Connect with us
Pubblicità

Trento

Finanziaria: approvati 24 ordini del giorno, 6 respinti

Pubblicato

-

Il Consiglio provinciale ha concluso la discussione degli ordini del giorno legati alla manovra finanziaria.

Sono stati approvati 24 ordini del giorno e 6 sono stati respinti.

I lavori proseguono oggi a partire dalle ore 9.00 alla ricerca di un’intesa sugli emendamenti per poi procedere con l’esame degli articoli.

Pubblicità
Pubblicità

Terminata la discussione degli ordini del giorno, il presidente Dorigatti ha comunicato che sono 8227 gli emendamenti depositati alla manovra finanziaria.

E ha consegnato ai consiglieri copia di quelli giudicati non ammissibili (complessivamente circa 450) per vari motivi: perché non correttamente formulati, non innovativi, privi di copertura finanziaria, contrari al regolamento interno o infine non conformi al regolamento in materia di contabilità. La seduta è quindi stata sospesa per mezz’ora in modo da permettere un confronto e una valutazione su come affrontare i lavori.

Ieri in aula del consiglio si sono presentati gli ex operati licenziati della whirlpool, «per tenere alta l’attenzione sul problema della disoccupazione» – spiega un delegato.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco nello specifico gli ordini del giorno discussi ieri in aula. 

Odg n. 3, Violetta Plotegher (Pd) – Sostegno ai parti a domicilio.

Approvato – con 1 no e 3 astenuti e con il benestare della Giunta – il testo che impegna a verificare un aumento del concorso spese riconosciuto alle donne per l’assistenza ostetrica e la prima visita pediatrica in libera professione, in occasione del parto a domicilio.

Odg n. 7, Gianpiero Passamani (Upt). – Via le fidejussioni richieste alle p.m.i.

L’idea è di sostenere l’incremento della patrimonializzazione delle aziende; di liquidare in unica soluzione e fino a 50 mila euro i contributi della l.p. 6/1999 e di trovare nuovi modi per erogare gli incentivi alle imprese innovative e alle start up, evitando l’onere di fidejussioni. Il presidente Rossi ha concordato questa versione del dispositivo e ha dato via libera. Rispondendo a domanda di Civettini, ha chiarito che una garanzia la Pat dovrà pure pretenderla, si tratta di cercare alternative alla pratica onerosa della fidejussione. Il voto: aula favorevole, con 1 astenuto.

Odg n. 8, Gianpiero Passamani (Upt). – Via l’anticipo Imis se la tassa non è dovuta

Si vuole spingere verso l’adeguamento dei regolamenti comunali per introdurre la possibilità di declassare un’area ed esonerarla dal versamento anticipato dell’Imis, risolvendo casi in cui si impone l’anticipo di una tassa di fatto non dovuta. Il voto: testo approvato con 3 astenuti, 2 non partecipano al voto, tra cui Civettini che ha chiesto e non ottenuto chiarimenti.

Odg n. 12, Giacomo Bezzi (Forza Italia). – Centro accademico dentro la colonia Pavese.

Il consigliere ha avanzato un’idea per il futuro della parte ancora dismessa del grande complesso in fascia lago a Torbole: un centro accademico legato a turismo e sport. Testo respinto. Voto: 13 sì, 20 no, 1 astenuto.

Odg n. 13, Giacomo Bezzi (Forza Italia). – Impianto per lo sport in acqua mossa in val di Sole – 

La proposta: finanziare il progetto “Acqua Bianca” per un impianto fluviale per lo sport in acqua mossa in valle di Sole. Voto sulla premessa: unanimità. Voto sul punto 1: unanimità. Voto sul punto 2: 20 no, 12 sì. Respinto quindi

Odg n. 14, Giacomo Bezzi (Forza Italia). – Esenzione Imis per immobili commerciali sfitti

Si proponeva di esentare dall’Imis gli immobili commerciali che restano sfitti a causa della crisi. No dell’assessore Carlo Daldoss. Testo bocciato con 21 no e 12 sì.

