace”, ha dichiarato Greenblatt.

Ma il bacio mortale con cui Trump si è avvinghiato prematuramente a Israele, ancor prima di assumere le funzioni di presidente, è un altro e, cioè, la sceneggiata con cui ha tentato di bloccare la storica risoluzione delle Nazioni Unite di fine anno che ha denunciato la costruzione di nuovi insediamenti ebraici in Cisgiordania, perché considerati un ostacolo alla pace. Risoluzione che il presidente eletto ha prima tentato di bloccare – facendo pressione sul presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi – e, poi, una volta approvata, ha attaccato duramente, dichiarando che le Nazioni Unite si sarebbero ridotte a un “club dove fare chiacchiere e divertirsi.

L’attaccamento di Trump alla causa di Israele è, in realtà, anche e forse, soprattutto, un affare di famiglia. Come dimenticare che la figlia, Ivanka, si è convertita all’ebraismo sposando l’impresario Jared Kushner, ebreo ortodosso che pratica con rigore la sua fede e che è uno dei consiglieri chiave del neo-eletto presidente?

L’incondizionato sostegno di Trump, se si tradurrà dalle parole ai fatti, rischia però, paradossalmente, di trascinare Israele in un baratro. Sicura del sostegno americano, la destra israeliana, ormai a briglia sciolta e prigioniera dai suoi elementi più estremisti, si sentirà ancora più legittimata a portare avanti quello che il resto del mondo considera un vero e propio apartheid. E così farà terra bruciata intorno a sé, trasformando una realtà (ancora) democratica in uno stato canaglia.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona
    Da qualche giorno è stato varato dal Governo un bonus , il reddito di libertà destinato alle donne vittima di violenza. Reddito di Libertà, cos’è Si tratta di un una misura molto attesa visto che... The post Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo
    Con l’arrivo della stagione estiva l’attenzione è puntata verso il turismo. Per questo, al fine di stimolare gli spostamenti, il Decreto Sostegni Bis prevede finanziamenti alle Regioni destinati al rimborso delle spese mediche ai turisti.... The post Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla
    Con la pandemia è emersa l’esigenza di trovare una nuova organizzazione del lavoro che cercasse di riadattare l’esperienza, trasferendo fuori dalla sede operativa la maggior parte delle attività lavorative. Questo processo ha iniziato a delineare... The post Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla appeared first […]
  • Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce
    Il particolare periodo storico ha spinto molte attività a cercare soluzioni alternative per la vendita dei propri prodotti, una di queste è sicuramente l’apertura delle vetrina digitale con le vendita online. Qualsiasi imprenditore desideri aumentare... The post Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis
    Nei contributi a fondo perduto previsti dal Bonus affitto 2021 sono previsti nuovi beneficiari grazie all’ampliamento della platea dettata dal Decreto Sostegni Bis. Bonus affitto 2021, come funziona Definito dal Decreto Rilancio, il bonus affitto... The post Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis appeared first on Benessere Economico.
  • Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro
    La Commissione Europea sta lavorando ad un pacchetto di norme che limiterebbe la circolazione di contanti nei Paesi membri. Il pacchetto che potrebbe entrare in vigore nel 2024, propone di fissare in tutta Europa un... The post Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • In Italia arriva la prima Beach SPA marina: un’offerta turistica naturale e consapevole
    Gli elementi naturali caratteristici della spiaggia del Salento legati all’acqua salina del mare e all’aria estiva, diventano dei veri percorsi benessere all’interno di una spa che nasce direttamente sulla costa, in spiaggia, all’aria aperta. Un’idea unica per chi ama il mare e l’aria aperta, ma non vuole perdere tutte le conseguenze rigenerati e vitalizzanti tipiche […]
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]

Categorie

di tendenza