Odg n. 18, Graziano Lozzer (Patt). – Contributi per lo sfalcio dei prati fuori confine

Il testo inizialmente prevedeva di estendere i contributi per lo sfalcio dei prati anche ai contadini residenti con la propria azienda in Trentino, ma con terreni catastalmente in provincia di Bolzano. L’assessore Dallapiccola ha ottenuto una modifica del dispositivo, che ora prevede la soluzione al caso attraverso convenzione tra le due Province. Sono intervenuti Civettini, Zanon, Fasanelli, e Borga ed è stato invano chiesto di garantire lo stesso percorso anche per i confinanti con il Veneto e la Lombardia. Il voto: 21 sì, 7 no, 3 astenuti, 2 non hanno partecipato al voto. Approvato

Odg n. 19, Manuela Bottamedi (Gruppo Misto). – Meno burocrazia per le piccole imprese agricole

L’istanza è quella di semplificare gli adempimenti burocratici per le piccole aziende agricole, di semplificare in particolare le autorizzazioni a produrre pane con propri cereali e di valorizzare il settore agroalimentare. Il testo, emendato, è passato all’unanimità.

Odg n. 20, Manuela Bottamedi (Gruppo Misto). – Ristrutturazione delle scuole malconce

L’impegno proposto: destinare periodicamente quote di finanziamento per la ristrutturazione degli edifici scolastici male in arnese o non a norma, con ricognizione periodica delle urgenze. Parere negativo del presidente Rossi alla premessa, “perché la costellazione di scuole da terremotati in Trentino non c’è”, e via libera al dispositivo. Bottamedi ha replicato a Rossi che la scuola media di Mori è stata votata in un importante sito internet di settore come la più brutta scuola d’Italia (il presidente ha subito replicato che sono già stanziate le somme per sistemarla). Il voto: no per 22 a 11 alla premessa; 1 solo no sul dispositivo.

Odg n. 21, Manuela Bottamedi (Gruppo Misto). – Esuberi Sait, ogni azione utile va messa in campo

Il testo – approvato all’unanimità – è stato rivisto assieme all’assessore Mellarini e ora dice di “percorrere tutte le vie possibili per concertare con Sait ogni azione utile a evitare o limitare i licenziamenti annunciati”. Ancora, promuove iniziative per il ricollocamento dei lavoratori espulsi, possibilmente dentro lo stesso consorzio; infine la verifica del corretto utilizzo dei fondi assegnati dalla Pat a Sait. Bezzi ha plaudito a questo impegno, ha criticato la scelta Sait di chiamare un nuovo direttore di fatto per procedere ai licenziamenti; e ha detto che siamo di fronte a segnali di fallimento del sistema cooperativistico. E’ mancata – ha detto – l’autocritica del management della cooperazione. Anche i consiglieri Cia, Fasanelli, Simoni e Degasperi hanno plaudito al testo e all’impegno dell’assessore Mellarini. Degasperi ha chiesto che la Giunta pretenda anche il pagamento della fidejussione cui Sait è legato in ordine ai vincoli occupazionali. Borga ha additato l’intreccio politica-cooperazione che ha minato il sistema, auspicando che la crisi Sait sia occasione perché i cittadini imprimano una svolta. Fugatti ha chiesto: se Sait di punto in bianco manda a casa 130 addetti, perché furono fatte tante assunzioni evidentemente in soprannumero? E ha notato che nelle Famiglie Cooperative sono in corso forti scontistiche, forse rese possibili proprio con i licenziamenti Sait: di fatto – ha detto – pagano i lavoratori per le aziende che non sono state capaci di stare sul mercato

Odg n. 23, Filippo Degasperi (Movimento 5 Stelle) – Salvaguardare lago d’Idro e fiume Chiese

Si prevede di salvaguardare la risorsa idrica del lago d’Idro e la tutela della biodiversità locale; di assicurare il livello del lago a 367,20 metri fino alla fine dei lavori di messa in sicurezza del lago e ancora di attivare un percorso partecipativo con le comunità locali, la Provincia di Brescia e la Regione Lombardia per una ciclopedonale attorno al lago d’Idro con funzione turistica. L’assessore Mauro Gilmozzi ha condiviso la definizione di questo testo e per questa via l’odg è stato approvato all’unanimità. Degasperi ha anche argomentato che la Pat dovrebbe ripensare il tunnel di Valvestino, che avrà costi per la Pat aggiuntivi rispetto allo stesso fondo per i Comuni confinanti.

Odg n. 24, Massimo Fasanelli (Gruppo Misto) – Misure a tutela dei padri separati

Si prevede la modifica urgente delle disposizioni sull’applicazione dell’Icef relative alla ex casa coniugale edilizia pubblica, che non farà più parte del patrimonio conteggiato dall’indicatore. Si tratta di una misura pensata per andare incontro alle situazioni molto difficili di molti padri separati. Parere favorevole dell’assessore Carlo Daldoss e unanimità dell’aula. Sono intervenuti Bezzi e Civettini.

Odg n. 25, Massimo Fasanelli (Gruppo Misto) – Trasporto pubblico integrato con la Provincia di Bolzano

L’obiettivo è mettere studenti e lavoratori trentini sullo stesso piano di quelli altoatesini, riguardo alle tariffe del trasporto pubblico quando si passa il confine provinciale. Il dispositivo è stato modificato e approvato all’unanimità: prevede di valutare abbonamenti a tariffa ridotta per i pendolari trentini sull’asta del Brennero e della Valsugana, quando la tratta supera i confini provinciali e comunque entro i nodi di Verona-Brennero e Bassano-Trento.

Odg n. 26, Massimo Fasanelli (Gruppo Misto) – Scenari futuri del gruppo pubblico Dolomiti Energia

Unanimità all’o.d.g. che prevede di valutare l’aggregazione con altre società del settore energia al fine di ampliare le potenzialità aziendali di Dolomiti Energia spa, mantenendo ferma la governance da parte dei nostri soci; e di salvaguardare la sede legale sul territorio trentino. Il testo muove dalle recenti trattative tra la spa trentina e Agsm Verona spa.

Odg n. 28, Lorenzo Baratter (Patt) – Particolari misure per le aree dei mocheni e cimbri

Dispositivo emendato con la Giunta e approvato all’unanimità. Impegna a definire in tempi ristretti interventi puntuali per lo sviluppo dei territori ladini, mocheni e cimbri, con particolare attenzione alle due minoranze più fragili, ossia quelle germanofone, la cui sopravvivenza è a rischio e i cui indici di spopolamento preoccupano. Il presidente Rossi ha condiviso gli intenti del testo e ha assicurato massima attenzione, citando innovazioni già adottate come quella di portare parte del call center dell’Azienda sanitaria a Luserna. Civettini si è detto sorpreso che debba servire uno specifico e nuovo impegno per agire a tutela delle minoranze linguistiche trentine. E ha lamentato per la presenza di una telecamera attivata in aula su questo punto da collaboratori di gruppo. Bezzi ha ammonito a non eccedere nella chiamata in causa continua delle minoranze linguistiche per difendere l’autonomia, perché si rischia di ottenere l’effetto contrario. Gli ha subito replicato il presidente Rossi, spiegando che nessuno sta stoltamente perseguendo questo obiettivo. Il consigliere ladino Detomas ha detto che in particolare la piccola comunità cimbra ha bisogno di politiche straordinarie e davvero innovative per essere salvata; e ha spiegato che il mese prossimo di minoranze trentine avrà modo di parlare in una sede parlamentare europea.

Odg n. 29, Lorenzo Baratter (Patt) – Incentivi agli studenti con 100 e lode alla maturità

Gli studenti diplomatisi con il massimo dei voti sono lo 0,6% in Trentino, contro l’1,1% nazionale. Le lodi sono state 24. L’idea è di esonerare già sul 2016/2017 questi studenti con lode dalle tasse universitarie del primo anno e di introdurre un voucher a compensazione della tassa. D’accordo l’assessora Sara Ferrari. Approvato con 1 no e 1 astenuto.

Odg n. 30, Chiara Avanzo (Patt) – Per il collegamento ciclabile tra Valsugana e Tesino

Si chiede di rendere più attrattiva la pista ciclabile della Valsugana, anche con adeguata pannellistica, e di confermare priorità alla realizzazione del collegamento tra la Valsugana e la conca del Tesino. Giunta favorevole, voto unanime dell’aula.

Odg n. 34 di Filippo Degasperi (Movimento 5 Stelle) e n. 41 di Maurizio Fugatti (Lega Nord Trentino)
Vallo-tomo di Mori, la Provincia sentirà un superconsulente

I testi – respinti – erano due per lo stesso tema di cui si è molto parlato e scritto. Il caso è quello dei due valli-tomi che si vorrebbero realizzare a Mori e ad Arco. La popolazione moriana è stata toccata da vicino e ha proposto soluzioni alternative molto interessanti (vallo tomo a monte e reti a valle; barriera ad alto assorbimento a monte; barriere paramassi a monte disposte su due linee) e d’altro canto il vallo-tomo così come previsto – questo ha detto oggi Degasperi – è incompatibile con l’ambiente locale e produrrebbe danni irreparabili. Si è chiesto allora di riaprire il confronto con i cittadini a fronte di criticità evidenti. Questo principio vale anche per Arco. Fugatti ha rafforzato l’istanza e chiesto di sospendere i lavori in corso a Mori per riavviare il dialogo. L’assessore Mellarini – che era stato sollecitato in particolare da Claudio Civettini ad aggiornare l’aula su questa tematica – a questo punto ha spiegato che l’intento è chiaramente quello di proteggere via Teatro a Mori, che sta sotto un masso pericolante e pericoloso: la scelta del vallo-tomo è stata fatta a ragion veduta ed è stata illustrata con 6 incontri in municipio. Abbiamo in ogni caso adottato un conchiuso ieri in Giunta – ha annunciato l’assessore – e deciso, visto l’alto livello di tensione cresciuto attorno a questo problema, di sentire un esperto super partes e di chiara fama internazionale, che si pronunci sulla scelta tecnica adottata dalla Pat. L’ha già scelto la Protezione Civile e si tratta del professor Giovanni Barla del Politecnico di Torino. Civettini ha elogiato l’assessore Mellarini, ma evidenziato anche la strategia non corretta e non aperta al confronto seguita fino a ieri dall’esecutivo provinciale, chiedendo che Rossi e Mellarini si dimettano se il superconsulente indicherà soluzioni diverse da quella adottata dalla Pat.
Il voto rispettivo sui due testi; 20 no, 10 sì; 20 no, 10 sì, 1 astenuto. Respinto 

Odg n. 35, Mario Tonina (Upt) – Per i negozi dei centri periferici e montani

Unanimità al testo che impegna l’esecutivo a sostenere i negozi ed esercizi periferici anche con l’assunzione di ulteriori servizi di rilevanza sociale; a riconoscerne il loro ruolo di interesse pubblico; a verificare presso la U.e. la possibilità di riconoscere loro ulteriori contributi; a valutare l’innovazione delle misure contenute nella delibera multiservizi del 30 settembre 2016, n. 1666. Favorevole l’assessore Alessandro Olivi. Zanon ha citato un proprio, analogo ordine del giorno votato l’anno scorso e che la Giunta non ha finora onorato. Soddisfatto del testo Detomas, perché si pensa anche alle località montane dove non c’è il turismo a dare competitività.

Odg n. 36, Mario Tonina (Upt) – Investire in ricerca e sostenere le Terme di Comano

Unanimità al testo che vuole garantire risorse allo strategico progetto di ricerca sul “ruolo del microbiota umano nella cura della psoriasi e dermatite atopica con acque termali alle Terme di Comano”, svolto dall’ateneo trentino tramite il Centro di Biologia Integrata. Devono essere ancora reperiti 100 mila euro sul costo complessivo di 276 mila euro.

Odg n. 37, Chiara Avanzo (Patt) – Urgono due tratti di collettore in Valsugana

Sistema di depurazione delle acque che confluiscono nel torrente Ceggio presso Torcegno. Si chiede di valutare con urgenza l’inserimento nella programmazione Pat delle opere igienico-sanitarie, anche attraverso stralci funzionali, dei due tratti di collettore Castelnuovo-Telve e Telve-Torcegno già in progettazione. Unanimità.

Odg n. 38, Mario Tonina (Upt) – Azioni a sostegno del comparto agricolo locale

Unanimità al documento che impegna la Giunta a garantire in modo strutturale e non temporaneo l’indennità compensativa dei minori redditi conseguiti dalle aziende agricole di montagna; a proseguire nella positiva valorizzazione del marchio Qualità Trentino; a sostenere la produzione locale di eccellenza che può utilizzare il marchio.

Odg n. 42, Walter Kaswalder (Patt) – Una nuova galleria sulla statale per la Vigolana

Unanimità all’impegno di effettuare uno studio di fattibilità per la modifica della strada statale 349 al Km 7,5, con galleria di circa 200 metri per risolvere un oggettivo problema di quest’arteria che collega Trento alla Vigolana.

Odg n. 43, Walter Kaswalder (Patt) – Marcia indietro sulle guardie mediche, no dell’aula

Respinto (20 a 11) il testo del consigliere autonomista laddove prevedeva di ripristinare il servizio di guardia medica nei territori più decentrati e distanti dagli ospedali; di mettere in campo un affiancamento formativo delle guardie mediche da parte delle strutture di pronto soccorso degli ospedali di valle; di concedere alle guardie mediche l’accesso alle cartelle cliniche informatizzate dei pazienti. L’assessore Luca Zeni ha espresso contrarietà netta sul punto 1, anticipando che la prima applicazione del nuovo assetto delle guardie mediche non sta creando criticità né picchi di accessi ai pronto soccorso. Sul punto 2 Zeni ha detto che già si sta procedendo come richiesto, sul punto 3 osta un problema di privacy all’idea di aprire l’intera cartella clinica del paziente. Cia ha detto che a Levico la guardia medica è stata riattivata, ma senza dirlo a nessuno, quasi un modo di precostituirne il fallimento statistico e dimostrarne la non necessità.

Odg n. 45, Gianfranco Zanon (Progetto Trentino) – Variante di Cles, il via entro la primavera

Dopo modifiche d’intesa con la Giunta, via libera all’impegno di dare inizio ai lavori per la nota variante di Cles entro la primavera del 2018, secondo le procedure di aggiudicazione della nuova gara e senza considerare i tempi di eventuali ricorsi. Bezzi ha detto che in effetti le opere stradali a Cles e a Mezzana vanno eseguite al più presto e senz’altro prima della annunciata circonvallazione del Tonale. Ossanna ha appoggiato il testo, Fugatti ha ricordato altre priorità datate, come l’allargamento della strada da Avio al veronese nel tratto più stretto. Quanto alla rotatoria del Tonale, Fugatti esprime il dubbio che ci siano località più accudite di altre dal governo provinciale.

Odg n. 48, Walter Kaswalder (Patt) – In soccorso ai territori svantaggiati Valsugana e Tesino

Il consigliere autonomista invoca un piano di lavoro che individui priorità e tempi di azione per affrontare la particolare crisi economica in Valsugana e Tesino, nonché una serie di interventi con “assoluta priorità giuntale” per il recupero di questi territori, dove la popolazione invecchia e decresce; infine iniziative per l’accesso a forme di credito agevolato per gli attori economici in difficoltà. La premessa del documento descrive un territorio parla di un turismo che non decolla e di una vera e propria emergenza sociale legata alla mancante sicurezza stradale sulla statale 47. Contrario l’assessore Carlo Daldoss, perché la Giunta sta già facendosi carico di queste criticità. Il voto: 20 no, 11 sì. Respinto 

Odg n. 49, Gianfranco Zanon (Progetto Trentino) – Lavoro, contrastare l’uso indiscriminato dei voucher

Il tema è quello dei voucher utilizzati come buoni lavoro nelle prestazioni occasionali di tipo accessorio, secondo la legge Biagi del 2003. Si propone – dopo una modifica condivisa con l’assessore Olivi – di intervenire in maniera incisiva per sviluppare una progressiva alternativa al sistematico utilizzo dei voucher, attraverso alternative come gli incentivi fiscali per l’incremento occupazionale anche stagionale. Anche Olivi ha riconosciuto che i voucher devono rappresentare una soluzione eccezionale e non sistematica, perché altrimenti si tolgono garanzie e diritti ai lavoratori. Bezzi ha commentato che Jobs Act e politiche del Governo hanno fatto disastri, e che la Pat dovrebbe fare di più sul fronte delle scuole professionali e di professioni un tempo ritenute umili (come quella del falegname). Il voto: unanimità.

Odg n. 42, Luca Giuliani (Patt) – Albergo diffuso, servono regole meno limitanti

Le regole attuali in Trentino per poter aprire un cosiddetto “albergo diffuso” sono troppo stringenti e limitano lo sviluppo di questo settore ricettivo. Si chiede allora di modificare la disciplina regolamentare vigente, riducendo i limiti di superficie previsti e la quota delle unità abitative che devono avere anche la cucina; si fa riferimento infine alle nuove categorie del “paese albergo” e del “residence diffuso”. Bezzi ha colto il destro per parlare di una campagna condotta casa per casa dalla cooperazione trentina, che propone prestiti in modo sicuramente disdicevole a fronte di famiglie in grande difficoltà economica. Il voto: unanimità.

Odg n. 51, Marino Simoni (Progetto Trentino) – Sì all’idrogeno sulla linea ferroviaria della Valsugana

Unanimità sul testo concordato da Simoni con la Giunta. Gli impegni: utilizzo di vettori ad idrogeno e realizzazione di distributori (in raccordo con la A22) lungo la Valsugana, qualora l’elettrificazione della relativa linea ferroviaria non andasse in porto; sostegno al “Treno delle Dolomiti” Trento-Feltre-Cortina, sempre nell’ottica della green economy e della oil free zone.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza